Top
Image Alt

Miprendoemiportovia

Quartiere Ortica

Eccoci qua. Per il progetto VIVILITALIA vogliamo presentavi Daniela un’altra nostra studentessa della Travel Blogger School. Oggi ci parlerà di un altro luogo insolito della mitica città di Milano, ossia il quartiere dell’Ortica. Quindi, non dilunghiamoci troppo e conosciamola insieme.

Ciao a tutti sono Daniela, del blog Storie Senza Trama dove racconto del viaggio nel mondo visto attraverso i miei occhi. Racconto di luoghi vicini e lontani, di storie senza trama e di persone incontrate viaggiando. Nel blog si può “leggere” la mia passione per la fotografia, la scrittura, i colori, la street art, i cappuccini, la psicologia, i contrasti, i viaggi on the road (di una famiglia intera), le cose semplici e il senza glutine (per necessità).  Storie Senza Trama è anche un viaggio tra domande e risposte dove chi bussa alla porta può trovare spunti di riflessione. Il viaggio,  qualunque esso sia, è sempre una “cura” per l’anima.

Cos’è per te vivilitalia?

Vivilitalia è un progetto che oggi, dopo il periodo “complicato” che ci siamo trovati ad affrontare, acquista un sapore ancora più intenso. È importante rilanciare il turismo in Italia conoscendo anche i luoghi più nascosti, curiosi e pieni di intensità. Personalmente ho riscoperto molto della mia amata Milano, della Brianza e più in generale della Lombardia in cui vivo da sempre.

Quartiere dell’Ortica

Vi voglio raccontare di una Milano che sorprende, incanta, innamora. Una Milano in cui sorge il piccolo quartiere dell’Ortica, in dialetto “Ortiga”, che tradotto significa “orto”.

In questo luogo, che già dal Medioevo si distingueva per la sua “coltivabilità”, merito delle acque del fiume Lambro, nasce una nuova “fertilità” fatta di cultura, idee e creatività.

Da qualche anno tra le vie dell’Ortica si possono, infatti, ammirare i tanti murales che raccontano la storia del Novecento realizzati dal collettivo artistico OrticaNoodles composto da due talenti, Alita e Wally, i cui lavori, studiati nel minimo dettaglio e realizzati con la tecnica dello stencil, hanno dato un nuovo volto a questa zona  fatta di case di ringhiera, locali, botteghe, osterie, bar e negozi.

Quartiere murales papaveriSbocciano su una casa i papaveri, simbolo di pace, dedicati alle vittime della guerra. Ricordo di tutti i fiori che crescevano liberi proprio nei campi dell’Ortica.

Quartiere murales legalitàIl verde domina il muro della legalità. Un muro su cui si ricorda chi si è battuto e spesso ha anche perso la propria vita per fare rispettare la Legge.

Quartiere murales donneColorano una scuola i volti delle donne che hanno dimostrato di valere tanto. “Tanto quanto gli uomini” grazie alla propria intelligenza, forza, sentimenti e creatività.

murales battagliemurales alpinimurales stop racismSi celebrano poi le battaglie operaie per il miglioramento delle condizioni dei lavoratori. Il valore dei “figli dei monti” e la lotta contro il razzismo. “Stop racism” urla a squarciagola una galleria.

Quartiere murales musicaIl murale dedicato alla musica popolare è invece abitato da tanti sorrisi. Sorrisi di Ornella Vanoni e di Jannacci, il quale faceva il medico proprio all’Ortica.

Oggi la street art racconta storie. La Storia aiuta a non perdere la memoria di chi, con il proprio coraggio e con il proprio talento ha reso migliore la nostra vita.

Questa parte della città Milanese è un tuffo nel passato per riscoprire, attraverso l’arte, il vissuto di questo piccolo quartiere.

post a comment