Mini guida per un viaggio in Islanda: dove, come e quando

Buon mercoledì viaggiatori l’organizzazione del nostro itinerario di viaggio in Islanda prosegue e noi siamo felicissimi! Nel frattempo diamo un grande benvenuto a Francesca, 24 anni e tantissimi viaggi nel cassetto con una passione -che lei definisce più una dipendenza- per l’Islanda, i libri di viaggio e il caffè. Due anni fa ha aperto il suo blog frontiertraveller93.com  per passione, anche se le piacerebbe farlo crescere per farlo diventare la sua professione. Un aneddoto su Francesca? Ha paura di volare, ma l’amore per il viaggio e la curiosità l’aiutano ogni volta ad affrontare le sue paure, alzi la mano chi si trova nella sua stessa condizione.  

itinerario di viaggio in Islanda

Itinerario di viaggio in Islanda

L’Islanda, la terra del ghiaccio e del fuoco. Un luogo affascinante e misterioso in cui la natura fa da padrona, bellissima e implacabile.

Se non vedi l’ora di realizzare un viaggio in terra islandese o se sogni di andarci presto, vorrei lasciarti qualche piccolo consiglio che spero possa aiutarti a gustarti l’Islanda al 100% e a rendere questa esperienza una delle più memorabili della tua vita.

itinerario di viaggio in Islanda

Viaggio in Islanda: quando andare

Partiamo dal presupposto che l’Islanda è bella in qualsiasi stagione dell’anno -sia ricoperta da un manto candido, che con i prati di un verde luminoso- ma, ovviamente, dovrai tenere in considerazione alcuni fattori importanti prima di fare la tua scelta.

Durante il periodo estivo, infatti, avrai a disposizione giornate molto lunghe con temperature miti: a giugno, nel picco massimo dell’estate, il sole tramonta verso le 11.30 di sera, per poi fare capolino di nuovo alle 3 del mattino. In inverno, invece, la situazione si inverte: le ore di luce si riducono notevolmente arrivando ad un minimo di 4 ore al giorno (tra i primi di dicembre e la metà di gennaio), in favore di lunghi periodi di buio totale. C’è però un aspetto molto positivo in tutto ciò: è proprio nella stagione più fredda che l’aurora boreale si manifesta più frequentemente e con colori più intensi nel cielo islandese, rendendolo simile a un’immensa tela spennellata con tinte brillanti.

itinerario di viaggio in Islanda

Viaggio in Islanda: come girare per l’isola

Un’altra cosa che dovrai tener presente prima di partire è il mezzo con il quale girerai per il paese. Per ovvi motivi, in Islanda non ci sono treni né metropolitane anche se esiste un efficiente sistema di autobus che effettua collegamenti nelle zone più turistiche dell’isola.

Sarà però che le cose da vedere sono tantissime e dislocate per tutta l’Islanda, o che le zone più belle sono quelle a nord -meno frequentate- ma l’opzione migliore, secondo me, è noleggiare un’auto 4×4 e scorrazzare in giro per gli spazi aperti in assoluta libertà. Ti assicuro che macinare chilometri lungo le infinite strade islandesi sarà uno dei piaceri più grandi di questo viaggio.

itinerario di viaggio in Islanda

Viaggio in Islanda: cosa vedere

Adesso arriva la parte più difficile: è il momento di selezionare i punti di interesse da inserire in un possibile itinerario, a seconda della durata del viaggio e della stagione che hai scelto.

Itinerario di viaggio di Tre/quattro giorni in Islanda

Avendo un lasso di tempo molto ridotto, ti consiglio di visitare a 360° Reykjavík, la capitale più a nord del mondo, per poi dedicarti alla scoperta della vicina Penisola di Reykjanes, di cui ti segnalo il Lago Kleifarvatn e il più piccolo Grænvatn, laghetto vulcanico di colorazione verde; il campo geotermico di Seltún e il Brú milli heimsálfa (il ponte sospeso tra la placca euroasiatica e quella americana). Infine, un pomeriggio rilassante alle famosissime terme del Blue Lagoon è d’obbligo.

itinerario di viaggio in Islanda

Itinerario di viaggio di una settimana in Islanda

In questo caso, invece, ti consiglio di partire da Reykjavík, per poi seguire un itinerario piuttosto serrato nel sud dell’isola. Dalla capitale, indirizzati verso il Circuito d’Oro (costituito dalla pianura del Parlamento, þingvellir, dalla portentosa Gullfoss e dai Geysir), spostati verso la spiaggia nera di Vík -facendo una sosta alle cascate Seljalandsfoss e Skógafoss– e raggiungi il parco naturale di Skaftafell dove potrai effettuare l’ascensione al ghiacciaio Vatnajökull oppure entrare in una cava di ghiaccio (solo nel periodo compreso tra novembre e marzo). Infine, visita uno dei luoghi più scenografici d’Islanda, la laguna glaciale Jökulsárlón, prima di fare ritorno a Reykjavík passando per il bosco di þórsmörk. 

Itinerario di due/tre settimane in Islanda

Se hai a disposizione così tanto tempo, invece, hai solo l’imbarazzo della scelta. Puoi arricchire il tuo itinerario nei territori a nord, esplorando la regione nei dintorni del Lago Mývatn o spingendoti a Húsavík, la capitale europea dell’osservazione delle balene. Anche la piccola Penisola di Vatnsnes o la più famosa Penisola di Snæfellsnes possono riservare grandi sorprese.

Insomma… cosa stai aspettando?!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

1 commento

  • Rispondi maggio 11, 2018

    federica

    bel post!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.