Ravenna: una guida romantica per (ri)scoprirla

L’Italia è un luogo magnifico, una terra che ospita un patrimonio culturale ammirato e invidiato da tutto il mondo. Questa è la nostra delizia, ma può essere anche una croce, perché forse può dare l’immagine di un enorme museo a cielo aperto nel quale visitare una valanga di monumenti, chiese, musei e poi via verso una nuova destinazione, convinti di aver visto tutto ciò che c’è da vedere.

E Ravenna non fa eccezione.

ravenna una guida romantica

Ho riflettuto al riguardo quando la settimana scorsa qualcuno mi ha domandato “Prima volta a Ravenna?” e io (Luca) “Una sola volta una vita fa, in gita alle medie”. La persona ha alzato gli occhi come per dire “E ti pareva?”. Pensi a Ravenna e subito davanti agli occhi appaiono le immagini dei suoi straordinari mosaici.

ravenna una guida romantica

E poi?

Nulla.

Il vuoto cosmico.

Ma è un nulla dovuto all’ignoranza (ovviamente la mia) perché di posti insoliti fuori dalle solite mete, come recita il nostro claim, Ravenna ne offre parecchi, basta solo viverla e lasciarsi trasportare. Ed è più facile di quanto non sembri.

Ecco allora l’occasione perfetta: il compleanno di Elisa. L’idea era quella di trovare un luogo non distante da casa (come sapete noi abitiamo a Reggio Emilia) che potesse offrire tutto quello che serve per festeggiare il compleanno della propria moglie nel migliore dei modi. E qual è il migliore dei modi se non farlo in una location storica, romantica e cool al tempo stesso?

Ravenna una guida romantica

Quella che segue è una una guida tascabile romantica per chi vuole visitare per la prima volta Ravenna e per chi vuole riscoprirla con occhi nuovi. Ed è come tutti gli articoli di Miprendoemiportovia scritta di cuore e pancia.

Siete pronti per rivivere le nostre 48 ore a Ravenna?

Cosa vedere a Ravenna: l’arte del mosaico

ravenna una guida romantica

Partiamo ovviamente dal motivo per il quale Ravenna è famosa nel mondo: i suoi mosaici.

Appena si mette piede nella Basilica di San Vitale non c’è altro da fare che rimanere col naso all’insù, a bocca aperta, abbagliati dal brillare delle tessere dorate dei mosaici che decorano absidi, volte ed arcate e che richiamano agli antichi e gloriosi fasti di Ravenna.

ravenna una guida romantica

ravenna una guida romantica

In un angolo della pavimentazione di San Vitale affiora l’acqua che ci ricorda il tempo in cui il mare arrivava fino in città e la rendeva inespugnabile a causa del terreno paludoso che si estendeva per chilometri e chilometri tutt’attorno al perimetro urbano.

Forse mai mano umana ha raffigurato un cielo stellato più bello e toccante di quello del Mausoleo di Galla Placidia, il piccolo edificio adiacente alla Basilica.

ravenna

Ravenna: una guida romantica

Basti pensare che è stato fonte di ispirazione per artisti del calibro di Giotto, Dante, Klimt e addirittura Cole Porter, che narra la leggenda, ne sia rimasto così colpito da comporre in seguito alla sua visita a Ravenna la sua celebre Night and Day.

Ad accompagnarci durante la visita della Basilica e del Mausoleo c’è stata Laura, guida tanto brava quanto dolce delle Guide in Rete CNA.

Ma non crediate che quella del mosaico sia solo una tecnica legata al mondo passato, è un’arte viva in continua evoluzione. A tal riguardo è davvero imperdibile il MAR, il Museo d’Arte della città di Ravenna, in cui fino al 7 gennaio è allestita la mostra Montezuma, Fontana, Mirko – La scultura in mosaico dalle origini a oggi. Vi sorprenderete di quanto il concetto di mosaico sia molto più ampio di quanto crediate.

ravenna una guida romantica

ravenna una guida romantica

ravenna una guida romantica

Il fil rouge del mosaico prosegue nelle sale di Palazzo Rasponi dalle Teste dove SICIS, azienda ravennate celebre per l’impiego della tecnica del mosaico in arredo e gioielli, celebra fino al 7 gennaio il suo 30esimo compleanno con la mostra Destinazione Mosaico, resa davvero suggestiva dalle enormi proiezioni sulle ampie pareti delle stanze dell’edificio.

Ravenna una guida romantica

Dopo la visita alla mostra infilatevi un paio di pattini e lanciatevi sulla pista di pattinaggio su ghiaccio di JFK on Ice che si trova proprio di fronte all’ingresso del palazzo Rasponi, in piazza Kennedy.

Ma Ravenna non è “solo” mosaici. Non perdetevi l’incredibile Biblioteca Classense la cui storica Sala dei Mappamondi è qualcosa di incredibile. Guardate…

ravenna una guida romantica

Anche il sottosuolo di Ravenna custodisce arte: se siete dalle parti della stazione dei treni dirigetevi verso il sottopasso (quello fuori dalla stazione) per ammirare il tunnel completamente decorato di graffiti.

ravenna

Ovviamente la lista delle cose da vedere a Ravenna non finisce qui, questo è solo un piccolo assaggio che io, Elisa e Manina abbiamo potuto assaporare durante le nostre 48h nella città romagnola.

A proposito di assaggiare che ne dite se vi raccontassimo dove mangiare a Ravenna?

Ravenna a tavola: dove mangiare

Non esiste un nostro viaggio senza la ricerca dei migliori ristoranti. A Ravenna dobbiamo ammettere che la scelta è stata decisamente semplice perché questa città offre davvero un’ottima lista di ristoranti in cui poter fare la conoscenza del cibo tipico locale ma non solo.

Cercate un posto figo, semmai un ex cinema (sì avete letto bene), che sia elegante ma non troppo e che abbia in menu cibo tradizionale e una gran bella lista di vini? Puntate dritti verso Osteria Passatelli (via Ponte Marino 19) e sicuramente non rimarrete delusi! Il nostro pranzo? Passatelli in brodo, cappelletti al ragù e grigliata di carne, il tutto innaffiato da un’ottima bottiglia di Giove, Sangiovese di Romagna Doc Superiore.

Ravenna una guida romantica

Abbiamo festeggiato il compleanno di Elisa presso lo storico ristorante Ca’ de Vèn (Via Corrado Ricci 24), in cui si può trovare un menù che punta desisamente su tradizione. Che ve ne pare della Miprendoemiportovia Cake?

ravenna una guida romantica

Anche se il nome non lo direbbe l’Osteria I Furfanti (Via Paolo Costa, 1) è davvero un’ottima scelta, soprattutto se quello che cercate è gnocco fritto e taglieri di salumi (mi viene l’acquolina solo a digitarne le parole!). Ma non solo, perché abbiamo avuto anche la fortuna di testare la loro pizza che regala grosse e grasse soddisfazioni! ravenna guida romantica

Ravenna da bere: dove fare l’aperitivo perfetto

Se chiedete a Manina cosa piace alla mamma vi dirà: i fiori, guardare i tramonti e fare l’aperitivo. Tralasciando i primi due punti vi racconterò i migliori luoghi dove fare l’aperitivo a Ravenna.

Partiamo dal must: Fresco.

ravenna una guida romantica

Appena Elisa l’ha notato ha avvertito un’attrazione magnetica verso questo locale. Sarà stata la carta da parati vintage oppure la vista dei cocktail da paura preparati dalle sapienti mani dei barman ma il suo fiuto non ha sbagliato. Il rischio del Fresco è di non arrivare più a cena o a pranzo perché l’atmosfera (e il bere) è così piacevole che proprio non te ne andresti più!

ravenna una guida romantica

Stesso discorso vale per la Caffetteria Palumbo, a fianco della Basilica di San Francesco. Qui vengono serviti “stuzzichini” così gustosi come la pizza palermitana e gli arancini (sì, i gestori sono di origini siciliane) e cocktail tanto originali quanto buoni (non potete perdervi i loro spritz creativi) che per ogni vostro impegno seguente dovrete calcolare almeno almeno mezz’ora di ritardo. Se non di più!

ravenna una guida romantica

Se come noi amate la birra artigianale e i luoghi particolari allora una sosta al Fargo (Via Girolamo Rossi, 17) non ve la deve togliere nessuno. Un localino che è una chicca!

Dove dormire a Ravenna? In una residenza d’epoca!

ravenna una guida romantica

Ravenna è città d’arte e come tale va vissuta giorno e notte. Ecco allora che per il nostro weekend a Ravenna abbiamo scelto di alloggiare presso una residenza d’epoca, lo splendido b&b Casa Masoli, uno di quei luoghi che fan sospirare dal gran che son romantici. Se ci aggiungete la grande cordialità della padrona di casa e un’ottima colazione gli ingredienti per un soggiorno perfetto ci sono tutti.

ravenna una guida romantica

Coccole a Ravenna: sosta al centro benessere spa

C’è qualcosa di più romantico di ritagliarsi qualche ora lontano da tutto e da tutti per dedicarsi esclusivamente al proprio benessere e a quello del partner? La risposta la sappiamo tutti. Ecco allora che io ed Elisa per un paio d’ore ci siamo gustati il relax più totale tra le mura del Centro Benessere Momento 98, nel quale si può prenotare una spa personale che comprende sauna, bagno turco, idromassaggio e angolo relax con parete di sale. Se ci aggiungete un massaggio di coppia il paradiso non vi sarà mai sembrato così vicino.

ravenna una guida romantica

ravenna una guida romantica

E Manina? Tranquilli, Momento 98 offre un servizio di babysitteraggio davvero top!

Serve altro per decretare Ravenna come una destinazione perfetta per un weekend romantico o per una fuga d’amore? Secondo noi assolutamente no!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

6 commenti

  • Rispondi dicembre 24, 2017

    Irene Ferri

    Un compleanno davvero perfetto!

    • Rispondi gennaio 2, 2018

      Elisa e Luca

      grazie!

  • Rispondi dicembre 27, 2017

    Anna

    Il centro benessere con babysitting incorporato è una genialata, prima volta che lo sento! Stupendi anche i mosaici, sia antichi sia moderni, che chicche ci avete mostrato!! Viene voglia di partire subito!

    • Rispondi gennaio 2, 2018

      Elisa e Luca

      super top!

  • Rispondi dicembre 29, 2017

    Michele

    Tanti auguri di buon compleanno Elisa, bellissimo post.

    • Rispondi gennaio 2, 2018

      Elisa e Luca

      grazie mille Michele

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.