5 buoni motivi per andare a Roma

C’è sempre un buon motivo per andare a Roma. Un concerto, una mostra o semplicemente la voglia di stare insieme.

Amo Roma con tutto il mio cuore perché per me rappresenta l’essenza dell’amicizia. Ogni volta che io e Silvia vogliamo farci un regalo andiamo a Roma. Non siamo abitudinarie in niente io e lei ma quando andiamo a Roma tutto cambia. E ogni volta torniamo sui nostri passi in una sorta di routine che fa bene al cuore.

5 buoni motivi per andare a Roma

andare a Roma

Ed eccola qui la nostra routine a Roma. Una lista molto personale delle 5 cose che facciamo ogni volta che organizziamo le nostre vacanze a Roma.

Pranzare da Perilli

La prima cosa che facciamo quando decidiamo di andare a Roma è prenotare un pranzo da Perilli, un’osteria del Testaccio dove a nostro avviso cucinano la migliore gricia di tutta Roma. L’atmosfera è quella della classica osteria con le tovaglie a quadrettoni e la gente ruspante seduta ai tavoli. E’ il nostro personale benvenuto qui.

andare a Roma

Contatti: Osteria Perilli Via Marmorata, 39 tel. 06 575 5100

Fare un giro a Trastevere

Non c’è motivo di andare a Roma senza passare a Trastevere. Sarà un cliché lo so, ma per me Trastevere è un gioiellino che non posso mancare ogni volta che vado a Roma. La penultima volta che sono stata a Trastevere ci ho anche dormito e non vi dico la gioia di svegliarmi qui la mattina. Passeggiare per i suoi vicoli coi panni stesi al sole e le casine colorate mi da pace. Se capitate a Trastevere verso sera andate a fare l’aperitivo da Freni e Frizioni dove viene allestito il lungo bancone al centro del locale con ogni tipo di cibo e i bar tender preparano cocktail indimenticabili ed estremamente originali.

andare a Roma

Poi dirigetevi poco più avanti e chiedete una bottarella al civico undici in vicolo del cinque, impossibile sbagliarvi perchè la fila arriva fino a fuori il locale. Se invece amate la birra artigianale il vostro posto è il Ma che siete venuti a fà, Macche per gli amici che offre birre artigianali di ogni tipo.

Mercato di campo dei fiori

Solitamente prenotiamo un hotel a Roma in centro (quando viaggiamo insieme non siamo tipe da hotel romantici o hotel per viaggi d’affari a Roma cerchiamo sempre qualche piccola chicca particolare in cui alloggiare) perché il primo giorno in cui decidiamo di andare a Roma ci piace far colazione sulla piazza di campo de Fiori e annusare il mercato che si svolge qui ogni mattina.

andare a Roma Al suo centro si erge la statua di Giordano Bruno simbolo della piazza perché fu proprio qui che questo frate filosofo ed eretico fu condannato al rogo nel 1600 dall’Inquisizione. Ogni mattina intorno a lui nascono numerose bancarelle che a sera magicamente scompaiono per riapparire la mattina successiva in un continuo alternarsi di pieno e vuoto.

Vedere l’ultima mostra del MAXXI

Una grande opera dell’architetto anglo-irachena Zaha Hadid, il Maxxi, polo museale dedicato alle arti contemporanee, sorge negli edifici della ex Caserma Montello nel quartiere Flaminio di Roma.

andare a Roma

Fino al venti maggio 2018 qui si potrà ammirare Home Beirut: Sounding The Neighbors una mostra molto interessante dedicata al rapporto tra Europa e Medioriente che presenta i lavori di 36 tra artisti, architetti, registi, musicisti, ballerini, ricercatori, attivisti che danno voce con forme espressive diverse riflessioni critiche sulla recente storia di conflitti.

Contatti: Via Guido Reni, 4/A Orari: dal martedì a Domenica dalle 11.00 alle 19.00

Assistere ad un concerto al Palalottomatica

Capolavoro dell’architettura italiana progettato in occasione delle Olimpiadi del 1960 è la più grande struttura per eventi della capitale (se come noi organizzate un viaggio a Roma per assistere ad un concerto vi consiglio di cercare qualche hotel per eventi a Roma che sorgono nelle sue vicinanze).

andare a Roma

Qui, lo scorso weekend, abbiamo assistito al concerto di addio (o forse no) di Niccolò Fabi.

Ed ora tocca a te quali sono i tuoi posti del cuore a Roma?

Post offerto da Barcelò. 

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.