Studiare le lingue: il passe-partout per viaggiare nel mondo

Studiare le lingue è stato il mio passe-partout per viaggiare nel mondo. 

Ma non crediate che sia stato facile, che sia stata una strada sempre in discesa. Il mio primo, vero, approccio con l’inglese è stato una catastrofe.

Ricordo ancora la fatica e la vergogna dei primi giorni e poi la soddisfazione alla fine dei tre mesi di corso di inglese in Scozia.

Ho cominciato a studiare inglese a sedici anni per una manciata di ore a settimana. Poi a ventun’anni l’Erasmus in Scozia. Come un salto nel buio a cui non ero preparata.

Ricordo ancora quando sono arrivata, la gente mi parlava e io non li capivo. Le ore passate a studiare grammatica e le sere alle feste a sorridere annuendo a frasi che per me erano vuote.

E la soddisfazione, quando, dopo giorni e giorni di corso, gli accenti si ammorbidivano, le parole iniziavano ad avere un significato e la mia mente cominciava a sognare in inglese.

Poi c’è lo spagnolo. Che adoro dal più profondo del cuore. Che amo parlare, che amo ascoltare, che mi è sempre stato facile. Ho cominciato a studiarlo all’università e poi l’ho approfondito durante i sei mesi di volontariato europeo a Murcia.

Ve l’ho già detto che io vorrei vivere in Spagna? Vorrei svegliarmi alla mattina e accogliere le persone con un “Buenos Dias” perché a me questa lingua mette allegria.

Ed infine il francese. Che studio da quando sono piccola e che mi è amico. Non lo coltivo molto ma mi riesce sempre di capirne abbastanza per sostenere la conversazione. Da qualche parte in me vive il rammarico di non aver detto “” un giorno di primavera ad una zia che viveva a Parigi e che mi proponeva di passare l’estate a studiare da lei. Chissà forse un giorno recupererò? La vita dà sempre mille possibilità, basta accoglierle.

Amo le lingue perché sono il passe-partout per viaggiare nel mondo. La chiave che apre la porta all’incontro con gli altri.

Studiare le lingue

A volte le persone sono bloccate a viaggiare in quel posto o nell’altro dal fatto che non conoscono la lingua del luogo. Non lasciate che questo vi scoraggi. Non esistono problemi, esistono solo soluzioni. 

Studiare le lingue all’estero è stata la mia soluzione

Vi consiglio di guardare il sito di linguago.it, un portale per prenotare corsi di lingua e vacanze studio nel mondo con più di 35 scuole riconosciute. Ogni scuola è attiva da almeno tre anni e non ci sono spese di agenzia e intermediazione. Nel sito potete confrontare i prezzi e trovare sconti e promozioni. Ogni scuola ha un sistema di valutazione che proviene dai giudizi dei corsisti che l’hanno testata. Nella mia esperienza aver studiato inglese e spagnolo direttamente sul posto mi ha permesso di acquisire un buon livello in poco tempo.

Studiare le lingue all’estero è uno dei regali più belli che possiate farvi, nessun dubbio e nessuna scusa porrà più bloccarvi armati del vostro passe-partout per conoscere il mondo.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

6 commenti

  • Rispondi maggio 4, 2016

    Eleonora

    Cara, ho già commentato su ig ma lo faccio anche qui perché questo argomento mi è particolarmente caro. Adoro le lingue straniere e vivrei di esperienze all’estero per approfondire sempre di più, e conoscerne di nuove.
    Anche io come te adoro lo spagnolo, passerei le ore ad ascoltarlo e parlarlo…non esiste lingua più bella, secondo me! E solo la lingua varrebbe un trasferimento immediato in Spagna, in questo ti capisco eccome!
    Le lingue sono la mia più grande passione, e lavorativamente parlando sono lo strumento che mi consente di reinventarmi ovunque io vada! Questo è il progetto che sto portando avanti nella mia vita romana: https://lacasadellelingue.com

    • Rispondi maggio 4, 2016

      Elisa e Luca

      ma che bel progetto! Raccontacelo meglio 🙂

      • Rispondi maggio 6, 2016

        Eleonora

        Volentieri! Come posso fare?

        • Rispondi maggio 8, 2016

          Elisa e Luca

          raccontacene un po’ qui ti va?

  • Rispondi giugno 7, 2016

    Miss Dreamer

    “Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solo una pagina” Sant’Agostino

    Viaggiare è una mia grande passione e ho deciso di raccogliere le mie foto dei miei viaggi nel mio sito https://payhip.com.

    Credo anche che “Non è mai troppo tardi per essere quello che vuoi essere”, titolo del mio prossimo ebook con foto tratte dai miei viaggi e in vendita sul mio sito, quindi per viaggiare, imparare una nuova lingua,…

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.