Keesy: la nuova accoglienza 2.0 per chi scambia casa o l’affitta

Qualche giorno fa ci ha contattato un’azienda, la Keesy, per invitarci alla presentazione del Keesy Point di Firenze, il primo servizio di check in e check out automatizzato in Italia e nel Mondo.
keesy
Il problema che ci si è presenta più frequentemente sia che indossiamo i panni dell’host che quelli del guest, così su Airbnb come durante lo scambio casa, è quello di rispettare gli orari del check in e del check out. Non tutti hanno la disponibilità, per i più svariati motivi, ad avere orari flessibili e quindi spesso ci troviamo a dover incastrare il tutto come in una partita di tetris.
Ovviamente siamo rimasti incuriositi da questa accoglienza 2.0 e questa mattina ho preso il treno per assistere alla conferenza stampa di presentazione e soprattutto per vederla con i miei occhi.
keesy
“In vacanza tutti vogliono flessibilità” queste le parole pronunciate da Patrizio Donnini, una delle menti di questa start up, mentre cercavo un posto a sedere nella sala conferenza dell’hotel in cui si teneva la presentazione. Quando andiamo in vacanza la prima cosa che vogliamo è non avere preoccupazioni e dimenticare l’orologio è il primo passo lungo la strada del relax, non credete? Proprio 24 ore fa Elisa in un hammam di Granada chiedeva l’ora ad un inserviente che le ha cortesemente risposto “Non sono autorizzato a farlo, perché le persone si devono dedicare esclusivamente al relax”.
Ma ora veniamo nel dettaglio.

Come funziona il Keesy Check?

keesy

Utilizzare il servizio Keesy App è davvero molto semplice sia per chi ospita che per chi viene ospitato e consiste in 4 fasi:
– Download dell’app o registrazione online dell’host
– Acquisto del servizio giornaliero o abbonamento e prenotazione data check in e check out
– Ricezione da parte del guest via sms/email il codice di accesso al Keesy Point e il link per scaricare l’app
– Effetuazione check in / check out del guest in completa autonomia presso il Keesy Point
keesy
keesy
Il Keesy Check abbatte non solo i tempi sia fisici che burocratici (Keesy può svolgere il controllo dei documenti d’identità, la riscossione tassa di soggiorno, la compilazione dati questura) ma anche gli ingenti costi che comportano queste operazioni.
Ogni sportello, attivo 24 su 24, è tradotto in ben 7 lingue, il che risolve il problema di comprensione tra guest e host di paesi diversi.
keesy
Un servizio aggiuntivo dei Keesy Point, che ho molto apprezzato visto che spesso viaggiando avrei voluto usufruirne, è quello di deposito per bagagli (1€/h per vano piccolo e 2€/h per quello grande) utilizzabile 24 ore prima del check in e 24 ore dopo il check out. Insomma addio alla valigia trascinata in giro per la città come un straziante fardello!
Da oggi Keesy è disponibile a Firenze a fianco della Stazione di Santa Maria Novella, ma prossimamente arriverà anche a Roma, Milano e Venezia sempre in prossimità delle principali stazioni, aeroporti o principali fermate della metro (per maggiori informazioni questo è il loro sito).
keesy
Quali sono le vostre esperienze di check in e check out durante i vostri viaggi? E’ sempre andato tutto bene o avreste voluto cambiare qualcosa?

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

1 commento

  • Rispondi maggio 22, 2017

    Ester

    Ehi grazie!!!
    In effetti nella sua semplicità è geniale, chissà perché nessuno ci aveva pensato prima?
    Mi fa piacere anche che questo progetto abbia preso vita a firenze 😉
    Una comodità a cui sarà facile abituarsi, l’unico neo potrebbe essere perdere la possibilità d’incontrare i propri host (beh, basta vedersi durante il soggiorno).
    Curiosità, intoppi, beghe e reclami come sono gestiti?
    Cmq mi piace 👍

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.