In aeroporto con i bambini: tutto ciò che dovete sapere

Una delle domande che ci fate più spesso quando si parla di viaggiare con i bambini è come superare i controlli in aeroporto. 

Domande come:

“Quali liquidi posso portare?”

“E il passeggino può passare?

“E come faccio a fare in modo che non gli si tappino le orecchie?”

sono spesso all’ordine del giorno per ogni mamma e papà che si apprestano ad affrontare un viaggio in aeroporto e un conseguente volo con i suoi bimbi.

Desenio per bambini

In aeroporto coi bambini: regole dagli aeroporti di Milano

Quando eravamo in procinto di partire per l’ Argentina abbiamo trovato un opuscolo molto interessante che dava un sacco di dritte su come affrontare i controlli in aeroporto se si viaggia coi bambini e da qui l’idea di pensare ad un video per il nostro canale YouTube che affrontasse tutti i dubbi più frequenti per chi viaggia in famiglia.

Innanzitutto diciamo che ogni aeroporto è a sé e che il video che state per vedere si basa sulle modalità operative degli aeroporti di Milano Malpensa e Milano Linate ma possiamo affermare che valgono anche per Bologna da cui partiamo spesso.

Se per caso dovete affrontare il volo da un aeroporto diverso il nostro consiglio è quello di informarvi su quali siano le regole prima di partire.

In aeroporto con i bambini: quali bagagli?

Nelle stories di instagram qualche settimana fa abbiamo fatto un sondaggio su quali argomenti vorreste che affrontassimo sul blog o su youtube e ci è stato risposto che vorreste qualche consiglio su come preparare la valigia per un bambino che viaggia. Vi promettiamo che il video sarà presto online intanto terminiamo questo post su come sopravvivere in aeroporto con i bambini rispondendo a questa domanda: Quale valigia portare se si viaggia coi bambini?

mamma viaggiatrice

Per quanto riguarda il bagaglio a mano tenete conto delle restrizioni di ogni compagnia aerea e tenete in conto che potete portare anche liquidi sopra i 100 ml (come acqua, latte e pappine) che però vi verranno analizzati sotto uno speciale metal detector come vi abbiamo spiegato nel video. Per le medicine invece non dimenticate la ricetta.

Fascia o passeggino? Dipende. Da chi? Da voi. La fascia vi potrà aiutare nelle manovre visto che vi permetterà di avere le mani libere soprattutto se viaggiare da soli e senza il vostro partner. Il passeggino molto spesso dovrete lasciarlo alla compagnia aerea prima di imbarcarvi e poi vi verrà restituito una volta scesi dall’aereo. Noi abbiamo sempre viaggiato senza passeggino ma potete prevedere di portarvi entrambi ed utilizzare la fascia magari per salire l’aereo e per tranquillizzare il bimbo in volo.

fasce porta bebè

Elisa e Manina a Senigallia al summer jamboree

Trolley o zaino? Noi cerchiamo di viaggiare il più possibile leggeri e di non portarci molte cose nell’ottica che possiamo acquistare tante cose anche sul posto, e siccome abbiamo sempre viaggiato con la fascia senza passeggino quindi avendo il bimbo addosso il trolley si è rivelato molto utile. Se invece viaggiate col passeggino forse lo zaino è la soluzione più comoda perché avrete le mani impegnate.

Comunque sia una cosa è certa, e la sosteniamo da sempre, la cosa più importante che non dovete dimenticare è una buona dose di pazienza mista a relax perché se sarete tranquilli voi probabilmente anche il vostro bimbo lo sarà e non importa quanta fatica farete state regalandogli una bellissima esperienza quindi ne vale assolutamente la pena, non trovate?

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.