Isole Cook viaggio nel paradiso dall’altro capo del mondo

Oggi vi raccontiamo del nostro viaggio alle Isole Cook, un viaggio dall’altra parte del mondo, in Polinesia Neozelandese: quindici atolli e un cocktail di tradizione, accoglienza e clima perfetto.

Il benvenuto che abbiamo ricevuto appena atterrati alle Isole Cook è stato: “Welcome to Paradise” seguito a ruota da collana di fiori di frangipane e uno dei saluti, secondo noi, più dolci che abbiamo mai sentito: “Kia Orana” che tradotto assume un significato del tipo “che tu possa vivere a lungo una vita piena”.

Sono bastate questi piccoli gesti per farci innamorare all’istante e lo potete verificare coi vostri occhi guardando il video del nostro viaggio

Isole Cook Mappa

Prima di cominciare a raccontarvi il nostro splendido viaggio verso il paradiso facciamo chiarezza su dove si trovino le isole Cook qui sotto trovate la mappa:

isole cook

Isole Cook dove sono

Le isole Cook si trovano nell’ Oceano Pacifico meridionale, a sud dell’equatore. Fanno parte della Polinesia Neozelandese e sono un arcipelago di 15 piccole isole la cui superficie complessiva è  di 240 km²  e quella marittima è di circa 2,2 milioni di km². Potete immaginarvi quanto sono piccole rispetto all’Oceano?

Isole Cook clima

Le temperature minime delle Isole Cook non scendono mai sotto i 18 °C e variano dai 25 °C di agosto ai 30 °C di febbraio. Il clima è tropicale e anche nei mesi più piovoso il sole non manca mai. E’ il paradiso da ogni punto di vista non c’è dubbio!

isole cook

Isole Cook quando andare

La stagione delle piogge va da dicembre a marzo quindi il periodo migliore in cui andare è senza dubbio quello che corrisponde alla nostra estate-autunno. Considerate che Rarotonga è un’isola dove il tempo cambia rapidamente anche durante questo periodo. Noi siamo stati in agosto e per un paio di giorni il tempo è stato nuvoloso.

isole cook

La cosa interessante è che spesso se il tempo è brutto in una parte dell’isola, nella parte c’è il sole e viceversa quindi si tratterà solamente di scegliere la destinazione giusta, anche per questo motivo vi consigliamo di dotarvi di un mezzo di trasporto autonomo.

Isole Cook prezzi

Parlando di Polinesia molte persone pensano alla Polinesia Francese ma la Polinesia Neozelandese non ha nulla da invidiare in fatto di bellezza e di paesaggi. Io, Elisa, sono stata in entrambe e posso confermarlo senza alcun dubbio.

Inoltre le isole Cook hanno prezzi molto più abbordabili e offrono un’ampia gamma di alloggi a tutti i livelli economici. Ciò che ci ha colpito moltissimo è l’accoglienza delle persone che personalmente non ho trovato in Polinesia Francese dove la maggior parte dei turisti vive una vacanza in resort dedicata a mare e spiagge.

Per organizzare la vostra vacanza al meglio vi consigliamo di consultare il sito dell’Ente del turismo a questo link dove troverete informazioni e offerte di viaggio per rendere il vostro soggiorno indimenticabile.

Isole Cook fai da te

Alle Isole Cook si può noleggiare una macchina o uno scooter e vivere la vacanza in piena autonomia e anche questo aspetto contribuisce a rendere i prezzi delle Isole Cook alla portata di tutte le tasche. Potrete prenotare il vostro soggiorno direttamente online prima di arrivare. A Rarotonga abbiamo soggiornato al Moana Sands Beachfront Villas e sull’isola di Aitutaki al Paradise Cove, due posti da sogno che si affacciano direttamente sul mare. Della serie, apro la porta e mi tuffo direttamente in mare!

isole cook

Per i pasti e le cene ci sono moltissimi baretti sulla spiaggia e ristoranti locali molto carini, per chi volesse è anche possibile cenare nei migliori resort pur non essendone ospiti.

Noleggiare lo Scooter

Un avvertimento se avete intenzione di noleggiare uno scooter alle isole Cook: come in ogni viaggio che si compie fuori dall’Europa è decisamente consigliato avere la patente internazionale. Inoltre molto probabilmente nel caso vogliate noleggiare uno scooter vi verrà richiesto di sostenere un piccolo esame, perché sia sulla patente italiana che su quella internazionale è barrato solo il simbolo dell’auto, quindi i funzionari delle Isole Cook faticano a credere che la patente in nostro possesso autorizzi a guidare motocicli fino a 125cc di cilindrata.

Per quanto riguarda invece il noleggio auto nessun problema, basta semplicemente essere in possesso della patente italiana originale e di quella internazionale.

Isole Cook orario

Il fuso orario tra l’Italia e le Isole Cook è di dodici ore. Sì, siamo proprio dall’altra parte del mondo! Questo vuol dire che quando da noi è notte alle Isole Cook è giorno e viceversa. Ma cosa ancora più strana è che per volare dall’Australia alle Isole Cook si passa la linea del tempo e quindi se si parte, come abbiamo fatto noi, da Sydney alle sette di sera si arriva a Rarotonga alle sette del mattino dello stesso giorno. Si vive quindi lo stesso giorno due volte, non è fantastico?

Come arrivare

Voli Isole Cook

Le isole Cook sono collegate da voli aerei con la Nuova Zelanda, l’Australia, la Polinesia Francese e gli Stati Uniti. Le compagnie aeree che hanno voli per l’aeroporto di Rarotonga sono la Air New Zealand, la Air Tahiti, la Jetstar Airways e la Virgin Australia.

Noi abbiamo volato con Air New Zealand e ci siamo trovati benissimo, ve la stra consigliamo!

Dall’Italia conviene volare dalla Nuova Zelanda o da Sydney (magari aggiungendo un lungo stop over nella bellissima Australia, come abbiamo fatto noi) utilizzando una compagnia come Singapore Airlines, volare con loro è concedersi un piccola coccola. Da questi aeroporti un volo di Air New Zeland vi porterà direttamente a Rarotonga.

I voli interni sono gestiti da Air Rarotonga che collega l’omonima isola a Aitutaki, Aitiu, Manihiki, Mauke, Mangaia, Mitiaro, Penrhyn, Pukapuka.

Se viaggiate alle Isole Cook in fai da te vi consigliamo di consultare il motore di ricerca Skyscanner per trovare i voli più economici e con gli orari per voi più consoni.

Aeroporto Isole Cook

Alle Isole Cook esistono due aeroporti (Avarua e Avatiu) e 6 piccoli aeroporti ma l’aeroporto principale su cui arriva la maggior parte dei voli internazionali è quello di Rarotonga. Per arrivare a Aiututaki la maggior parte dei viaggiatori fa scalo sull’isola principale per poi volare nella splendida laguna.

Se ti piace questo articolo salvalo su Pinterest 

Viaggio alle Isole Cook

Il nostro diario di viaggio

Il nostro viaggio in Polinesia Neozelandese è stato un sogno ad occhi aperti. Ci sono mille cose che non dimenticheremo delle Isole Cook, queste in particolare:

– le persone, imponenti e felici, basta guardarli per capire che la vita è bella

Kia Orana, il loro dolcissimo saluto che al contempo è anche augurio di una vita piena

– la facilità con cui si può entrare in contatto con la comunità locale

– la laguna di Aitutaki che è davvero la più bella al mondo come sostiene la rivista Travellers

– le donne, la loro cultura matriarcale (sono le nonne a decidere per tutta la famiglia) e i fiori perennemente in testa anche in motorino

– la vegetazione rigogliosa, ché se il mare è di un celeste che abbaglia le colline di Aitutaki e le montagne di Rarotonga sono impressionanti

– il cocco in tutte le sue forme: da bere, da mangiare, come mashmellow e condimento per tutti i piatti della loro cucina

Manina che era così felice di tanta bellezza che ogni giorno chiedeva di poter rimanere per sempre (e con le lacrime agli occhi si è fatto tutto il viaggio di ritorno in aereo a Sydney guardando e riguardando Oceania)

Consigli di viaggio

Se state organizzando un viaggio alle isole Cook vi consigliamo di dotarvi di una buona assicurazione di viaggio. Per un viaggio in queste splendide isole non sono necessarie particolari vaccinazioni.

isole cook

Wifi

Il wifi è presente sull’isola ma è a pagamento praticamente ovunque, anche negli alloggi e nei ristoranti (a meno che non siate alloggiati in un resort ma vi consigliamo sempre di verificare prima di partire). Arrivati all’aeroporto vi consigliamo di acquistare un pacchetto wifi che vi permetterà di collegarvi ovunque anche se non sempre la connessione sarà delle migliori. Ricordatevi che siete dall’altra parte del mondo, approfonditatene per fare un po’ di digital detox e godervi il paradiso.

isole cook

Tour isole Cook

Ci sono alcuni tour che non potete assolutamente perdervi, vi consigliamo quindi di prenotarli per tempo:

  • Snorkeling: volete perdervi l’occasione di fare snorkeling in una delle barriere coralline più belle al mondo? Ovviamente no! Noi abbiamo fatto una splendida esperienza di kayak & snorkeling con KiteSup Watersports.

  • Tour in bicicletta: l’isola di Rarotonga non è “solo” spiagge e mare ma anche un’interno verde tutto da scoprire. Il modo migliore? Attraverso un tour in bicicletta con una guida local. Noi l’abbiamo fatto con Storytellers Eco Cycle Tours ed è stata una splendida esperienza
  • Reef Walk: per scoprire le bellezze del mare di Rarotonga e vivere un’esperienza davvero originale non perdetevi le camminate sulla barriera corallina in compagnia di Kura, che sfruttando la bassa marea, danno la possibilità di vedere da vicino stelle marine, murene e tantissimi animali dai colori più disparati
  • Tour in barca: l’isola di Aitutaki possiede la laguna più bella del mondo. Il modo migliore per godere di questa bellezza è sicuramente quello di partecipare ad un tour su una vaka, la barca tradizionale delle Isole Cook!

Bene viaggiatori, siete pronti per partire, salutateci il paradiso, siamo tornati da poco ma ci manca già tantissimo.

 

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.