Dieci cose da sapere prima di organizzare un viaggio in Oman

Preambolo: ho scritto parte di questo articolo insieme a Said, la mia guida, mentre lui guidava la jeep che ci avrebbe riaccompagnate a Muscat il penultimo giorno del mio viaggio in Oman.

Viaggio in Oman

Said è stata una presenza leggera e al contempo profonda del mio viaggio in Oman. Said è una persona meravigliosa di quelle che si svelano pian piano e solo a chi sa veramente ascoltare e andare oltre le apparenze. Said mi ha confermato, ancora una volta, che l’importante non è apparire ma essere. Grazie Said sei stata una delle scoperte più belle del mio viaggio in Oman.

Said, come tutti gli omaniti che ho incontrato sulla mia strada ha uno sguardo che parla e un cuore grande. Come guida, è quanto di più bello si possa immaginare, ha il dono di intuire i tuoi desideri ancora prima che tu li esprima.

Questo post lo dedico a lui.

Cosa sapere prima di andare in Oman

viaggio in Oman

Come vestirsi durante un viaggio in Oman 

La gente in Oman sarà molto attenta a come siete vestiti. Se volete portare rispetto alle persone dovete vestirvi bene (cito le testuali parole di Said), bene vuol dire vestirsi in modo da coprire ginocchia e braccia sia per quanto riguarda le donne che gli uomini. Mentre passeggiavo per il primo Wadi del mio viaggio in Oman mi sono imbattuta in un gruppo di donne omanite che mi hanno invitato a bere il caffè con loro all’ombra di una palma su di un grande tappeto. Quando mi stavo congedando la più anziana ha cominciato a sorridermi, parlarmi e annuire col capo. Vedendo il mio viso sbigottito ha iniziato a gesticolare. Voleva dirmi che apprezzava il modo in cui ero vestita. Avevo una lunga gonna nera fino ai piedi.

In base a come andrete vestiti comunicherete il rispetto per il popolo omanita. Scegliete quindi capi leggeri ma che vi coprano ginocchia e gambe.

viaggio in Oman

Partecipare al rito del caffè

Quando in Oman qualcuno vi offre un caffè è buona regola accettarlo con la mano destra in segno di rispetto. Ogni omanita vi offrirà il caffè fino a che non farete cenno con la mano di non volerne più. Il modo per far capire che si è a posto è quello di far trottellerare la mano con la tazzina in mano.

Accettate sempre ciò che vi viene offerto

Se durante un pranzo o una visita ad un luogo vi viene offerto qualcosa è molto importante accettarlo. Non è necessario che lo mangiate se non vi va, ma dovete comunque accettarlo e portarlo via con voi. L’unica eccezione è fatta per chi ha una allergia.

viaggio in Oman

Imparate qualche parola di arabo

Durante la vostra programmazione del  viaggio in Oman è molto importante che impariate almeno qualche  vocabolo in arabo. Ecco alcune parole fondamentali:

Grazie: shukram

Buongiorno: salam alekum

Buongiorno a te: malekum salam

Contrattate sempre quando visitate un suq

Nei mercati è molto importante contrattare. Quando Said ha lasciato me e le mie compagne di viaggio davanti al mercato di Muscat ci ha dato una sola raccomandazione: contrattate. So bene che c’è gente che non si sente portata per l’arte della contrattazione (Luca è uno di questi), ricordate però che contrattare con un arabo vi fare avere il suo rispetto, che aspettate?

souk viaggio in oman

Regole da rispettare quando si entra nella casa degli omaniti

Quando si entra in una casa normalmente ci si toglie le scarpe. Durante il nostro viaggio siamo andati a far visita ad una associazione di donne omanite che produce prodotti hand made per il mercato arabo e internazionale. Quando siamo entrate ci siamo tutte tolte le scarpe in segno di rispetto. Fatelo anche voi ogni volta che entrate a casa della gente del posto.

Come chiamare in Italia

Per poter effettuare chiamate in Italia via whats’app o Skype occorre scaricare un VPN sul proprio telefono altrimenti è impossibile fare chiamate tramite internet. Basta chiedere alla vostra guida locale che vi saprà indicare il miglior VPN da scaricare. Al vostro arrivo in aeroporto vi consigliamo di acquistare una tessera omanita (noi abbiamo fatto un contratto con Omantel) che vi permetterà di chiamare i numeri locali e di navigare in internet.

Dove cambiare la moneta locale 

E’ sconsigliato cambiare euro o dollari (che non è necessario che vi portiate con voi se non li avete già in casa) all’aeroporto o in banca a causa del rasso di cambio. Per il cambio scegliete un cambia monete magari consigliato dalla vostra guida. Informatevi sempre e comunque prima sul cambio ufficiale euro – rial omaniti per fuggire qualsiasi fregatura.

Viaggio in Oman deserto

Visto e assicurazione medica

Per entrare in Oman è necessario un visto che potrete acquistare direttamente in aeroporto al vostro arrivo (il costo del visto al nostro arrivo in Oman nel 2017 era di circa sessanta euro). Vi consigliamo di fare un’assicurazione medica prima di partire così da essere coperti per qualsiasi necessità (noi, come sapete, abbiamo la copertura annuale family di EuropeAssistance ).

Comportamento durante la visita in moschea 

L’unica moschea visitabile per i turisti stranieri in Oman è quella di Muscat che è un vero e proprio gioellino da non perdere. La Moschea è aperta dalle nove alle undici del mattino, tra una e l’altra delle cinque preghiere che i mussulmani devono fare durante il giorno. I suoi giardini e le sue navate laterali sono meravigliose. La moschea dedicata agli uomini ha un bellissimo lampadario di Swarovsky e un unico grande tappeto che ospita fino a novemila fedeli. In alcune parti della moschea dovrete togliervi le scarpe quindi portate con voi dei calzini se lo ritenete opportuno.

Viaggio in oman moschea di Muscat

L’Oman è un paese pericoloso?

Non mi sono mai sentita così sicura come in Oman. La criminalità è quasi inesistente a causa delle pene altissime che chiunque non osservi la legge subisce. Sapete che in Oman se si passa col rosso due volte nell’arco di due anni si viene puniti con ventiquattr’ore di prigione? Immaginate cosa può succedere se si ruba.

Oman. Quattro lettere così come le meraviglie naturali che non si possono perdere in un viaggio qui. La catena montuosa di Jabal Akadar, i suoi deserti, i wadi e l’Oceano. Vi lascio con il video di Luca sulla sua esperienza di viaggio in Oman, se ancora non l’avete fatto iscrivete al canale perché presto sarà online anche il video del mio viaggio in Oman.

Viaggio in collaborazione con Al Koor Tourism e l’Ente del turismo dell’Oman.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.