10 mostre di Fotografia Europea da non perdere in Via Roma

Ci sono storie che mi conquistano appena le sento raccontare, storie che sento mie, che mi coinvolgono fino a commuovermi. Mi è successo con via Roma a Reggio Emilia.

È bastato che le ragazze della Biosteria della Ghirba mi coinvolgessero nell’organizzazione del blog tour di Fotografia Europea che mi sentissi parte di lei.

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma a Reggio Emilia è una via piena di storia, di mondi che si toccano e cittadini che cooperano insieme.

La storia di Via Roma e dal popol giost

Via Roma Fotografia Europea circuito off

E’ la via dal popol giost, il popolo giusto in dialetto, la popolazione di Reggio Emilia che viveva di lavori manuali, la più povera. Questi abitanti avevano un proprio linguaggio, che conosceva solo chi frequentava questa perpendicolare della via Emilia, una delle arterie principali della città.

Se si percorre vicolo Venezia, ci ha spiegato il geo-storico Antonio Canovi, si può vedere un graffito che recita queste parole “al popol giost vuole la neve”. Due sono i significati di questa frase: uno si riferisce al fatto che buona parte del popol giost veniva impiegato dal Comune come manovalanza quando arrivava la neve (e questo voleva dire salario), l’altro invece è un messaggio in codice contro il fascismo che inneggiava alla speranza della caduta del regime.

Via Roma la via più pop di Reggio Emilia

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma è la via più popolare del centro storico di Reggio Emilia. Si divide in due parti: via Roma alta e via Roma bassa, con la Chiesa di San Giacomo a fare da spartiacque.

Via Roma alta è la via della Reggio bene, delle case signorili e dei palazzi storici di proprietà di banche e notai mentre via Roma bassa è multiculturale, incontro di razze provenienti da tutto il mondo, dal Sudamerica all’Est Europa passando per l’Africa intera.

C’è il ristorante Canossa, custode della cucina tradizionale reggiana a fianco della parrucchiera dominicana. C’è la sede della Cgil di fianco al take away tunisino. E’ una città nella città, dove vige su tutto una parola: solidarietà.

Via Roma a Reggio Emilia quando la cittadinanza è attiva per davvero

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Una delle frasi che mi ha colpito di più durante il nostro weekend in via Roma è la frase di Dina, di origine pugliese, che qui ci abita da trent’anni: “nelle altre città i cittadini si organizzano in comitati per la sicurezza, noi qui ci siamo uniti in un’associazione di quartiere che promuove lo sviluppo di questa parte della città. Noi non vogliamo dividere, vogliamo costruire insieme“.

L’energia che si respira a via Roma è proprio questa, è un’energia prorompente di chi vuole trasformare le cose e farle diventare bellissime. Chi abita in via Roma è felice di incontrare l’altro, chiunque esso sia, indipendentemente da dove questa persona provenga.

Via Roma e Fotografia Europea

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Durante le giornate di Fotografia Europea per due settimane via Roma si veste a festa: le case si aprono, i negozi si riempiono di foto e sulla strada s’incontrano strane sedie rosa. Sono il simbolo delle mostre del circuito OFF: 50 installazioni in appena 500 metri. Abbiamo passato in via Roma una giornata intera insieme ai dieci blogger ospiti della Ghirba, la biosteria della Gabella, fulcro della rinascita di via Roma. Ci è sembrato di percorrere quindici chilometri, non cinquecento metri, tanto è densa la proposta culturale.

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Cosa vedere durante Fotografia Europea in via Roma

“Questa non è la via Emilia” è il titolo delle cinquanta mostre del circuito OFF di Fotografia Europea che si potranno vedere fino al weekend del 13/14 maggio prossimo. Perché mentre la via Emilia scorre, via Roma vive.

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Ecco la lista delle mostre che più ci hanno emozionato e che vi consigliamo di non perdere:

  • “Arrivano gli alieni” presso Labart al Parco Santa Maria
  • “Traccia SS9” il viaggio notturno lungo la Via Emilia di Lorenzo Vignali
  • “Making Vulcano” all’Hotel City
  • “Chissà dov’è” di Sandra Lazzarini presso lavanderia Vanna al civico 1
  • “Paesaggi d’Emilia” di Micheal Kenna presso Galleria 13
  • “Opere poetiche” di Alessandra Calò presso il distributore automatico 24h
  • “Studio” di Irene Fenara sul terrazzo privato del civico 39
  • “Duplicating Beauty” di Katiusha Dallaglio al civico 22
  • “Darsi alla macchia” di Claudia Fabris che ha invitato gli abitanti a macchiarsi di cibo e ha messo le sue opere in mostra alla lavanderia a gettoni al civico 46/d
  • “Lis” di Giacomo Albertini in Piazza Scarpinelli, 8

Trovate tutte le informazioni sulle mostre a questa pagina www.ghirbabiosteria.it/fotografia-europea/

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Via Roma Fotografia Europea circuito off

Non dimenticate di scaricare l’app “Via Roma Trip” con le voci degli abitanti di via Roma, vi sembrerà davvero di citofonare ai cittadini e di ascoltare la loro storia direttamente dalle loro voci.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

3 commenti

  • Rispondi maggio 12, 2016

    davide pecorari

    Mi dispiace non vedere nemmeno uno scatto di “Attraversamenti” sicuramente l’aspetto meno accettabile,in effetti,della Via Emilia… le sue croci ed i “distacchi”. Dedicata a “Associazione vittime della strada”.Per attraversamenti piu’ sicuri,uomini ed animali.

    • Rispondi maggio 12, 2016

      Elisa e Luca

      Ciao Davide, tutte le 50 mostre di Via Roma sono veramente da vedere perché in un modo o nell’altro rispecchiano quello che è il mondo che scorre attorno alla Via Emilia. La nostra Top 10 è puramente personale! Quali sono state le tue preferite? Luca

    • Rispondi maggio 12, 2016

      Elisa e Luca

      Ciao Davide abbiamo visto la mostra “attraversamenti” senza dubbio di grande interesse come progetto. Lo scopo è davvero nobile. E’ la tua mostra?

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.