Mindfulness in viaggio: un’ottima compagna di crescita

Hai mai sentito parlare di Mindfulness? Ho scoperto la mindfulness quasi per caso ad inizio novembre, un’amica mi ha parlato di un corso di otto settimane che, a sua detta, avrebbe cambiato la mia vita. Sono da sempre un’amante della crescita personale e una entusiasta, soprattutto quando si tratta di cose nuove e quindi non ho esitato due volte, mi sono iscritta anche io.

Il corso a cui ho partecipato era tenuto da un Coach mindfulness accreditato e me ne sono appassionata fin da subito tanto che ve ne ho parlato spesso sulle stories di instagram. Mi piace condividere cose belle e questa ti assicuro è una di queste.

Mindfulness in viaggio: un’ottima compagna di crescita

Oggi vorrei parlarti di come questa disciplina straordinaria possa anche essere applicata al viaggio.

Quante volte durante le nostre giornate ci facciamo mille domande, quante volte i pensieri negativi sovrastano la nostra mente o lo stress accumulato durante una giornata di lavoro si ripercuote al nostro ritorno a casa? Siamo umani, ma a volte ci comportiamo automaticamente, ci troviamo concentrati su un qualcosa ma la nostra mente continua a vagare e a riempirsi di pensieri. La velocità con cui affrontiamo le cose può diventare una nostra pericolosa compagna di viaggio.

Potrebbe anche interessarti: scopri il tuo Ikigai 

Mindfulness in viaggio

 

Che cosa vuol dire Mindfulness?

Mindfulness significa portare attenzione al momento presente in modo curioso e non giudicante. È la capacità di accogliere ogni esperienza del momento, con il coraggio del nostro cuore e l’armonia della nostra mente. Consapevolezza, significa sapere accettare ogni situazione nel miglior modo possibile, cosicché ogni nostro singolo pensiero diventi un nostro grande “alleato” e non più un nostro possibile “nemico”.

Durante la pianificazione di un viaggio ci troviamo spesso a chiederci se la destinazione che abbiamo scelto sia quella giusta, se il tempo che ci siamo prefissati sia abbastanza per vedere tutto. FERMIAMOCI! È comprensibile porsi queste domande, ma troviamo il modo di farle passare davanti senza impazzire. Osservali attentamente, ma lasciali passare davanti. Vivere nel momento presente significa non abbandonarci ma essere più vicini a noi stessi.

Prima di entrare nello specifico ti consiglio di dare un’occhiata al diario della gratitudine, io lo sto usando da un mese a questa parte e ti assicuro che mi sta cambiando la vita. Lo porto sempre con me, anche in viaggio. Quello che uso io è in inglese, se ti trovi più a tuo agio con l’italiano allora ti consiglio questo.

Potrebbe anche interessarti: Retreat la vacanza rilassante per la mente di cui hai bisogno 

Come praticarla in viaggio?

Come possiamo fare in modo che il nostro viaggio diventi consapevole, viverlo nell’esatto momento del presente e riuscire a farlo diventare un viaggio grandioso? Questi suggerimenti, che ti consiglio di mettere in pratica, potranno servirti in ogni singolo momento, verso ogni meta.

  • Vivi l’attimo senza preoccupazioneSì, perché quando stiamo per partire, o siamo arrivati o stiamo per tornare a casa ci assilliamo con mille domande e dubbi. Come farò a partire con tutto il lavoro lasciato a casa? Le e-mail ancora non risposte? Avrò lasciato la scrivania in ordine? Ecco queste cose lasciale a casa, quando sei in viaggio non c’è spazio per questi dubbi. Viaggiare è come innamorarsi, non bisogna pensare alla sua fine ma bisogna goderselo. Goditi ogni semplice momento!

Mindfulness in viaggio

  • L’essenzialeViaggia leggero. Non preoccuparti se le magliette o i pantaloni non basteranno. Organizzare un buon bagaglio è sempre importante, ma portarsi troppe cose genera solo in noi troppa confusione e stress. Come quando tiri fuori dall’armadio tutti quei vestiti che nemmeno tu sarai sicuro di indossare. Portarsi l’essenziale vuol dire essere organizzati e preparati. Un buono zaino o valigia se ordinati significa chiarezza nella nostra testa, cioè tutto quello che abbiamo messo è al proprio posto e non ci fa venire preoccupazioni se il peso del bagaglio è troppo pesante.

 

  • Pianificare ma non troppo: È normale. La pianificazione di un viaggio è importante. Organizzare le giornate, suddividere gli orari per vedere diversi musei, mettersi d’accordo con un driver o un taxi per l’orario di partenza della mattinata o prenotare un volo alla mattina presto per non perdere la giornata. Ma se qualcosa andasse storto? Non preoccuparti. POSITIVITÀ! Può capitare che qualcosa non vada secondo i piani, ma invece di affliggerti prova a pensare a cosa potresti cambiare. Il lato positivo è che un piano cambiato può rivelarsi più conveniente e in certi casi può risultare anche divertente.

 

  • DisconnettitiNon ti dirò di lasciare il telefono in albergo o di non usarlo tutto il giorno. Viviamo in un’epoca dove il telefono può essere un grande aiuto durante il nostro viaggio. Ma quello che ti consiglio, è di dedicare solo alcuni momenti delle tue giornate all’utilizzo di un social, ai messaggi con gli amici o alle chiamate. Ritagliati dei momenti per te stesso, momenti da condividere con le persone con cui sei in viaggio. Per condividerlo con le altre persone hai tempo, magari durante una sosta o alla sera prima di andare a letto.

 

  • Vivi ogni momentoFatti rapire da quello che hai intorno. Le fotografie sono quelle cose materiali che ti ricordano di un viaggio fatto. Quando sei lì che fai una foto ad un paesaggio, ad un tramonto, ad una persona, ad un animale, ti sei mai soffermato qualche minuto ad osservare quello che quel determinato momento può offrirti? Fermati a chiedere indicazioni alle persone locali o semplicemente avvicinarti, perché sai la cosa più bella è la connessione che sia crea con persone con cui, forse, non avresti mai avuto un contatto così profondo. Prova a farlo, perché ti assicuro che quando tornerai a casa questi ricordi sono quelli che rimarranno più impressi nella tua mente.

 

L’essenza della Mindfulness in viaggio è la stessa per tutti i giorni. Vivi il presente perché è adesso. Non è facile perché la nostra mente è programmata per riempirsi di pensieri. Ma possiamo farcela? Si, ce la possiamo fare e fidati quando tornerai da un viaggio ti sentirai grato per essere riuscito ad aprirti al mondo in modo positivo, in modo curioso e senza giudicare.

Fammi sapere se hai mai praticato Mindfulness in viaggio e se l’hai già fatto condividi con noi le tue esperienze.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento