Diario di viaggio in India tra caos e pace

Qualcuno ha detto che l’India è uno stato dell’essere, ascoltai per la prima volta questa frase da un carissimo amico che dall’India va e viene da oltre 40 anni con sua moglie. Io mi disperavo perché volevo tanto andarci ma in quel periodo ero particolarmente al verde, mi sembrava un sogno impossibile, ma le sue parole mi colpirono.

Non ho mai smesso di crederci e, alla fine, in India ci sono andata ben due volte, anzi ho in progetto di tornare presto per esplorare nuovi paesaggi e riabbracciare vecchi amici.

È un amore, quello verso questa terra, che non so spiegare ma fosse per me mi trasferirei subito lì perché fin dalla prima volta mi sono sentita a casa, ho sentito che in quel luogo la mia anima poteva trovare rifugio.

Diario di viaggio in India

 

L’India per me è caos, rumore, odore d’incenso mischiato alla puzza delle strade, sari colorati, gelsomini tra i capelli. Tuk tuk invadenti, corvi gracchianti e scimmie dispettose. Strade non asfaltate di paesini persi nel nulla o metropoli che cercano di occidentalizzarsi. L’India per me è un bambino ingenuo che guarda all’Occidente come un fratello maggiore da imitare e lo fa in modo piuttosto impacciato a volte.
Spazzatura e offerte devozionali, una terra di contrasti. La pace nel cuore. Lacrime di confusione. Il Paese delle Meraviglie e io, come Alice, a chiedermi chi sono.

Diario di viaggio in India

India mamma che conforta, India pugni nello stomaco.

La “mia” India, quello che io vivo e che può essere diversa da quella che vedi o che vivrai tu ma che vale la pena di essere raccontata.
Se avrai voglia, sarò qui a farlo, come una giovane donna che, seduta sulla riva di un fiume, racconta storie al vento e, a volte, qualche passante curioso si ferma per ascoltare.

“Qui non siamo in Inghilterra, in Nuova Zelanda, in Australia o in qualsiasi altro paese del cazzo. Questa è l’India, amico. In questo paese è il cuore che comanda. Il fottutissimo cuore. È per questo che sei libero. Gregory David Roberts, Shantaram!

Diario di viaggio in India

Questo post è stato scritto da Sara che ci è già passata a trovare più volte come special guest del mercoledì, e che pubblichiamo sempre molto volentieri, di lei ci piace il suo entusiasmo e l’amore viscerale per questo paese.

Se vuoi leggere altri suoi post puoi trovarli a questi link:

In India tutto è possibile, niente è certo

Un viaggio in India è una meditazione in movimento

Goa lasciarsi andare all’India

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.