Venezia: 5 idee per visitarla low cost

Venezia si sa è una delle città più belle del mondo e non ha bisogno di presentazioni. La città della Laguna però è tanto bella quanto costosa e spesso è meta di una gita in giornata proprio per questo motivo. A volte c’è chi preferisce parcheggiare la macchina e prendere il treno a Mestre per evitare i costosi parcheggi di Venezia (ad esempio parcheggio Tronchetto = 30 euro al giorno) e chi per gli stessi motivi preferisce dormire fuori Venezia. Non passare la notte a Venezia è un vero peccato oggi quindi vogliamo condividere con voi cinque idee per visitare Venezia in maniera low cost e poter così fermarsi ad “assaporarla” per un tempo maggiore di qualche ora. Consigli nati dal nostro ultimo viaggio a Venezia durante il Ponte di Ognissanti.

venezia Dove parcheggiare a Venezia

Venendo da Mestre appena prima di raggiungere il ponte della Libertà sulla destra c’è la possibilità di parcheggiare la macchina per quattro/cinque euro al giorno. Non potete sbagliarvi perchè la strada che porta a Venezia è una sola, tenete aperti gli occhi e qualche kilometro prima del ponte appena dopo un sovrapasso e una fermata del tram troverete decine di macchine parcheggiate. I parcheggi sono aperti ventiquattrore su ventiquattro solo cercate di arrivare presto nel weekend perchè si riempiono molto facilmente. Dal Parcheggio col tram si raggiunge Piazzale Roma in cinque minuti.

venezia Cosa vedere a Venezia

Lontano dalla blasonata Piazza San Marco si estende un dedalo di calli e campielli molto caratteristici. Panni appesi al sole, piccoli canali, ponti di tutti i tipi, veneziani con i filoni di pane in mano. La calle è la via stretta tra un canale e l’altro, il campiello la piazza con al centro spesso una fontana. Ogni calle e campiello appartiene ad un Sestriere cioè ad un quartiere. I Sestrieri a Venezia sono sei, ognuno con una sua particolare caratteristica. Cannaregio è il quartiere del ghetto ebraico, Castello quello dell’Arsenale in cui ha sede la Biennale, Dorsoduro quello che si affaccia sulla Giudecca, San Marco quello della Basilica, San Polo il centro di Venezia dove ha sede il mercato di Rialto, Santa Croce che comprende Piazzale Roma (punto di arrivo dei tram), la stazione marittima e il Tronchetto.

Come muoversi a Venezia

Assolutamente a piedi, il traghetto è senza dubbio un mezzo romantico ed al tempo stesso utile ma una corsa è economicamente proibitiva (dai quattro ai sette euro). In alternativa si può optare per un abbonamento qui trovate tutte le tariffe

venezia Dove dormire a Venezia

Un modo comodo e più economico degli hotel della Laguna per soggiornare a Venezia è prendere in affitto un appartamento. Noi abbiamo usufruito del servizio di GowithOh ed abbiamo soggiornato in questo comodo appartamento a due passi da Piazzale Roma nel quartiere di Santa Croce.

Dove mangiare a Venezia

A Venezia un modo per mangiare low cost c’è e si chiama Bacaro! Il bacaro è un’osteria alla buona senza tanti fronzoli, solitamente con bancone in legno e fiaschi di vino pronti per essere assaggiati. E’ la casa natale dello Spritz che normalmente ha costi molto contenuti (dai due ai tre euro per intenderci, prezzo che noi emiliani ci sogniamo!). Al Bacaro ci si può sedere in sala e mangiare un piatto veneziano tipico oppure si può restare in piedi e sfamarsi (si fa per dire) coi cicheti, veri e proprie leccornie, per lo più pezzi di pane farciti da salumi e formaggi o dalla tipica crema di baccalà. In alcuni bacari dopo le otto non è più possibile mangiare cicheti in piedi quindi vi consigliamo di andarci per tempo, non ve ne pentirete!

venezia

 

Allora cosa aspettate Venezia è lì che vi aspetta per regalarvi questo spettacolo di tramonto e coi nostri consigli potrete permettervi un week end nella città più bella del mondo.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

10 commenti

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.