Vi regaliamo un soggiorno a Siena all’Hotel Borgo Grondaie

Cari lettori è un bel po’ che aspettavamo questo giorno e finalmente è arrivato. Il re-styling del blog è on-line e noi vogliamo festeggiare facendovi un regalo. Grazie alla collaborazione con l’Hotel Borgo Grondaie uno di voi potrà soggiornare con un accompagnatore per due notti nelle campagne senesi celebrando così il passaggio al .it di miprendoemiportovia. A noi sembra una notizia stupenda, non credete?

L’hotel Borgo Grondaie si trova a soli due kilometri da Siena ed è realizzato in un‘antica fattoria toscana che è stata completamente rinnovata nel 2001. Mantenendo le caratteristiche dell‘ambiente rurale, Borgo Grondaie offre ai suoi ospiti la possibilità di scegliere tra soggiorni in Hotel oppure in appartamento, entrambi arredati in tipico stile toscano e dotati dei migliori confort. La residenza è circondata da quattro ettari di Parco e da una piscina di acqua salata che permettono di vivere una vacanza rilassante e immersa nel verde a pochi passi dalla città.

Ecco come fare:

1. diventare fans di miprendoemiportovia e dell’Hotel Borgo Grondaie su Facebook

2. condividere questo post sul proprio profilo facebook, twitter o su qualsiasi altro tipo di social network

3. lasciare un commento a questo post su ciò che vi evoca la frase “Autunno in Siena” entro giovedì 11 Ottobre 2012 con il vostro indirizzo e-mail (per rintracciare il vincitore)

Ad insindacabile giudizio di Elisa e Luca di miprendoemiportovia sarà scelto colui o colei che avrà lasciato il commento più originale e potrà così beneficiare di un soggiorno “Autunno in Siena”.

In bocca al lupo a tutti e datevi da fare!

 
 

 

 

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

78 commenti

  • Rispondi settembre 27, 2012

    Giovy

    L’autunno a Siena è un impasto di colori ocra e del rosso rubino del vino.
    Questo impasto va cotto, gustato, amato, assimilato e lasciato crescere dentro al cuore.

  • Rispondi settembre 27, 2012

    Andrea da Bangkok

    Se uno soffre di depressione e nostalgia l’autunno è un’aggravante alla sintomatologia. Un soggiorno a Borgo Grondaie sarebbe una terapia perfetta per mia madre…

    Scherzi a parte, complimenti per il restyling!

  • Rispondi settembre 27, 2012

    miprendoemiportovia

    @giovy che poesia, complimenti! @andrea ci fai sempre ridere!

  • Rispondi settembre 27, 2012

    silviaceriegi

    siamo già fans di entrambi…e vi apprezziamo sul serio!
    autunno a siena…sapete che sto preparando un post con le idee weekend per l’autunno ed avevo pensato proprio a siena e alle colline toscane? non l’ho mai visitata in autunno, ma nell’aprile 2005 è stata la prima vacanza da “col mio ragazzo”, che ora è mio marito. sarebbe bello rivederla in tre!
    finger crossed!

  • Rispondi settembre 27, 2012

    silvia

    “Dove vanno a finire le foglie arrossate che il vento stacca dagli alberi?
    Volano e passano: il brusio del vento è tutto quello che rimane dell’autunno”.
    Faccio mia questa frase e ve la regalo, perchè credo sia un’immagine molto bella per rappresentare questa stagione. Baci!

  • Rispondi settembre 27, 2012

    Veru

    Ohhhh autunno a Siena per me è ricordo di università!! 😀 Ma onestamente oggi come oggi lo regalerei a mia mamma che ne ha particolarmente bisogno, se non altro per ricordarsi che ormai la figlia è vecchia e a Siena ci va solo per mangiare e per lavoro e non ci studia più! 😀
    (bello il nuovo sito! Vi seguo già)
    Ciauz!

    • Rispondi settembre 27, 2012

      miprendoemiportovia

      Veru grazie davvero per il sostegno che ci dai. Cosa hai studiato a Siena?

  • La mamma è sempre la mamma! vero Veru?

  • Suoni, colori ed emozioni.
    Mille cinguettii in volo su terre rosse.
    Le nuvole giocano con il vento.
    Il sole impallidisce alla bellezza del paesaggio, per poi arrossire al saluto della luna.
    E’ Siena in autunno.

    Michaela
    Il mio indirizzo ve lo lascio quando vi invio l’email 🙂 Ma mi potete contattare anche sempre via twitter!

    • Rispondi settembre 27, 2012

      miprendoemiportovia

      Grazie Michela anche per te compimenti per questa stupenda poesia

    • Bella l’immagine del sole che impallidisce per poi arrossire!

  • Rispondi settembre 27, 2012

    acasadiclara

    voglio andare a siena e sedermi un’altra volta in piazza del campo e vedere i miei figli correre su e giù senza sosta aspettando il tramonto e immaginando il palio visto mille volte solo in tv. e poi. e poi andare tra cipressi, colline e campi arati, fermare la macchina e camminare a piedi sullo sterrato a zonzo e senza tempo. per questi luoghi , antichi ma ogni volta nuovi. autunno in terra di siena per festeggiare lunghe amicizie e fare nuovi incontri. MAGARI!!!!!

  • Rispondi settembre 27, 2012

    TooMuchVale

    L’autunno a Siena è un viaggio nei colori più belli di questa parte di Toscana, da me tanto amata. Un viaggio fatto di sapori, odori e rumori. Rumori delle grida di felicità del mio nano che va alla scoperta di una nuova terra.
    L’autunno a Siena è una cartolina indelebile da tenere in bella vista e guardare sognante quando le giornate sono grige e tristi.
    E poi l’autunno a Siena è meglio di un autunno a New York e io sono più simpatica di Julia Roberts 😉

  • Rispondi settembre 27, 2012

    Gabriella Perrera

    L’autunno a Siena me lo immagino come un meraviglioso dipinto d’autore. Immergersi nella natura più genuina e autentica, assistere a un’esplosione di colori caldi che tingono le foglie di giallo, rosso e arancione, accarezzare con lo sguardo le dolci colline toscane e lasciarsi travolgere dall’odore avvolgente delle caldarroste che sfrigolano sul fuoco e del vin brulè. Sono queste le cose che io farei.

    • Rispondi settembre 27, 2012

      miprendoemiportovia

      mmm che bella immagine quella delle caldarroste

  • Ahahaha TooMuchVale! ok, sulla parola ti crediamo che sei più simpatica di Julia Roberts ma…. anche di Winona Ryder? 🙂

    • Ops! ho sbagliato destinatario sopra… fa niente…. 🙂
      Le caldarroste…. è vero…. bella immagine. A Siena c’è un omino, sempre lo stesso, che sistema tutto il suo ambaradan vicino a Piazza Matteotti. Oramai è diventato familiare a tutti.

  • Rispondi settembre 27, 2012

    giuliana vignoli

    Sarebbe un sogno! Ultimamente non sogno molto. Complimenti e Auguri per tutto

  • Rispondi settembre 27, 2012

    Isabella

    “Autunno in Siena” sa di buono e genuino. Mi fa pensare alla magia della natura che cambia e si prepara al freddo invernale. Autunno in Siena è una cioccolata calda dopo una giornata nel bosco!

    • Isabella, se ti piace il bosco ti piacerebbero anche gli itinerari da fare a piedi nella Montagnola senese, tra Ville, Pievi e Castelli!

  • Ciao Giuliana, non ci conosciamo ma ho dato un’occhiata al tuo blog e penso che una persona come te che ha la passione per la cucina non può sognare poco 🙂 In bocca al lupo per tutto!

    • Rispondi settembre 28, 2012

      miprendoemiportovia

      per Giuliana: quoto @borgogrondaie siamo d’accordo! e complimenti per il blog

  • Rispondi settembre 28, 2012

    Simone

    La morbidezza delle colline ricoperte dalle foglie gialle, arancio, rosse mosse dalla brezza del vento. I contadini che raccolgono l’uva per la vendemmia e sullo sfondo il campanile di qualche paesino medievale. Un cielo azzurro turchese solcato da un paio di nuvolette bianche.

    • Rispondi settembre 28, 2012

      miprendoemiportovia

      che meraviglia l’immagine del cielo turchese!

  • Rispondi settembre 28, 2012

    Cristina Pasin

    Camminando tra i suoi vicoli acciottolati,
    penso all’Autunno, i suoi colori sono arrivati.
    Il rosso delle foglie che si appoggiano sui tetti,
    di un marrone brillante, di una Terra che non ti aspetti.
    Il giallo vivace delle pappardelle fumanti,
    si sposa bene con il rubino di un calice di Chianti.
    Il bianco e nero del Duomo ti conquista gli occhi,
    mentre l’orologio della Torre batte i suoi rintocchi.
    Dalla sua sommità si gode di un panorama verdeggiante,
    ma lo sguardo è rapito dalla Piazza a conchiglia, brulicante.
    Scendo, mi sdraio e guardo verso il cielo azzurro,
    mi torna in mente l’Autunno: è Siena, mi dico in un sussurro.

    • Rispondi settembre 28, 2012

      miprendoemiportovia

      ebbene sì è Siena! ci ha colpito l’immagine: il giallo vivace delle pappardelle fumanti,
      si sposa bene con il rubino di un calice di Chianti. Che fame…e che bontà, sentiamo il profumo 🙂

  • Rispondi settembre 28, 2012

    federica dolcevita

    Siena dipinta di rosso,
    all’alba di un autunno di vino…

    • Rispondi ottobre 1, 2012

      miprendoemiportovia

      cara Federica

      molto bello il gioco di parole…come il tuo avatar…viene forse da “margherita dolcevita”? 🙂

  • Rispondi settembre 28, 2012

    Giuditta

    “Autunno in Siena” è per me legato al dolce ricordo di una coppia innamorata che festeggiò in giro per la città dieci anni di vita insieme e decise tra i fasti del Rinascimento di rinascere come coppia nel matrimonio. Adesso tornerebbe sul luogo del delitto a dieci anni di distanza con due splendide bambine di 7 e 5 anni per festeggiare il loro ventesimo anniversario di fidanzamento e il decimo di matrimonio. Quando? Guarda caso proprio il 12 ottobre, la data giusta per ricevere un meraviglioso regalo da miprendoemiportovia e da BorgoGrondaie!

    • Rispondi ottobre 1, 2012

      miprendoemiportovia

      mmmmm…interessante!

  • Rispondi settembre 29, 2012

    saramaringa

    L’autunno a Siena stimola la mia immaginazione che inesorabilmente quando si attiva per partire virtualmente, si divide sempre almeno in tre identità: da mamma immagino di poter trovare qualcosa di bello per i miei figli, dei parchi dai colori del rosso-giallo autunno con i giochi semplici che piacciono ai bimbi, dei castelli che si trasformano subito in una nuova fiaba, dei gradini e dei muretti da cui saltare su e giù, dei musei archeologici, botanici o particolari che possano attirare la loro attenzione; da donna spero di trovare alimento per la mia passione che è il vino e la cucina, per imparare sempre cose nuove e immergervi tutti i miei sensi; da moglie pregusto panorami mozzafiato, caldi e acuti sapori d’autunno nei piatti e nei bicchieri, occhi pieni di gente e di nuovo, orecchie colme di una splendida lingua toscana, che risuona in ogni cosa che incontri, e ti fa sentire nel posto giusto con la persona giusta.

  • Rispondi settembre 29, 2012

    loprieno lucia

    pensavo che certi posti li avevamo solo noi del sud ma,questo è un grande errore.Ho ammirato e guardato i vostri posti ne sono rimasta estasiata. Non ho bisogno di fare nessuna rima significherebbe guastare ciò che è già poesia

    • Rispondi ottobre 1, 2012

      miprendoemiportovia

      anche voi, cara Lucia avete veramente tanti bei posti ma come del resto tutto il nostro amato Bel Paese e il nostro Mondo 🙂

  • @saramaringa bello questo abbinamento di desideri alla tua triplice identità! aggiungo che Siena sarebbe in grado di esaudire ogni tuo desiderio 🙂

    • Rispondi ottobre 1, 2012

      miprendoemiportovia

      ma che meraviglia questo Borgo Grondaie che risponde ai commenti lasciati dai partecipanti! E che bello che questo blog diventi sempre più spazio di e per tutti

  • Ci abbiamo preso gusto @miprendoemiportovia, E poi, i tuoi lettori sono dei poeti!

    • Rispondi ottobre 2, 2012

      miprendoemiportovia

      meravigliosi lettori!

  • Rispondi ottobre 3, 2012

    daniela candini

    L’autunno in Siena? Beh io la Toscana non l’ho vissuta finora come vorrei anche se abitando in Emilia sono poco distante… Quando ho fatto visita a quelle splendide colline un paio di autunni fa, dopo soltanto un anno che conoscevo il mio attuale fidanzato, e ho gironzolato per le piccole vie di Montepulciano ho provato sensazioni uniche nel loro genere.. l’atmosfera che si respira in quei posti, il calore delle persone e il profumo dei cibi e dei vini rendono la Toscana la regione in cui vorrei vivere..E girando nei borghi antichi, quando il sole scende, tenendo la mano della persona che amo, ho deciso che sarà la Toscana la terra dove ci sposeremo.. Nell’attesa che si realizzi questo bel sogno vorrei continuare ad esplorare nuovi posti in quella magica terra e sarei felicissima poter condividere con voi questa esperienza..

    • Rispondi ottobre 3, 2012

      miprendoemiportovia

      Ciao Daniela

      wow la Toscana terra del vostro matrimonio? fra le colline ondulate? Molto bella come immagine
      grazie di aver partecipato

  • Rispondi ottobre 3, 2012

    manuela chiaffi

    C’era una volta Borgo Grondaie, paese immerso nelle colline senesi che pero’ tutti chiamavano il paese della cuccagna. Si raccontavano cose meravigliose di quel paese, leggende di magie ed eventi straordinari. In molti partirono per raggiungere questa terra ma in pochi sapevano che l’unico modo per accedervi era scrivere una lettera molto originale, metterla dentro ad una scatola di ferro e cavi, e inviarla a Regina Elisa e Re Luca, ambasciatori di Borgo Grondaie. In seguito il segreto si diffuse e in tanti provarono ma solo quando le foglie iniziarono a cadere e il sole caldo inizio’ a lasciare posto alle nubi grigie, si sarebbe svelato il verdetto dei due ambasciatori.. che la gara abbia inizio e che vinca il migliore!

    • Rispondi ottobre 4, 2012

      miprendoemiportovia

      che narratrice! mentre leggevo vedevo la narrazione…

  • Autunno in Siena per me è meglio di estate in Sardegna.
    E’ meglio di inverno a Cortina, o di primavera in Umbria.
    E’ la stagione che si sposa meglio con il carattere di chi sa vedere nell’arancio delle foglie che cadono, quiete e rifugio per l’anima, camminando per i colli del Chianti.

    E’ il calore che ti arriva da ogni mattoncino degli edifici mentre cammini in città, e il gusto, di ogni volta che ti fermi a tavola.

    E’ la stagione di chi vorrebbe godersela sorridendo, mentre si dirige in piazza del Campo.

    • Rispondi ottobre 4, 2012

      miprendoemiportovia

      Ma che bello questo intervento sembra un gingle!

  • Ciao Daniela, a Borgo Grondaie abbiamo ospitato diverse spose che hanno scelto Siena come location per il loro matrimonio e le foto in Piazza del Campo giustificavano senza se e senza ma una tale scelta 🙂

    • Rispondi ottobre 4, 2012

      miprendoemiportovia

      e del resto non ci sono se e non ci sono ma quando si parla di Siena! figuriamoci sceglierla come location del proprio matrimonio

  • Rispondi ottobre 4, 2012

    Lucia

    La Toscana è una regione unica al mondo. Ha colori, profumi, facce, che non si vedono da nessun’altra parte. Così come ogni stagione ha i suoi colori e i suoi profumi che la rendono unica… Unire due cose uniche al mondo come Siena e l’autunno, mischiare insieme le sensazioni che possono creare deve essere un’esperienza incredibile, un banchetto per occhi affamati di meraviglia come sono quelli di un viaggiatore.

    • E’ proprio così @Lucia; Siena e dintorni aggiungo io in autunno sono due cose uniche al mondo. Personalmente il paesaggio delle Crete senesi lo trovo imperdibile in autunno.

  • Rispondi ottobre 4, 2012

    Alessandra

    non sono mai andata a siena in autunno, provvederò al più presto 😉 da tutto quello che leggo dev’essere bellissimo!

    • @Alessandra, la natura aggiunge sempre qualcosa in più a Siena durante le stagione; persino d’inverno quando qualche volta nevica, ultimamente almeno una volta all’anno 🙂

      • Rispondi ottobre 6, 2012

        miprendoemiportovia

        wow Siena e i paesaggi dell’intorno con la neve devono essere veramente di una suggestione unica.

  • Rispondi ottobre 4, 2012

    andrea gani

    relax, colori , odori , profumi, sapori ; un’indicibile allegoria di sensazioni che potrà travolgere chi asaporerà l’autunno a Siena.

  • Rispondi ottobre 4, 2012

    martinauras

    A Siena, ci sono sempre stata solo in giornata, prima per studio poi per la mia tesi…
    dunque non posso farmi sfuggire l’occasione di partecipare a questa iniziativa 🙂 ecco il mio Autunno in Siena:

    Profumo di mosto nell’aria, a terra
    un tappeto di foglie
    brevi temporali lavan via gli ultimi resti dei bagordi d’un’estate oramai trascorsa.
    Siena dopo essersi tersa, indossa più sobria veste ocra-amaranto,
    prima che del tutto si spogli ed esausta riposi in attesa di gozzovigliare di nuovo.

    • @Martinauras quel ‘brevi temporali lavan via gli ultimi resti dei bagordi’ è proprio l’immagine di Piazza del Campo in autunno in tarda serata quando dopo un temporale i nove spicchi che la compongono in ricordo del Governo dei Nove brillano per il riflesso dell’acqua con le luci e in giro solo qualcuno di passaggio che osserva ammirato oppure distratto 🙂

  • Rispondi ottobre 4, 2012

    Claudia

    Siena nella sua atmosfera autunnale e con tutti i suoi saliscendi evoca un quadro a tempera che fa mischiare i colori tra loro con sfumature calde che ti avvolgono di ocra e di rosso.
    Oltre l’orizzonte la campagna con le sue colline dorate rimanda al profumo dell’uva, di quel bel frutto maturo che raccolto e divenuto vino ha la magia di portare la gioia in tavola e di inebriare i cuori dei commensali che non riescono a fare a meno di contemplare la bellezza autunnale che li circonda.

  • Quando ero bambina, l’autunno era una stagione triste, credevo.

    Mio padre diceva di no. Di non guardare il cielo plumbeo, ma le foglie colorate, rosse, gialle, marroni.
    Non capivo allora. Lo capisco ora.

    L’autunno è una stagione che si impara ad amare crescendo, quando anche le sfumature crescono.
    Così, io ora, guardo il cielo grigio e sorrido perchè so che, quando abbasserò lo sguardo, vedrò i mille colori dell’autunno.

    Ecco questo per me è il signifato della parola “autunno”, ovunque. Anche a Siena, quindi 🙂

    • Rispondi ottobre 5, 2012

      miprendoemiportovia

      l’autunno è una stagione in cui si torna un po’ alla tana, al nido, le giornate si accorciano, si accendono i camini, il paesaggio si arrossa e si prepara all’inverno. Autunno metafora della vita quando rallenta. Hai ragione Valentina, l’autunno si apprezza col diventare grandi prima è troppo presto 🙂
      grazie

  • Rispondi ottobre 7, 2012

    Aurora Domeniconi

    Se la collina ti rasserena,
    volgi il tuo sguardo attorno a Siena.

    In autunno il panorama è ancor più bello,
    beato il vincitore, magari fossi io quello!

    • Rispondi ottobre 7, 2012

      miprendoemiportovia

      in rima! fantastico 🙂

  • Rispondi ottobre 9, 2012

    michelabocedi

    Autunno di Siena bel soggiorno si spera!!! mail: michiboc@yahoo.it

    • Rispondi ottobre 10, 2012

      miprendoemiportovia

      già! e ci siamo quasi, -2 giorni al vincitore 🙂

  • Rispondi ottobre 10, 2012

    Eleonora Nobili (@EleonoraNobili)

    Ho un rapporto profondo, pulito quasi intimo legato alla Toscana.
    Rappresenta per me e per il mio compagno una fuga d’amore, una fuga dallo stress del lavoro, dello studio, dal “grigiume” della città…una Fuga dipinta in un’atmosfera calda, accogliente con colori e profumi da togliere il fiato, ogni volta come se fosse la prima.
    Da quattro anni a questa parte abbiamo scoperto Firenze e le colline limitrofe, Lucca e i suoi oliveti, Montecatini Terme regalandoci un pò di sano relax, i vicoletti di Montepulciano insieme al suo ottimo vino e alla Via dell’Amore…e poi ancora Chianciano Terme, Volterra e Camaiore dove grazie al vostro blog abbiamo potuto scoprire la magia del B&B Napiaia che è la rappresentazione di quella che sarebbe la casa dei nostri sogni…
    …che dire… Siena e le sue colline non abbiamo ancora avuto la fortuna di viverla o meglio di assaporarla, incrociamo le dita sperando di poter festeggiare il nostro anniversario a Borgo Grondaie così da poter ammirare questa meravigliosa terra anche vestita di rosso, da poter aspettare l’arancione dei tramonti senesi abbracciati dal porpora del vino locale…

    • Che bello apprendere che a diversi di voi piacerebbe associare un soggiorno a Siena per festeggiare l’anniversario 🙂

      • Rispondi ottobre 11, 2012

        miprendoemiportovia

        Infatti questa cosa è molto bella, quasi quasi ne approfittiamo anche noi per festeggiare…cosa? l’amore 😀

    • Rispondi ottobre 11, 2012

      miprendoemiportovia

      Cara Eleonora
      ci fa davvero piacere vedere che il nostro blog serve a qualcuno per scoprire posti nuovi! Napiaia è un vero gioiello, aspettiamo i vostri racconti 🙂 ma di gioielli la Toscana ne ha tanti, ad esempio Borgo Grondaie ne è un altro esempio!

  • Poi un giorno, almeno una volta l’anno, esci con la tua giacca di velluto sopra la camicia per guardare le foglie che fiammeggiano. E magari poi te ne stai in un casolare fuori città, con le tue maniche arrotolate sopra il gomito, sostenendo un fresco appena appena sopra il necessario. Così quando esci, con addosso la giacchetta, e attraversi Piazza del Campo ascoltando nelle goccioline di prima nebbia l’ombra luccicante di urla e tifo e scalpiccìo e festa, hai quel calduccio altrettanto eccessivo, ma sostenibile. E persino speciale.
    E quel giorno, una volta l’anno, sai che tutto sta cambiando. Perché anche a Siena arriva l’autunno, ogni anno arriva l’autunno; ma ogni volta, ogni anno è un’altra cosa.
    (Daniele, daniele@musicologi.com)

    • Daniele, quel ‘musicologi’ nel tuo indirizzo e-mail + la giacca di velluto del tuo commento mi ha suggerito di aggiungere qualcosa alla tua immagine tipo uno strumento di musica jazz da trasportare… magari un contrabbasso… chissà…. 🙂

  • Rispondi ottobre 11, 2012

    Viaggiolibera

    Quest’autunno Siena scopre il suo gioiello più prezioso, il pavimento in marmo della Cattedrale, un’opera magistrale che non ha solo un inestimabile valore artistico ma diventa anche un simbolo di rinascita: in un paese che sembra non avere più speranze per il futuro è proprio da qui che dobbiamo ripartire, dallo scoprire e curare i nostri tesori più unici e preziosi.

    • Rispondi ottobre 11, 2012

      miprendoemiportovia

      E’ vero, hai ragione dobbiamo imparare a valorizzare i nostri tesori! E sicuramente Siena è uno di questi

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.