Viaggio a Benidorm la New York del Mediterraneo

Come sapete la Spagna è una delle mie mete preferite. Quando voglio staccare la spina e riposarmi per brevi periodi è verso di lei che punto il dito. Sono sempre alla ricerca di nuovi posti da visitare in questo paese e oggi vi vorrei parlare di Benidorm.

Il suo nome gironzola per la mia testa da quando ero adolescente. Benidorm era una delle mete predilette per le vacanze in Spagna con gli amici. Fa parte della comunità valenciana ed è conosciuta come la New York del Mediterraneo perché è la terza città con più grattacieli della Spagna (dopo Barcellona e Madrid) e di Europa (dopo Londra e Milano).

Levante-beach-Benidorm

Insomma, per farla breve, Benidorm è una delle città con la maggior concentrazione di grattacieli al mondo e per quanto riguarda l’aspetto urbanistico è sempre stata una città moderna. Tutto il lungomare è intriso di luoghi dediti allo shopping come in un infinito centro commerciale in riva al mare.

Quando ero giovane Benidorm faceva rima con movida, spiagge e divertimento ma visitando il sito dell’Ente del Turismo mi sono accorta che è anche altro. E’ anche cibo e cultura. Grazie al suo clima mite diventa una meta perfetta in questo momento dell’anno sopratutto per la presenza di feste tradizionali coinvolgenti.

Le feste di Benidorm

La città è un mix di culture diverse, di gente proveniente da ogni parte di Europa e della Spagna. Proprio per questo motivo quasi ogni weekend Benidorm festeggia una festa patronale spagnola. Le principali feste dell’anno sono San Giuseppe, Fallas, Mori e Cristiani, San Giovanni e, ovviamente, le Feste Patronali in onore alla Vergine del Suffragio, patrona di Benidorm. Proprio in questo mese, esattamente dal secondo sabato del mese fino al mercoledì successivo si vive una festa molto intensa che ha origini nel settecento e che rievoca il giorno in cui una barca fu trascinata in porto da una grande tempesta. La barca fu bruciata e tra i resti venne ritrovata l’immagine della Vergine.

Le feste locali sono così coinvolgenti che i turisti britannici prenotano le loro vacanze in autunno per poterle vivere a pieno. Il 17 Novembre poi si festeggia Benidorm British Fancy Dress Party, una festa non ufficiale, in costume di ispirazione British che che cominciò più di venti anni fa quando Manolo da Sinatras offriva qualcosa da bere a chi era vestito in maschera.

La cucina di Benidorm

benindorm-02

Io in Spagna ci andrei anche solo per mangiare. Adoro tapear. Adoro andare a tavola tardi e starci fino a metà pomeriggio. Grazie alle numerose influenze delle diverse culture che l’hanno attraversata la cucina di Benidorm è davvero variegata. Le tradizioni arabe si mescolano alle eredità dei mercanti e alla cucina tipica dei pescatori.

benindorm-01

Il riso con triglia e zucca, il tegamino di pesce, il riso con alici e spinaci sono alcuni dei piatti tipici da assaggiare assolutamente. Tra i dolci imperdibili la torta ripiena, i pasticcini di patata dolce e la brioche di San Giovanni.

benindorm-03

Non sono una tipa particolarmente da spiaggia e vita notturna ma se c’è una cosa che adoro è visitare i luoghi turistici marittimi spagnoli fuori stagione e forse con Benidorm ho trovato la prossima meta che ne dite? Voi ci siete mai stati?

Questo post partecipa al concorso indetto da Visit Benidorm che premia con un viaggio il blog post che otterrà più condivisioni, commenti e like sui social. Se volete vedervi raccontata questa meta attraverso le nostre parole condividete questo post. Grazie – Sharing is caring

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

  • Rispondi novembre 18, 2016

    Daniela

    Ne avevo sentito parlare 🙂 non so se mi ispira molto in sincerità.. troppi grattacieli 😀

    • Rispondi novembre 21, 2016

      Elisa e Luca

      Infatti a nostro avviso deve essere interessante andarci durante le feste patronali, quelle devono essere davvero interessanti!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.