Top
Image Alt

Blog di viaggi di Elisa & Luca - Miprendoemiportovia

Decidere di fare un viaggio in Giordania significa decidere di vivere un sogno ad occhi aperti perché questa terra è semplicemente magica.

Abbiamo trascorso poco meno di una settimana visitando alcuni dei suoi luoghi iconici come il sito archeologico di Petra, attraversando in jeep il deserto “marziano” del Wadi Rum, galleggiando sulle acque del Mar Morto, facendo snorkeling tra i mille colori della barriera corallina del Mar Rosso e tanto altro.

viaggio in Giordania Petra

Insomma, da queste poche parole, avrete già capito che per noi la Giordania è amore assoluto! Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere questo lungo articolo in cui troverete il nostro itinerario e tutto quello che vi servirà per organizzare un viaggio in Giordania.

Siete pronti? Partiamo!

Dove si trova la Giordania?

cartina mappa Giordania

Il regno di Giordania è un territorio del Medio Oriente, confinante con Siria, Iraq, Arabia Saudita, il territorio palestinese della Cisgiordania e lo Stato d’Israele. Si affaccia su due mari, ovvero a ovest sul Mar Morto e a sud sul Mar Rosso.

La popolazione è costituita da poco più di 10 milioni di abitanti. La lingua ufficiale è l’arabo. L’inglese è parlato molto bene da gran parte della gente, il che ci ha permesso di dialogare con loro senza alcun problema.

Come raggiungere la Giordania?

Diversi sono i collegamenti aerei che permettono di raggiungere la Giordania dall’Italia. Tra queste anche compagnie low cost come Ryanair che danno la possibilità di organizzare una vacanza in Giordania spendendo davvero pochissimo. Un volo a/r può costare anche meno di 100€! Noi siamo partiti dall’aeroporto di Orio al Serio di Bergamo e in circa 4 ore siamo atterrati nell’aeroporto internazionale Regina Alia di Amman. I voli sono molto frequenti: da Bergamo partono addirittura 4 voli alla settimana!

Il nostro itinerario di viaggio in Giordania

viaggio in Giordania

La Giordania è una terra che offre davvero un lungo elenco di cose da fare e vedere. Dedicare una settimana ad un viaggio in questa terra è un’ottima scelta: si riescono a vedere le principali attrazioni senza avere dei ritmi forsennati. Ovviamente se avete qualche giorno in più a disposizione, ancora meglio, non vi annoierete di sicuro! 😉

Vediamo ora tappa per tappa il nostro itinerario di viaggio in Giordania, che fondamentalmente si è svolto da nord a sud, con punto di partenza e di arrivo Amman, la capitale.

Al Salt, l’antica capitale della Giordania (giorno 1)

Arrivati in tarda serata abbiamo trascorso la notte ad Amman per poi al mattino metterci in strada per andare alla scoperta della Giordania. A 30 km dalla capitale si trova la città di Al Salt. Il 27 luglio 2021 è entrata a far parte del patrimonio dell’umanità per la tipica pietra gialla arenaria con la quale è stata interamente costruita. Abbiamo trascorso un paio d’ore passeggiando tra le sue vie nel suo piccolo souq, il quartiere del mercato, dove nell’aria si espandevano profumi di cibo e spezie.

viaggio in Giordania al salt

Al Salt Giordania

Tappa imperdibile ad Al Salt è l’Al Gherbal Restaurant (Prince Hamza St, AL-Salt tel. +962 7 7804 2042 – pagina Facebook), ottimo ristorante in cui assaggiare piatti della tradizione giordana e dalla cui balconata si gode la vista più bella dell’antica capitale della Giordania.

Terminato il pranzo siamo ripartiti puntando verso sud.

Galleggiare sul Mar Morto (giorno 1)

Uno dei luoghi più affascinanti della Giordania (e del mondo intero!) è sicuramente il Mar Morto. Questo immenso bacino d’acqua (ebbene sì, non è un mare ma un lago!) è il punto più basso sulla faccia della terra: qui l’altitudine segna -400m!!! Altra caratteristica che lo rende unico è la sua elevatissima salinità. Avrete sicuramente visto decine e decine di video e fotografie di persone che galleggiano nelle sue acque senza il benché minimo sforzo. Bene questo fenomeno è proprio dovuto alla grande concentrazione di sale.

mar morto Giordania

L’accesso al Mar Morto è perlopiù consentito nelle spiagge degli alberghi. Questo fatto è dovuto al fatto che le grandi formazioni saline che formano la costa possono essere fragili e causare infortuni, anche gravi, a color che si avventurano camminando su di esse. Su Instagram si vedono parecchie foto scattate in luoghi da sogno in diversi punti della costa, ma che in realtà sono parecchio pericolosi: state attenti!

Sulla costa giordana si trovano diversi hotel e resort. Durante il nostro viaggio siamo stati ospiti del Crowne Plaza Jordan Dead Sea Resort & Spa, struttura dalle dimensioni davvero imponenti situata nella parte settentrionale del mare.

Verso la metà del pomeriggio ci siamo diretti verso la spiaggia del resort dove ci si può immergere in acqua grazie ad un molo galleggiante e fare i fanghi.

A pochi passi dalla riva un cartello elenca le dieci principali proprietà delle acque e dei fanghi del Mar Morto:

  1. fornisce una maggior idratazione del corpo
  2. è un esfoliante delicato
  3. combatte malattie croniche della pelle
  4. aiuta a rilassare i crampi muscolari
  5. aiuta la rimozione delle imperfezioni cutanee
  6. aiuta a liberare il cuoio capelluto dalla forfora
  7. riduce l’aspetto delle rughe
  8. combatte l’alitosi
  9. disintossica il corpo
  10. può essere trasformato in una lacca per capelli texturizzante di alta qualità

Terminata l’esperienza in spiaggia, ci siamo goduti un tramonto pazzesco con il sole che filtrato dall’aria piena dei polvere del deserto (quella notte sarebbe arrivata una tempesta di sabbia) scivola dietro alle cime delle montagne israeliane. Da brividi!

mar morto tramonto

Petra, una delle sette meraviglie del mondo moderno (giorno 2)

Al mattino sveglia ben prima dell’alba per arrivare, il prima possibile, in un luogo da favola celebre per la sua unicità in tutto il mondo. Ovviamente stiamo parlando del sito archeologico di Petra, una delle sette meraviglie del mondo moderno.

viaggio in Giordania Petra

Dopo 3 ore di strada siamo finalmente giunti ad una delle tappe che attendevamo di più del nostro viaggio in Giordania (per me, Luca, la prima volta mentre per Elisa la seconda).

Petra è un luogo antichissimo, la cui origine risale circa a 2000 anni fa. È stata capitale dei Nabatei, popolo di guerrieri e mercanti che aveva creato la sua fortuna gestendo la rotta commerciale che metteva in collegamento il Mediterraneo con la penisola araba.

La prima cosa da sapere sul sito archeologico di Petra è che non è costituito solo dalla facciata del Tesoro (Al-Khazneh), il tempio che tutti almeno una volta nella vita abbiamo visto fotografato. Petra è immensa e custodisce una quantità di edifici e costruzioni impressionanti.

Il consiglio è quello di cercare di arrivare il prima possibile per tre motivi:

  1. Evitare di vistare il sito affollato dai turisti: il Tesoro è il primo e più iconico punto d’interesse del sito di Petra. Ovviamente è il più fotografato e quindi quello dove i turisti sostano più tempo. Avere la possibilità di godere la sua immensa bellezza con poche persone vale la sveglia prestissimo!
  2. Godere delle ore più fresche: nel sito si cammina davvero tanto!
  3. Avere più tempo a disposizione: come detto c’è tanto da vedere, ed è impossibile farlo in un solo giorno. Se non avete a disposizione una seconda giornata meglio avere più ore possibili, no? 😉

Dopo 800 metri di sentiero si giunge al Siq, il canyon lungo poco più di un chilometro scavato dalla roccia che dà il benvenuto al sito di Petra. Non si può chiedere inizio migliore: è uno spettacolo!

petra siq

Al termine del Siq si arriva al cospetto del Tesoro. L’emozione di trovarselo di fronte all’improvviso mi ha fatto venire un nodo in gola: stavo davvero per mettermi a piangere. Pura magia!

tesoro di Petra Giordania

Altro luogo incredibile è il Monastero di Petra. Per arrivare al suo cospetto però sappiate che bisogna scalare un canyon percorrendo un sentiero costituito da 800 gradini. Il tempo di percorrenza è di circa 45 minuti: è faticoso ma alla portata di tutti. E la ricompensa è davvero straordinaria.

monastero Petra scalini

Monastero Petra viaggio in Giordania

Non mi dilungherò oltre nella descrizione di Petra perché merita un articolo ad hoc che arriverà prossimamente! Il costo d’ingresso per un giorno è di 50 JD (€ 65).

Al calar del sole ci risiamo messi in cammino verso la prossima incredibile tappa.

Wadi Rum, il deserto “marziano” della Giordania (giorno 2)

wadi rum viaggio in Giordania

Dopo quasi due ore siamo giunti all’interno di uno dei deserti più famosi ed iconici al mondo: il Wadi Rum.

Caratterizzato dalle sue conformazioni rocciose erose dal vento e dalla sua sabbia rossa, il Wadi Rum è stato location di un numero impressionante di film. Lawrence d’Arabia, Star Wars, Transformers, Prometheus, Aladin sono solo alcune delle pellicole ambientate in questo luogo magico che assomiglia in maniera impressionante alla superficie del pianeta Marte (o perlomeno come ce la immaginiamo).

L’impressione è quella di essere in un museo a cielo aperto.

wadi rum Giordania

Dormire in una bubble nel deserto del Wadi Rum

Abbiamo trascorso la notte in una delle bubble del Rum Oasis Desert Camp. Da qualche anno questa tipologia di alloggio è divenuta molto popolare qui nel deserto, perché offre un’esperienza tanto immersiva quanto confortevole. Si trovano in diversi campi sparsi nel Wadi Rum e ce ne sono di tutti i prezzi.

Fare un’escursione in jeep nel Wadi Rum

Wadi Rum fuoristrada escursione

Il giorno seguente abbiamo partecipato ad un’attività che non può assolutamente mancare in un viaggio in Giordania: l’esplorazione del Wadi Rum a bordo di una jeep 4×4.

Sfrecciare sulla sabbia rossa tra montagne dalle forme incredibili incrociando carovane di beduini è un ricordo che si stampa nella memoria e non se ne va più.

Come organizzare un’escursione in jeep nel deserto del Wadi Rum? Il nostro consiglio è quello di farlo attraverso il visitor center del Wadi Rum oppure direttamente con il campo nel quale vorrete alloggiare.

Guarda il reel che abbiamo realizzato all’interno del deserto, incredibile!

arco di pietra Wadi Rum

Viaggio in Giordania: Aqaba e Mar Rosso (giorno 3 e 4)

Verso ora di pranzo siamo ripartiti lasciandoci il deserto alle spalle e puntando verso il Mar Rosso che abbiamo raggiunto in circa 1 ora di strada: destinazione Aqaba.

In pochissimi chilometri di costa si affacciano ben quattro nazioni: Giordania, Arabia Saudita, Israele ed Egitto. Aqaba è un’importante porto commerciale per la Giordania essendo l’unico approdo sul Mar Rosso, ma in questi ultimi anni sta sviluppando in maniera davvero impressionante il suo lato turistico offrendo alloggi e servizi di alto livello.

dove dormire Aqaba mar rosso Giordania

Fare snorkeling alla scoperta della barriera corallina giordana

La parola d’ordine in questo angolo di Mar Rosso è relax. Qui si viene per fare vita da mare, prendere il sole, oziare in piscina ammirando tramonti da paura e immergendosi nelle acque del mare per scoprire la sua barriera corallina. Il Mar Rosso egiziano è celebre per la ricchezza del suo mondo subacqueo tra pesci e coralli: un vero paradiso per i sub di tutto il mondo.

snorkeling Mar Rosso Giordania

Anche la costa giordana offre uno spettacolo imperdibile e, a detta della nostra guida di snorkeling (di origine egiziana) allo stesso livello. La cosa più impressionante è il fatto che si possa visitarla sia in un’escursione in barca che direttamente dalla spiaggia: la barriera corallina è vicinissima alla costa. Pensate che in alcuni punti è addirittura attaccata alla strada!

barriera corallina Giordania mar rosso

Dove dormire ad Aqaba

Abbiamo trascorso due giorni in questa località balneare presso l’Al Manara Hotel, lussuoso hotel della della catena alberghiera Marriott. Camere davvero splendide, personale super professionale e gentilissimo e una meravigliosa infinite pool. Non potevamo chiedere di meglio!

dove dormire Aqaba

Se siete alla ricerca di cosa fare alla sera ad Aqaba allora dirigetevi verso Marina Ayla, il suo nuovissimo porto turistico dove troverete negozi e locali molto carini dove fare shopping e bere ottimi cocktail. Vi consigliamo Golden Boho.

Monte Nebo, la montagna sacra di Mosè

Ripartiti da Aqaba abbiamo puntato verso nord per tornare ad Amman, per l’ultima parte del nostro viaggio in Giordania. Dopo quasi 4 ore di strada, poco prima di arrivare alla capitale, abbiamo fatto sosta in un luogo celebre negli itinerari turistici religiosi: il Monte Nebo. Qui, narrano le sacre scritture, Mosè ha mostrato la Terra Promessa al suo popolo ed è stato sepolto dopo la sua morte. Purtroppo l’aria ancora ricca di polvere per la tempesta di sabbia dei giorni precedenti non ci ha permesso di godere appieno della vista spettacolare di cui si gode da lassù: dal Mar Morto, alla valle del fiume Giordano fino alle colline di Gerusalemme.

Meravigliosi i mosaici bizantini all’interno della chiesetta costruita in cima al monte.

monte nebo viaggio in Giordania

mosaico monte nebo

Il biglietto d’ingresso al monte costa 2 dinari giordani (€ 2,60)

Amman: alla scoperta della capitale della Giordania (giorno 5)

Siamo arrivati nella capitale nel tardo pomeriggio, rimandando al giorno dopo la visita della città. Amman è una bella città medio orientale, con diversi punti d’interesse che possono essere visitati nell’arco di una sola giornata. Vediamo insieme quali sono.

Cosa vedere ad Amman

Il miglior modo per fare la conoscenza di Amman è quello di partire dalla sua Cittadella (Jabal al-Qal’a). Si trova in cima ad uno dei sette colli sui quali è iniziato l’insediamo urbano che poi nei secoli, anzi millenni, ha generato Amman. Splendidi i resti del Tempio di Ercole e il Palazzo degli Umayyadi.

tempio di ercole cittadella Amman

cittadella amman Giordania

Oltre alla sua importanza storica il sito archeologico della cittadella offre la miglior vista a 360° sulla capitale. Wow!

L’ingresso alla Cittadella costa 3 dinari giordani (circa € 3,70).

amman capitale Giordania

Lasciato il sito archeologico ci siamo diretti verso la Moschea di Re Abdullah I, l’edificio religioso visitabile più importante di Amman. Se il vostro abbigliamento non è adeguato non preoccupatevi perché nello shop che si trova ai piedi della moschea è possibile noleggiare una tunica (1 dinaro).

moschea amman viaggio in Giordania

Nel cuore della città, formato da una rete di numerose vie, si trova il suq di Amman, la zona dello shopping cittadino. Non è un suq tradizionale come siamo abituati ad immaginare, è semplicemente un quartiere “moderno” con numerosi negozi, gran parte dei quali vende souvenir di basso/medio livello.

suq amman

In questa zona della città si trova il Teatro Romano di Amman, il più grande della Giordania, ancora oggi utilizzato per spettacoli. La struttura è perfettamente conservata e ospita qualcosa come 6000 spettatori.

teatro romano amman viaggio in Giordania

Guidando e camminando tra le vie di Amman vi imbatterete sicuramente in immense opere di street art. Sono davvero uno spettacolo e vanno a creare uno splendido contrasto con le trafficate strade del centro della capitale. Se volete scoprire il lato artistico di Amman allora non perdetevi questo articolo che ha scritto Elisa durante il suo primo viaggio in Giordania.

street art Amman

street art Amman Giordania

Dove dormire ad Amman

Abbiamo trascorso due notti ad Amman, all’inizio e alla fine del nostro viaggio. Durante la prima abbiamo albergato presso il moderno W Hotel Amman mentre la seconda nel lussuoso e classico St Regis Amman. Se amate più il design e l’arredamento contemporaneo vi consigliamo il primo, mentre se vorrete sentirvi all’interno di un film non esitate a scegliere il secondo! M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-O-!

P.s. Il bar del St Regis fa cocktail da paura! 😋

Dove mangiare ad Amman

Se siete alla ricerca di ottimo cibo e dei piatti tradizionali della cucina giordana allora puntate dritto verso il ristorante Tawaheen Alhawa: pietanze abbondanti (pure troppo) e da leccarsi i baffi! Se vorrete, al termine del pasto, potrete rilassarvi fumando una shisha.

Viaggio in Giordania: consigli e info

La Giordania è pericolosa?

viaggio in Giordania

Una domanda che ci siamo sentiti rivolgere spesso su instagram durante il nostro viaggio è stato: ma la Giordania è sicura? La risposta è assolutamente sì. È una meta ideale per tutti i tipi di turisti, da quelli che decidono di visitare questo paese in tour organizzati a coloro che invece decidono di farlo in maniera indipendente. Anzi le persone giordane sono di una gentilezza squisita! Durante il nostro viaggio ci siamo sentiti coccolati da chiunque ovunque fossimo.

Quindi che siate viaggiatori solitari oppure abbiate una famiglia, che siate uomini o donne, scegliere la Giordania è la cosa migliore che possiate fare!

Nonostante tutto però possono succedere degli imprevisti durante un viaggio in Giordania, quindi per entrare nel paese è obbligatorio avere un’assicurazione di viaggio che vi verrà richiesta al momento del check in o dell’imbraco in aeroporto. Noi da anni abbiamo una copertura assicurativa annuale con HeyMondo, che per i nostri lettori ha creato uno sconto speciale del 10%.

Quando andare in Giordania?

mar morto viaggio in Giordania

La Giordania è una meta perfetta 365 giorni all’anno. Ovviamente però ci sono periodi migliori di altri, sia a livello di temperature che di costi.

L’alta stagione è rappresentata dalle vacanze natalizie, quindi se volete risparmiare e avete la possibilità di viaggiare in altri periodi dell’anno evitate la seconda metà di dicembre e l’inizio di gennaio.

Per quanto riguarda il clima della Giordania le temperature quelle ideali sono in primavera (aprile/maggio) e in autunno (ottobre/novembre). Nella stagione estiva nel sud del paese (nel Wadi Rum e sul Mar Rosso) si superano abbondantemente i 40 gradi. Noi abbiamo visitato la Giordania nel mese di aprile e siamo sempre stati in maglietta a maniche corte oppure in camicia, tanto ad Amman quanto nel deserto, con una temperatura sempre molto piacevole. Ad Aqaba invece c’erano 35 gradi, era come luglio in Italia!

Come muoversi in un viaggio in Giordania?

Come abbiamo detto la Giordania è un paese sicuro ed ha un’ottima offerta turistica. Quindi il modo migliore per muoversi è quello di noleggiare un’auto e viaggiare in maniera autonoma ed indipendente. Le strade sono perfette e le distanze non sono troppo impegnative. Per quanto riguarda invece le escursioni all’interno del Wadi Rum invece affidatevi come detto a tour in 4×4 che trovate al centro visitatori oppure organizzati dalle strutture ricettive all’interno del deserto.

Documenti necessari per un viaggio in Giordania

Per entrare nel paese è necessario il visto che può essere richiesto all’arrivo ed ha un costo di 40JD (circa € 52). Come precedentemente scritto è necessario avere inoltre un’assicurazione sanitaria.

Vi segnaliamo un’utile iniziativa promossa dall’ente del turismo giordano: il Jordan Pass. Si tratta di un pacchetto turistico speciale che offre diversi sconti ed agevolazioni che permettono di risparmiare molto durante un viaggio in Giordania. Ad esempio sono compresi il visto e l’ingresso al sito archeologico di Petra. E tanto altro!

viaggio in Giordania

Il nostro itinerario in Giordania termina qui ma non finiscono i nostri consigli su questo meraviglioso paese del Medio Oriente perché sul nostro blog trovate proprio una sezione dedicata ad esso con tanti altri articoli.

Buona lettura e ricordatevi di condividere questo itinerario di viaggio con chi vorreste portare con voi in vacanza in Giordania!

Viaggio compiuto in collaborazione con VisitJordan, ente del turismo giordano.

Ciao siamo Elisa e Luca, due viaggiatori incalliti che hanno fatto della loro vita un viaggio senza fine. Ci siamo entrambi licenziati da un lavoro che ci piaceva ma che non ci permetteva di vivere la vita che volevamo. Abbiamo un cuore rock’n’roll che batte all’unisono e un’anima gipsy. Il nostro motto? I sogni nel cassetto fanno la muffa, quindi tiriamoli fuori che la vita è lì che ci aspetta!

post a comment