Isola d’Elba: cosa visitare in 3 giorni

Buongiorno viaggiatori, la special guest di oggi è un’amica di vecchia data, si chiama Sara e ci siamo incontrate nella vita reale già un bel po’ di tempo fa. Oggi vi propongo il suo diario di viaggio all’isola d’Elba in tre giorni. Ve lo propongo perchè sono convinta che possa essere una destinazione interessante anche d’inverno e credo che, seppure Sara ci sia stata d’estate, possiate trovare nel suo diario di viaggio degli spunti interessanti, buona lettura!

Isola d’Elba: cosa visitare in tre giorni

In un caldo fine settimana di luglio sono partita per l’isola d’ Elba, avevo a disposizione un giorno in più e ho deciso di approfittarne per visitare questa splendida isola in un periodo di media stagione.

Al mattino del venerdì siamo partiti per Piombino per imbarcarci. Piombino è un buon porto per raggiungere l’Elba e da qui partono traghetti passeggeri e auto ogni ora e raggiungono in solo 45 minuti Rio Marina e in un’ora di navigazione Portoferraio.

Isola d'Elba cosa visitare in tre giorni

Consigli per andare all’isola d’Elba in traghetto

La prima cosa che suggerisco è: evitare di essere in ritardo! La regola dice di essere davanti alla barca circa un’ora prima ma si deve pensare che per raggiungere Piombno la strada è tanta e, così come è successo a noi, può capitare di trovare un inghippo e di perdere tutto l’anticipo pensato ed addirittura arrivare 6 minuti prima della partenza programmata.

Noi ci siamo appoggiati a Toremar, acquistando il biglietto sul sito web della compagnia.

Il secondo consiglio che vi do è quello di comprare un’assicurazione da solo 9 euro e di comprare il biglietto con la formula “ parti prima” che permette di imbarcarsi (salvo disponibilità), sulla barca precedente o su quella successiva.

isola d'Elba

 

Isola d’Elba: diario di viaggio

In 45 minuti ci ritroviamo a Rio Marina che è un bel paesino con un piccolo molo pieno di barche a vela, piccole case e minuscoli ristoranti. Abbiamo davanti a noi l’intera giornata visto che siamo sbarcati in perfetto orario alle ore 11.00 di mattina.

Andiamo alla ricerca del nostro appartamento/ B&B melo cotogno che si trova a pochi minuti dal molo.

La location è fantastica, c’è un bel giardino con piscina, due cani, un gatto e due persone disponibilissime! Nel nostro appartamento abbiamo aria condizionata, una stanza con un piccolo letto per neonati, un bagno e una cucina, il nostro piccolo giardino esterno, una televisione e lenzuola, tutto per 144 euro per due persone per due notti.

Ogni mattina si può scegliere di consumare la colazione a buffet nel giardino e comprende merendine, fette biscottate, frutta, yogurt, latte, caffè e torte.

Il costo è di 4 euro a persona, anche se personalmente io preferisco mangiare qualcosa di appena sfornato in un forno di passaggio per andare al mare.

Primo giorno: Barbacara

Abbiamo trascorso la prima giornata alla spiaggia di Barabarca che è una piccola striscia di sabbia con acqua blu e con parecchia vita sottomarina. Sulla spiaggia c’è un piccolo bar, alcuni ombrelloni e sedie a sdraio da affittare, ma c’è anche uno spazio libero per mettere il proprio ombrellone. C’è anche un parcheggio gratuito ma lo si deve raggiungere al mattino presto, altrimenti resta il parcheggio a pagamento a fianco della spiaggia.

Per la prima sera abbiamo scelto Capoliveri in cui ci siamo incontrati con alcuni amici e abbiamo cenato insieme all’ Osteria Lo Sgarbo

È un ristorante informale in cui è possibile scegliere piatti di pasta o di pesce; abbiamo mangiato 2 antipasti (polipo), 2 piatti principali (spaghetti allo scoglio e gnocchetti), 2 piatti di pesce, 2 piatti, vino, acqua e abbiamo pagato 105 euro. Lo chef ci ha offerto una torta.

Dopo cena, abbiamo visitato questo bellissimo villaggio sulla montagna. Per raggiungere il centro della città è possibile parcheggiare gratuitamente l’auto e prendere l’autobus gratuito.

Isola d'Elba cosa visitare in tre giorni

Secondo giorno: Sant’Andrea

Sabato abbiamo deciso di fare un giro panoramico per l’isola, quindi dopo la nostra colazione in B & B, ci siamo diretti per due ore da Rio Marina a Sant’andrea attraverso Marina di Campo, Fetovaia, Chiessi, Pomonte.

Oltre le scogliere potevamo ammirare i bei segreti dell’isola, piccole spiagge private o altre spiagge pubbliche ma le spiagge libere erano già tutte piene perchè ormai si eran fatte le 11 di mattina.

Abbiamo scelto Sant’andrea! C’è una strada stretta lungo la collina e alcuni posti auto dove si paga una posteggio per tutta la giornata ed è molto vicino alla spiaggia. Appena si entra in spiaggia si ha una piccola caletta al centro. Sul lato sinistro ci sono alcune rocce levigate dove si può stare con l’ombrellone e dove si può comodamente entrare in acqua semplicemente usando le scarpe da roccia.

Se si cammina su queste rocce, si arriva alle piscine naturali che sono piccole insenature naturali dove è possibile entrare nel mare molto più facilmente. L’acqua è molto bella e il mare è calmo rispetto al mare aperto.

La vita sottomarina è molto interessante, l’unica cosa negativa è la temperatura sopra la roccia, senza ombrellone non si può resistere.

Dopo una giornata abbastanza scottante abbiamo scelto di cenare all’ Osteria Locanda Cecconi, situato nel centro di Porto Azzuro con una bella distesa sulla zona pedonale. Abbiamo mangiato un antipasto, un primo piatto e due piatti di pesce, una bottiglia di vino e abbiamo pagato 63 euro.

Dopo la cena abbiamo visitato Porto Azzurro, un piccolo villaggio dove bere qualcosa o ammirare il mare dal molo.

Isola d'Elba cosa visitare in tre giorni

 

Terzo giorno: Sansone

Per l’ultimo giorno sull’isola, abbiamo deciso di fare colazione in una panetteria e poi di partire alla volta di Sansone, per parcheggiare qui è molto importante arrivare al mattino prima delle 9.30.

Bisogna lasciare l’auto in strada ed esistono pochi spazi, quindi se hai molto a cuore la tua auto bisogna davvero partire presto al mattino.

Per raggiungere la spiaggia bisogna percorrere circa 20 minuti di stradina e sentiero ben tracciato, è meglio utilizzare scarpe da corsa e non infradito.

Sansone è una spiaggia di ciottoli bianchi dove è possibile trovare un bar e alcuni ombrelloni da noleggiare o una spiaggia libera . Vi suggerisco di portare molta acqua e cibo e rilassarvi in questo bellissimo posto. La vita sottomarina è meravigliosa. Abbiamo visto una stella marina e branchi di pesci anche verso riva.

Nel pomeriggio il tempo era nuvoloso, quindi abbiamo scelto di prendere la barca prima rispetto alla nostra prenotazione, il tutto possibile grazie alla nostra formula “parti prima”, evitando così l’inceppamento stradale tipico dell’Italia di luglio.

Suggerisco di visitare l’Elba con più tempo di quanto avevo io, direi di calcolare circa una settimana per essere in grado di vistare le altre spiagge come Pomonte e Fetovaia che penso siano i migliori posti dell’isola.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.