Cosa ho imparato viaggiando

Oggi mi sento ispirata.

Rifletto sui viaggi e sul viaggiare.

E mi chiedo che cosa ho imparato viaggiando?

1. Ho imparato che di solito si guarda al mondo dal proprio punto di vista che è culturale, mentre di punti di vista ne esistono tanti e anche molto diversi dal proprio

2. ho imparato che i cibi non sono universali e che ciò che è buono qui non necessariamente lo è da un’altra parte, ho imparato che noi mangiano il cavallo e gli spagnoli lo ritengono una barbarie cosi come noi crediamo che lo sia mangiare il toro, ed entrambi spagnoli e italiani pensiamo sia orrendo mangiare le cavallette come fanno in asia

3. ho imparato che è buono farsi dei programmi per un viaggio ma che è altrettanto bello sapersi slegare da ogni programma ed ogni schema per farsi sorprendere dal luogo che si sta visitando

4. ho imparato che se viaggi col paraocchi e cerchi l’italia in ogni luogo in cui vai torni a casa che non hai imparato proprio un bel nulla

5. ho imparato che viaggiare vuol dire darsi tempo per conoscere e che meno è meglio

6. ho  imparato che ogni crisi è anche un’opportunità e che anche la cosa più brutta come un incidente può portarti ad esperienze vere ed importanti

7. ho imparato che c’è tanta gente col cuore grande pronta ad aiutarti

8. ho imparato ad amare i miei limiti e se possibile a superarli

9. ho imparato che i bimbi africani non piangono perchè le loro mamme li portano sempre stretti a se

10. ho imparato che non c’è niente di certo se non la certezza che domani avrò più voglia di oggi di ripartire.

E voi dai vostri viaggi cosa avete imparato?

cosa ho imparato viaggiando

questa sono io nel 2007 in un pub sperduto del red center australiano, uno dei più bei viaggi della mia vita

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

36 commenti

  • Rispondi settembre 30, 2013

    Andrea da Bangkok

    impossibile non condividere e non avrei saputo descrivere meglio anche se c’è da dire che con l’età le priorità variano e quando si fanno i primi viaggi è difficile capire che meno è meglio -cosa che ora è anche per me un must! Grazie per la condivisione!

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      troppo buono!
      è vero anche a viaggiare si impara col tempo 🙂

  • Rispondi settembre 30, 2013

    Elena

    Adoro questo post perché si basa su un concetto fondamentale, ovvero che nel viaggio si impara. Condivido tutto ciò che hai scritto e ti aggiungo un mio “ho imparato” : “Ho imparato che a volte vale la pena posare la macchina fotografica e rimanere fermi ad osservare e ad ascoltare, nel tentativo di imprimere immagini, odori e suoni nella propria memoria perché un ricordo di questo tipo vale più di qualunque scatto.”

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      grazie 🙂

  • Rispondi settembre 30, 2013

    cristinapasin

    RT @miportovia: e cosa avrebbero risposto loro a questo post http://t.co/2J2bYaqXhT @cristinapasin @blogdiviaggi @BlogDiViaggi_ @blog100day…

  • Rispondi settembre 30, 2013

    Lucia

    Cappero.. mi hai preso in un momento in cui stavo scegliendo la canzone per il mio sito, e la stavo sentendo.. quando uno si vuole fare del male.. 🙂

    Ho imparato che esistono tante versioni, che sentiamo il peso di una cultura millenaria, che ci limita in qualche modo. Ho imparato che spesso basta fare un passo in più per scoprire un altro mondo. Basta girare l’angolo, e sinceramente non costa neanche nulla sondare altri punti di vista. Ho imparato ancora di più l’umiltà ed ad essere comprensiva. Ho imparato sempre di più a non perdermi in discussioni inutili, ad evitare ogni contatto con l’invidia, la polemica ed i pettegolezzi perchè mentre si è travolti da queste futilità, il tempo passa. Ho imparato che il tempo è prezioso, e mi maledico per sprecarlo spesso, crogiolandomi nel nulla. Ho imparato che bisogna fidarsi, e che farsi aiutare è una vittoria, non una sconfitta..E soprattutto che c’è sempre qualcuno pronto a farlo. Ho imparato l’essenziale. Il partire ed il tornare. Ho imparato ad apprezzare gli abbracci, che non sono mai sprecati, così come i sorrisi. Ho imparato a godere di ogni attimo, di ogni colore, e della fortuna che ho. Ho imparato a misurarmi con me stessa, senza pretendere troppo ma andando sempre oltre.

    E solitamente non sopporto mettere i link, ma questo è quello che ho imparato nel mio primo mese in Australia http://www.respirareconlapancia.it/viaggi/australia/followthesun.php

    e cosa penso del viaggio

    http://www.respirareconlapancia.it/viaggi/australia/betterpeople.php

    Piccole riflessioni su un sentimento che non sparirà mai..

    Grazie mille per aver condiviso questi pensieri..

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      grazie a te per aver condiviso le tue pagine 🙂

  • Rispondi settembre 30, 2013

    respirareCLP

    http://t.co/mSw9OkUJ6I cosa ho imparato viaggiando di @miportovia <3

  • Rispondi settembre 30, 2013

    miportovia

    RT @CabiriaM: Questo è uno di quei post sul #viaggiare che meritano D essere letti: via @miportovia http://t.co/Wnn0DWU9Sl

  • Rispondi settembre 30, 2013

    elenacrespi

    RT @miportovia: mentre scrivevo questo post http://t.co/2J2bYaqXhT mi chiedevo che cosa avrebbero scritto loro @CabiriaM @Giovyfh @viaggiov…

  • Rispondi settembre 30, 2013

    leli_pat

    Stamattina mi sono alzata e ho scritto questo pezzo:
    cosa ho imparato dai miei #viaggi

    Il viaggio è una grande… http://t.co/KyoyFWLENc

  • Rispondi settembre 30, 2013

    elenacrespi

    Viaggiando si impara. Ecco qualche riflessione interessante di @miportovia http://t.co/6ditpgdEL9

  • Rispondi settembre 30, 2013

    Chris

    Sarà banale dirlo,ma non esiste libro che insegni le cose che ho imparato viaggiando, l’importante è non dimenticare gli insegnamenti che differenti culture trasmettono ma custodirli come dei tesori,senza farli contaminare dalla nostra società che a volte ci rende letteralmente ciechi facendoci persino dimenticare l’importanza di un sorriso.

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      no Chris non è mai banale 🙂

  • Rispondi settembre 30, 2013

    francifragola

    http://t.co/N7yDXgy2ur ho imparato che non c’è niente di certo se non la certezza che domani avrò più voglia d oggi d ripartire @miportovia

  • Rispondi settembre 30, 2013

    ViaggiaredaSoli

    Condivido con piacere il post di Elisa di miprendoemiportovia una donna che stimo molto, dolce e con le palle!… http://t.co/gk2xnSyjfh

  • Rispondi settembre 30, 2013

    miportovia

    RT @francifragola: http://t.co/N7yDXgy2ur ho imparato che non c’è niente di certo se non la certezza che domani avrò più voglia d oggi d ri…

  • Rispondi settembre 30, 2013

    miportovia

    RT @elenacrespi: Viaggiando si impara. Ecco qualche riflessione interessante di @miportovia http://t.co/6ditpgdEL9

  • Rispondi settembre 30, 2013

    viachesiva

    RT @miportovia: oggi mi sento ispirata e scrivo “cosa ho imparato viaggiando” http://t.co/2J2bYaqXhT #viaggi #travel #blog #blogger

  • Rispondi settembre 30, 2013

    fashion4travel

    RT @miportovia: sarebbe bello sapere il vostro punto di vista http://t.co/2J2bYaqXhT @amisaba @respirareCLP @Manuela_Vitulli @Cri_FC @fashi…

  • Rispondi settembre 30, 2013

    SaraMiss83

    RT @francifragola: http://t.co/N7yDXgy2ur ho imparato che non c’è niente di certo se non la certezza che domani avrò più voglia d oggi d ri…

  • Rispondi ottobre 1, 2013

    Manuela_Vitulli

    RT @miportovia: sarebbe bello sapere il vostro punto di vista http://t.co/2J2bYaqXhT @amisaba @respirareCLP @Manuela_Vitulli @Cri_FC @fashi…

  • Rispondi ottobre 1, 2013

    Valenelmondo

    Cosa ho imparato viaggiando. Un bel post di @miportovia #viaggiare #viaggi #viaggiodasola http://t.co/7p1PHsusWk

  • Rispondi ottobre 1, 2013

    Cabiria

    Bellissimo post, Elisa, grazie per le riflessioni: ogni tanto fa bene fermarsi a guardare un po’ indietro, invece di correre avanti.
    Che ho imparato…ho imparato a viaggiare leggera, e il bagaglio non c’entra: se oltre a lasciare a casa quel paio di vestiti in più che non servono si lasciano a casa un po’ di convinzioni e di presunzioni di quelle che ti tengono a terra, e qualche retaggio culturale che funziona sì, ma giusto nel giardino di casa…allora sì che si porta a casa qualcosa, e non serve la valigia!
    Per fortuna questo mondo è troppo grande per essere scoperto in una vita sola 🙂

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      per fortuna 🙂 quindi ne abbiamo di posti da visitare vero?

  • Rispondi ottobre 1, 2013

    Amisaba

    Ciao Elisa, da quando su internet frequento viaggiatori come voi ho imparato moltissime cose molte delle quali rientrano nelle considerazioni che hai fatto tu in questo post. Dai viaggi che io ho fatto fino ad ora ho imparato che la persona più povera in Italia, dal punto di vista materiale, non lo sarà mai quanto una persona di alcuni paesi che ho visitato e questo porta sempre delle riflessioni che vorrei non dimenticare nel tempo che passa. Sto lavorando per avere sempre meno paura degli estranei e in questo mi ha aiutato anche il libro Io viaggio da sola di Maria Perosino, nella parte in cui dice “quando s’incontra una persona nuova, le possibilità che quella persona ci faccia del bene o ci faccia del male sono equamente divise al cinquanta per cento. Tanto vale scommettere sulla prima opzione, perché altrimenti magari ci si protegge, ma ci si priva di un’infinita serie di possibilità”

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      cara Amina

      la citazione è stupenda, mi hai fatto venire voglia di leggere il libro!

  • Rispondi ottobre 1, 2013

    Marco Famà

    wow… che bel post, complimenti.. davvero splendide riflessioni, riportate in maniera delicata… Grazie per averle condivise.
    Marco

    • Rispondi ottobre 3, 2013

      miprendoemiportovia

      grazie a te Marco per essere passato di qua!

  • Facile e bello rivedersi in queste parole, cara Elisa.

    • Rispondi dicembre 17, 2013

      miprendoemiportovia

      grazie! l’ho scritto così di getto…

  • Rispondi gennaio 23, 2014

    Agnese

    Soprattutto il punto 4 credo che in Italia dovrebbe essere preso in considerazione. SI va all’estero cercando l’Italia e alla fine si ritorna solo con tante critiche da fare senza aver capito nulla del post che si è visitato.

    • Rispondi gennaio 23, 2014

      miprendoemiportovia

      Che poi mi chiedo se sei disposto a dare così poco all’avventura e al viaggio cosa avrai indietro?

  • Rispondi ottobre 20, 2014

    Daniele

    Ciao, vi ho nominato in questo articolo http://www.aviationcoaching.com/si-impara-viaggiando/

    Leggendo il tuo articolo su cosa hai imparato viaggiando mi sono venuti in mente mille riflessioni che ho riassunto nell’articolo. Grazie!

  • Rispondi maggio 22, 2015

    LA CRI - OMINOUOVO

    Questo post è da stampare e da portare sempre con sè insieme al passaporto.

    • Rispondi maggio 22, 2015

      Elisa e Luca

      Cara Cri 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.