Elisa & Luca

Ciao siamo Elisa e Luca, coppia nella vita e sul blog. Ci siamo innamorati il giorno stesso in cui Elisa ha deciso di iniziare a scrivere questo blog di viaggi, il 6 gennaio 2011. Possiamo dire che il blog è cresciuto con noi e con il nostro amore. Siete pronti a conoscerci meglio?

Eccovi allora qualche informazione in più su di noi

Paris Cafè

Elisa Paterlini – Founder, editor e social media specialist

Sono una viaggiatrice incallita, viaggiare mi fa stare bene, mi dà energia, mi rende felice. Ma non l’ho saputo da sempre..

Fino a 21 anni non avevo mai messo piede più in là dei confini del mio paese. Viaggio e fotografia hanno aspettato per entrare nella mia vita. Poi d’un botto ho deciso di intraprendere la meravigliosa esperienza dell’Erasmus e da lì non mi sono più fermata.

Ho viaggiato per lunghi periodi o solo per qualche settimana, ho abitato alle porte dell’Andalusia per quasi un anno e cercato lavoro alle Canarie per un certo tempo, ho preso casa in Costa Rica un paio di mesi, ho imparato la danza africana in un’isola sperduta della Guinea e sono stata in Angola alla fine della guerra che l’ha devastata per trent’anni al seguito di un pazzo prete di colore di nome Adriano. Ho festeggiato il capodanno a New York, percorso da Sud a Nord l’Australia solo in compagnia del mio zaino e condiviso la camera in Favela a Rio de Janeiro con una grande amica. Ho risalito la catena dell’Atlas in Marocco con una macchina sgangherata e il corso del Mekong dalla Cambogia al Laos a bordo di improbabili imbarcazioni. Sono stata in Messico varie volte ma quelle che ricordo con più affetto sono Guanajato al matrimonio del mio “hermanito” e l’incontro internazionale degli Zapatisti coi popoli del mondo in Chiapas. Ho visitato il Guatemala in autobus, fatto snorkeling in Belize, alle isole Gili, a Bocas del Toro a Panama e ho scoperto quasi tutta Bali a bordo di uno scooter. Ho amato Cuba alla follia, cercato il sole durante la stagione delle piogge in Thailandia e sono morta di freddo durante l’inverno in Canada. Ho fatto un incidente a Lombok e visto due leopardi fare all’amore in Botswana. Non so nuotare ma ho fatto il mio battesimo dell’acqua in Polinesia, sono salita fin sulla cima del Monastero di Petra in Giordania nel silenzio della natura e insieme a Luca ho fatto un on the road di 3000 chilometri in Argentina per il primo compleanno di Manina, mio figlio. Ho viaggiato soprattutto per incontrare la gente anche attraverso l’obiettivo della mia inseparabile reflex.

Adoro viaggiare in libertà senza vincoli di prenotazioni fatte da chi nemmeno mi conosce, in agenzia ci compro solo i biglietti aerei e poi adesso nemmeno più quelli. Il viaggio lo organizzo da casa leggendo racconti di chi c’è già stato. Cerco di viaggiare il più possibile low cost e con rispetto dei luoghi e delle persone affidandomi in particolar modo a strutture di accoglienza gestite da gente del posto. Nei luoghi in cui vado mi piace scovare locali autoctoni e suggestivi, mangiare solo cibo locale e assaporare oltre alla gente tutta la cultura del posto.

Da quel lontano 6 gennaio curo ogni giorno il blog come fosse un figlio, con impegno e dedizione. Quando faccio qualcosa mi piace farlo bene e così nel 2012 per aumentare le mie capacità e competenze nel mondo del web mi sono iscritta ad un master a Sqcuola di blog per diventare social media specialist e aumentare le mie capacità di blogging e social media. Dal 2013 insieme a Luca sosteniamo le strutture turistiche e le agenzie di promozione turistica in progetti di web turistico. Abbiamo inoltre in essere vari progetti come copy writer per maggiori informazioni clicca qui.

Mafalda paseo de la historieta

Luca Golix Golinelli – editor, grafico, fumettista

Cercare di descriversi in poche parole quando la propria vita è un vero e proprio vortice che di anno in anno gira sempre più velocemente è un’impresa titanica.

Tutto inizia quel giorno in cui impugno per la prima volta una matita ed un foglio. Dalla mia passione sfrenata per il mondo del fumetto tutto prende vita. E poi i dischi rock di mio padre. La chitarra. Un biglietto ferroviario – il mitico interrail – che a diciott’anni mi ha porta per la prima volta all’estero alla scoperta di ciò che c’è “fuori”. L’amore per la birra artigianale. Un incidente stradale che-a-momenti-ci-lascio-le-penne. Poi l’incontro che cambia tutto quel girare vorticoso e che lo rende ancor più frenetico: Elisa.
Bang!
Una promessa di matrimonio in un ristorante turco a Berlino dopo soli tre mesi. Messico. Un matrimonio lampo. Sudafrica. Il blog inizia a diventare “affare di famiglia”. Parigi. Prima foto, poi grafica e infine articoli vedono la mia partecipazione sempre più attiva.
Sempre insieme e sempre in giro, zaino in spalla, a bordo di aerei, elicotteri, autobus, taxi, jeep, carrozze, barche, scooter e qualsiasi altro mezzo ci possa portare a conoscere il mondo.
Nel 2013 da questo vortice nasce il nostro piccolo “Manina” e la voglia di rivoluzionare la nostra vita mi prende la mano e allora lascio il mio lavoro da dipendente e creo Dillo con un fumetto, un progetto con il quale offro la possibilità a privati ed aziende di utilizzare lo strumento del fumetto per le più svariate applicazioni. E non contento a 35 anni fondo pure una punk rock band, i Bersaglieri su Beirut.
Nel 2014 io ed Elisa compiamo il nostro primo vero grande viaggio con nostro figlio: un on the road attraverso l’Argentina. Da qui nasce l’idea di documentare questa esperienza attraverso un diario di viaggio a fumetti che possa raccontare quotidianamente le nostre vicende di genitori viaggiatori con un bimbo di 12 mesi in una terra così lontana.
Io sono Luca Golinelli e il mio nome d’arte è Golix.

Manina

Sapevo che nascere in una famiglia così avrebbe voluto dire passare l’infanzia in movimento ma d’altronde sono nato sotto il segno del Leone e mi piace l’avventura. A due settimane i miei genitori mi hanno regalato la mia prima vacanza. Siamo partiti alla volta di Nizza e la Costa Azzurra e da quel momento non ci siamo più fermati. I primi due anni di vita li ho passati ad osservare il mondo dalle spalle del mio papà visto che i miei genitori non usano passeggini ma solo supporti ergonomici. Mio nonno tiene traccia di tutti i miei viaggi in un documento excel sul computer che aggiorna meticolosamente. La mia più grande avventura finora è stato festeggiare il mio primo compleanno con un viaggio di tremila chilometri sulle strade dell’Argentina. Potete leggere di tutte le mie avventure nella sezione a me dedicata dal nome In viaggio con Manina.

——————————————————————-

Se sei interessato a collaborare con noi scrivici a elisa(at)miprendoemiportovia.it

Non è abbastanza vuoi saperne di più?

Qui trovi la storia del nome del blog, il perché lo abbiamo aperto e la descrizione delle diverse rubriche e sezioni per poterti muovere al meglio al suo interno.

Ed ora non ci resta che augurarti: buona lettura!