Praga: miti e leggende di una capitale magica

La special guest di questo mercoledì è Agnese che abita a Praga, ha un blog dal titolo viaggizainoinspalla e un passato da agente di viaggi. Oggi ci svela cosa vedere a Praga in un itinerario tra i miti, i misteri e le leggende legati a questa città. Buona lettura. 

Cosa vedere a Praga: misteri, miti e leggende

Tutto ciò rendeva Praga, nella sua meravigliosa bellezza, una città piena di incanti e di spettri, e faceva di essa il simbolo dei vuoti e delle ombre della vita e soprattutto della nostalgia per tutto ciò che ad essa manca”. C. Magris

Non saprei dirvi cosa rende Praga tanto misteriosa. Forse è la sua architettura un po’ barocca, forse la sua illuminazione soffusa che molti interpretano come romantica… ma che, sotto alcuni aspetti, sembra nascondere oscure ombre.

Praga regala sentimenti contrastanti a chi la visita e tutti finiscono per chiedersi quali misteri ci siano dietro l’aspetto mite, tranquillo e poetico di questa città del centro Europa.

Sarà una tendenza tipica dell’expat, sarà che non ti senti mai del tutto a casa tua per un bel po’ di tempo, ma riesci a vivere in una sorta di perpetua vacanza e la tua città diventa un posto da scoprire angolo per angolo: ho scoperto che qui riesco ad essere turista nonostante tutto e ho voglia di conoscere nel profondo la città in cui vivo.

Dopo più di un anno di vita tra queste vie, ho iniziato così a scoprire qualche retroscena dei monumenti che inizialmente fotografavo da turista.

Cosa vedere a Praga

Il vicolo d’oro di Praga: tra truffa turistica e leggenda

La prima volta che l’ho visitato non sapevo tutto ciò che vive nascosto nelle pieghe di questa stradina chiusa e a pagamento nel cuore del Castello di Praga (Zlatá ulička, 110 00 Praha 1).

Una stradina variopinta stracolma di negozietti di souvenir dalla parvenza artigianale.

Anticamente il vicolo pullulava di botteghe di orafi e leggenda vuole che Rodolfo II, causa la sua passione per l’alchimia, abbia chiesto a questi artigiani di trasformare metallo comune in oro… mentre comunque cercava il suo elisir di lunga vita. Questo è il motivo per cui il vicolo d’oro è chiamato anche Vicolo degli Alchimisti.

Cosa vedere a Praga

Il quartiere ebraico e la leggenda del Golem

Anche il quartiere ebraico, conosciuto sulle mappe come Josefov, mantiene in vita una antica leggenda.

Nonostante questo quartiere abbia vissuto momenti storici tragici sembra attirare molto di più la storia del Rabbino Low che da fango e argilla creò il Golem.

All’inizio il Golem rispondeva agli ordini del rabbino, ma un giorno decise di scappare dal padrone e iniziò a distruggere il quartiere.

Il rabbino fu costretto ad uccidere quella che era una sua creatura e si narra che i resti del Golem ancora oggi si trovino nascosti nella Sinagoga Vecchia-Nuova.

Cosa vedere a Praga

L’orologio astronomico di Praga e la sua leggenda

L’orologio astronomico (Piazza della città vecchia) è di per sé uno dei monumenti più visitati di Praga. Soprattutto nel weekend nell’area sottostante l’orologio, ad intervalli di un’ora, si forma una nutrita folla schiamazzante e dal clic facile. Tutti sono sempre in attesa dello scoccare dell’ora e dell’inizio della danza dei dodici apostoli al tintinnio della campana della Morte. Vi assicuro che ormai è diventato più divertente guardare le persone impazzire allo scoccare dell’ora e l’ondata di flash che inondano il bell’orologio.

Questo famoso marchingegno risale al 1410 e la leggenda che si nasconde dietro l’orologio astronomico è legata all’identità del suo creatore. Sembra che l’orologio sia stato creato da Mikuláš di Kadaň.

Si dice che dopo la consegna dell’oggetto in molti iniziarono a preoccuparsi che l’uomo potesse costruire un altro orologio simile in un’altra città. Per prevenire questa evenienza non ci si pensò due volte e l’orologiaio venne accecato per evitare che potesse ancora lavorare.

L’uomo cadde nella disperazione più acuta e, maledicendo l’orologio e chiunque vi avesse posato lo sguardo sopra, si gettò proprio dall’alto dell’orologio stesso.

Cosa fare a Praga

Il braccio mummificato della chiesa di San Giacomo

Più che di un mistero qui possiamo parlare di un elemento decisamente lugubre.

San Giacomo il Grande (Malá Štupartská 635/6, Praha 1) è sicuramente una delle chiese più belle di Praga, in pieno centro, in una stradina laterale nel cuore della città vecchia.

Nella chiesa tra le tante cripte e quadri, elementi barocchi e candele penzola dall’alto un braccio mummificato.

Il braccio sembra attirare più della magnificenza delle tombe ospitate dalla chiesa o dell’enorme organo. Pare che sia appartenuto ad un ladro che cercò di rubare i gioielli esposti sulla statua della Madonna. La Madonna non la prese bene e afferrò per un braccio il ladro, tanto forte che per liberarlo fu necessario amputarlo.

Ogni città ha i suoi luoghi oscuri, ma Praga sembra nascondere ancora molti miti e leggende… forse dovrò stare qui ancora un bel po’ per riuscire a conoscerle tutte.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

  • Rispondi novembre 25, 2016

    Mahee Ferlini

    Fantastico diario di viaggio!!

    • Rispondi novembre 28, 2016

      Elisa e Luca

      grazie 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.