Viaggiare in Van: on the road in Corsica nella natura selvaggia

Devo ammettere che ho sempre subito il fascino del van, a partire dai colorati furgoncini hippie fino agli esagerati mezzi da spedizione. Sarà l’idea di viaggiare in libertà e senza compromessi, sarà l’esigenza sempre più forte di stare a contatto con la natura, che alla fine abbiamo deciso di provare a realizzare questo sogno, comprando e allestendo un van tutto nostro per viaggiare. Ma questa è un’altra storia …

Viaggiare in Van: on the road in Corsica nella natura selvaggia

Arriviamo in Corsica che è buio, completamente buio. Il tempo di uscire dal porto e imbocchiamo una strada con pochi lampioni dalla luce fioca. La strada diventa più stretta, prima sale e poi scende, un tornante dopo l’altro, è talmente buio che non abbiamo la più pallida idea del paesaggio che ci circonda. Per fortuna abbiamo stabilito dove fermarci per la notte in precedenza e il luogo non dovrebbe essere molto distante. Siamo stanchi di un viaggio in nave col vento contro e sprofondiamo subito nel sonno.

viaggiare in van

Giorno 1

Al risveglio è colpo di fulmine, la Corsica ci dà il buongiorno vista mare. Dopo un inverno di lavori ad allestire il nostro van, essere lì a bere una tazza di caffè fumante vista mare è davvero una sensazione bellissima. Tiriamo tardi passeggiando sulla spiaggia a piedi nudi, ci lasciamo baciare la faccia dai tiepidi raggi di sole di fine Aprile, ascoltiamo la musica delle onde del mare e fotografiamo i primi fiori che sbocciano all’arrivo della bella stagione. Ci siamo solo noi e questo momento privato a contatto con la natura mi fa sentire in pace.

Il nostro on the road ha come prima tappa Nonza, un paesino arroccato che guarda il mare e la spiaggia di sabbia nera sottostante, una delle spiagge più grandi e particolari della Corsica. Ci addentriamo nelle sue stradine fino all’omonima torre che ospita un piccolo e particolare negozio di souvenir dove si può ascoltare e acquistare la musica corsa. La vista è mozzafiato, soprattutto in questa giornata di sole!

Proseguiamo verso nord per arrivare a Cap Corse dove vogliamo fermarci per la notte.

viaggiare in van

 

La Corsica ha un paesaggio particolare, in poco tempo si passa dal mare alla montagna e per andare da una zona all’altra della costa bisogna salire, seguire i tornanti e poi scendere. Non ci sono gallerie, bisogna seguire la montagna stessa.

Arriviamo a Tollare, dove ci sono poche case che in questo periodo sono completamente disabitate, probabilmente case di vacanza. Siamo noi, un paio di altri camper e una famiglia che prepara una grigliata in spiaggia. Prepariamo la nostra cena e ci godiamo il tramonto.

Giorno 2

Sveglia all’alba, iniziamo a cambiare i ritmi e seguire il tempo scandito dal ciclo solare. Oggi ci raggiungono dei nostri amici e insieme andremo verso sud. Percorriamo la costa fino alla zona della spiaggia di Palombaggia.

viagiare in van

 

In questa zona ogni strada ha l’accesso vietato e le strade che non sono sbarrate portano a residence privati. Riusciamo a vedere alcune spiagge solo raggiungendole a piedi: in questo periodo sono deserte e il mare è calmo e trasparente, viene voglia di fare il bagno, ma l’acqua è troppo fredda. Il tempo passa in fretta e non abbiamo ancora deciso dove fermarci per la notte. Proviamo una strada sterrata vicino ad una cava, il percorso non è bellissimo e si addentra sempre più nella vegetazione fino a che ci troviamo completamente avvolti dalle piante senza neppure lo spazio per fare manovra. Dobbiamo tornare indietro in retromarcia, forse ci siamo fatti prende un po’ dall’entusiasmo, ma anche questo fa parte del gioco. Proseguiamo e troviamo ancora strade sbarrate. Stiamo quasi per perdere la speranza di trovare un posticino tranquillo per la notte fino a che, nei pressi del Golfo di Santa Manza, dopo un breve sterrato raggiungiamo una piccola spiaggia a ferro di cavallo, sulla destra la vegetazione arriva alla sabbia, a sinistra una parete di roccia a picco. È un posto fantastico e la temperatura è perfetta per mangiare all’aperto. Non possiamo che fermarci.

viagiare in van

Prepariamo la cena e tra una chiacchiera e l’altra, ripensando alla giornata appena passata, col rumore delle onde in sottofondo, viene a trovarci un cucciolo di volpe. E’ timorosa e curiosa allo stesso tempo, si fa vedere, si avvicina un po’ per poi nascondersi in un cespuglio. Pochi istanti ed eccola che ritorna a guardarci e così un po’ di volte come fosse un gioco, una danza, finché decide di nascondersi e non farsi vedere più.

In questi momenti rimango lì a contemplare lo spettacolo col cuore nel petto che batte di emozione e anche se in quel momento sono un semplice spettatore, mi sento assolutamente viva. Questi sono i magnifici regali che ci fa la natura quando viaggiamo in van.

Giorno 3

Ci dirigiamo a Bonifacio con l’idea di arrivare fino alla zona più a sud dell’isola, ma un imprevisto ci fa tornare a Porto Vecchio e quindi decidiamo di cambiare il percorso stabilito inizialmente e proseguire verso il centro dell’isola seguendo la strada D368. Subito dopo il paesino di Ospedale incontriamo un lago artificiale e tutt’intorno la bellissima foresta di pini e faggi. Il paesaggio è troppo bello per non fermarsi e infatti incontriamo diversi viaggiatori in van come noi, anche due ragazze con un gatto 

viaggiare in van

 

Giorno 4

Oggi vogliamo percorrere il facile trekking fino alla Cascata piscia di gallo. Il percorso a piedi è alla portata di tutti, solo l’ultima parte di discesa per vedere la cascata nella sua interezza è piuttosto ripida, ma ci sono corde a cui potersi aggrappare, basta fare un po’ di attenzione. In ogni caso sul percorso abbiamo incontrato anche famiglie con bambini. In totale calcolate circa un’ora e mezza andata e ritorno.

Dopo pranzo decidiamo di salire ancora, così iniziamo a seguire una strada che non conosciamo seguendo le tracce GPS. La strada è solo in parte sterrata ma anche dove c’è l’asfalto è piuttosto disconnessa e la salita è lenta… Dove diavolo stiamo andando? Proseguiamo imperterriti fino ad arrivare al Plateau du Coscione. Qui il paesaggio è particolare, rocce tondeggianti e vegetazione bassa fatta di cespugli verdi e muschio. Sulle cime c’è neve che sciogliendosi forma tanti rigagnoli e di conseguenza l’erba tutt’intorno è spugnosa.

viaggiare in van

 

E poi animali liberi al pascolo, cavalli, mucche e maiali neri caratteristici della Corsica. Questo paesaggio mi ricorda l’Islanda.

Il sole è calato e il termometro segna all’esterno 7 gradi. Stanotte dormiamo in montagna.

Giorno 5

Siamo in corrispondenza del rifugio Du Cuccioni, di fianco c’è una strada che però è sbarrata, decidiamo così di percorrerla a piedi e camminiamo per questo splendido altopiano fino a dove la strada è bloccata causa neve. Passeggiamo per quasi due ore poi decidiamo di tornare sulla costa per la notte.

viaggiare in van

Giorno 6

La Corsica vanta diversi siti archeologici in cui si trovano i Menhir, grandi pietre erette in verticale risalenti al periodo Neolitico. In tutta l’isola se ne contano circa 500, e rispetto ai Menhir che troviamo nel resto dell’Europa, sono caratterizzati da sembianze antropomorfe. Noi visitiamo il sito di Filitosa. Il paesaggio cambia nuovamente, dopo mare e montagna ora ci troviamo tra dolci colline, alberi secolari e particolari formazioni rocciose.

Dopo pranzo riprendiamo il nostro viaggio. La Corsica è un’isola che si presta davvero all’on the road, il paesaggio non è mai noioso e tra un tornate e l’altro si scorgono paesaggi unici.

viaggiare in van

Arriviamo al Golfo di Sagone, alla spiaggia di Liamone: oggi c’è vento e il mare è mosso, guardare le onde è uno spettacolo, potrei restare qui per ore. Ma la strada è ancora lunga, dobbiamo arrivare alla spiaggia Arone dove ci fermeremo per la notte. Questa spiaggia è molto grande e si raggiunge passando da Piana per una strada panoramica assolutamente consigliata.

Giorno 7

Partenza rilassata, quasi non volessimo andare… E’ l’ultimo giorno, lo dedicheremo alle Calanque. Da Piana la strada prosegue lenta con un susseguirsi di curve e il paesaggio ci regala rocce rosse a strapiombo sul mare. Proseguiamo fino a dove abbiamo dormito la prima notte e dove faremo anche quest’ultima. Domattina si riparte.

La strada che all’arrivo abbiamo percorso immersa nel buio si fa vedere di giorno in tutta la sua bellezza, le montagne disegnano un drago, ci sono cantine vinicole e panorami col mare a destra e sinistra del “dito”.

viaggiare in van

Si riparte con una bellissima giornata di sole, lasciamo la Corsica piano piano, la guardo dalla nave mentre ci allontaniamo e mi manca già, la sua natura selvaggia, il vento e il mare, gli animali liberi…

Ciao Corsica, ci rivedremo presto.

Se anche voi siete amanti dei viaggi avventurosi e immersi nella natura, non perdete Itinerando 2018, il multisalone del turismo in movimento, dal 9 al 11 Febbraio a Padova.

http://itinerandoshow.it/

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

1 commento

  • Rispondi febbraio 5, 2018

    Allemandich

    Bellissimo giro, e chissà che in un futuro anche noi andremo a fare un giro su quest’isola stupenda con il nostro caro “Merlino”

Paola, ha fatto un sacco di viaggi, con libri e film, con la mente, coi racconti e le foto degli altri. Poi ha deciso che era ora di partire ed ha iniziato un viaggio da cui non è ancora tornata, perché il viaggio è diventato parte di lei, o è sempre stato lì da qualche parte finché non se n'è accorta. Sempre in movimento, anche con la mente perché col corpo a volte non si può. E ora qui per fare due chiacchiere, per scambiarsi qualche consiglio, per avere un confronto. Un po' hippie e un po' zen, un po' razionale e un po' creativa, anche un po' alternativa. Ama l'arte, la musica, l'acqua e le piccole cose di tutti i giorni.