Top
Image Alt

Miprendoemiportovia

L’Emilia Romagna rappresenta per molti la regione della buona tavola, tra Parmigiano Reggiano, tortellini in brodo e tanto altro.  Per altri è quella dei motori, perché qui sono nate Ferrari, Maserati, Lamborghini, Ducati. Esiste l’Emilia Romagna contadina e quella industriale. Quella “rossa” culla del comunismo italiano e delle Feste de l’Unità ma anche quella che ha dato i natali a Mussolini. C’è però un suo aspetto, figlio probabilmente di tutti questi ingredienti, che per più di vent’anni l’ha resa una terra da sogno: la vita notturna delle discoteche.

Disco Emilia

Negli anni 70 e 80 in Emilia Romagna si è verificata la nascita di un numero impressionante di discoteche e dancing club, di dimensioni pari se non superiori alle grandi chiese e capannoni aziendali, dove folle oceaniche si riversavano per consumare il meritato divertimento dopo una settimana di duro lavoro.

Disco Emilia

La varietà del pubblico e delle discoteche era tale da creare una scena davvero unica nel panorama nazionale. Dagli anziani appassionati di liscio ai giovani innamorati del punk e new wave passando per il funky e disco music, di tutte le estrazioni sociali. In questi anni nascono la figura del dj e gli spettacoli di luci strobo e laser. Il concetto di divertimento subisce letteralmente una rivoluzione.

Disco Emilia: la mostra di Spazio Gerra per Fotografia Europea

Questo è l’argomento sulla quale si basa “Disco Emilia”, la mostra dello Spazio Gerra di Reggio Emilia inaugurata durante Fotografia Europea 2016.

Disco Emilia

Quattro esposizioni su altrettanti piani offrono un’analisi approfondita del fenomeno tra foto, video, audio e tanto altro. Tre quelle fotografiche: Dancing in Emilia di Gabriele Basilico, Last Night di Andrea Amadasi, Hyena e Arianna Lerussi e Paradise Discoteque di Antonio La Grotta.

Disco Emilia
Disco Emilia

All’ultimo piano dello Spazio Gerra si trova l’esposizione di veri e propri cimeli d’epoca, tra volantini, locandine, insegne e tanto altro, prestati per l’occasione dai “discotecari” di allora.

Disco Emilia
Disco Emilia
Disco Emilia

Ad oggi, dopo nemmeno due mesi, “Disco Emilia” ha raggiunto qualcosa come 15.000 visitatori, un successo davvero sorprendente anche per gli organizzatori.

Restate e Spazio Gerra: un connubio perfetto

Spazio Gerra non è il solito spazio espositivo cittadino, è uno spazio aperto come la sua architettura trasparente senza confini sta a simboleggiare. Uno spazio in cui creare connessioni, un’esposizione costante di materiali che discutono tra loro. 

Disco-Emilia-03

Restate è un progetto del Comune di Reggio Emilia che raggruppa e supporta l’offerta culturale della città nei mesi estivi. Restate come il gioco di parole sta a significare invita a Restare a Reggio Emilia per godere degli eventi e delle manifestazioni che animano il centro storico e i quartieri da giugno a settembre.

Disco Emilia

Spazio Gerra dal 20 giugno al 25 Luglio offrirà all’interno delle iniziative di Restate 2016 “l’estate in giardino” che si svolge nel giardino estivo dello spazio espositivo: la piazzetta degli orti di Santa Chiara. Due appuntamenti settimanali di approfondimento legati ai temi della musica e della cucina: il lunedì “Disco Emilia Garden” e l’altro il giovedì “Un giro di Jazz”. Durante ogni serata sarà possibile cenare all’aperto con il menù alla carta dell’attiguo ristorante Il pozzo.

Disco-Emilia-01
Disco-Emilia-4

Ieri sera (potete leggere lo sotrify qui) abbiamo assistito alla serata dedicata allo storico locale di Reggiolo “Due stelle”, uno dei primi locali ad inaugurare la stagione delle mega discoteche. Erano presenti alla serata la famiglia Crema che ha fondato e gestito il locale fino ai giorni nostri e Franco Canova curatore del libro “come ci divertivamo noi giovani”. Sul finire di serata anche un dj set ’70 e ’80 della musica del due stelle.

E se è il revival di quei tempi che state cercando allora non potete perdervi la serata finale del 25 luglio dove saranno presenti dj storici della scena musicale che ha popolato Disco Emilia. Vi aspettiamo!

Ciao siamo Elisa e Luca, due viaggiatori incalliti che hanno fatto della loro vita un viaggio senza fine. Ci siamo entrambi licenziati da un lavoro che ci piaceva ma che non ci permetteva di vivere la vita che volevamo. Abbiamo un cuore rock’n’roll che batte all’unisono e un’anima gipsy. Il nostro motto? I sogni nel cassetto fanno la muffa, quindi tiriamoli fuori che la vita è lì che ci aspetta!

Comments:

  • angelaf1984

    7 Luglio 2016

    Adoro la vita notturna, ma questo progetto dura solo dal 20 giugno al 25 luglio?

    reply...

post a comment