Scambio casa in Provenza e una seconda tappa nello zaino

Ce lo avevano detto ma non ci avevamo creduto: lo scambio casa crea dipendenza.

Ed eccoci qui al nostro secondo scambio casa in due mesi, a luglio la Provenza, ad agosto il Belgio e, un accordo di scambio nello zaino per agosto 2016 (sì avete capito bene, proprio noi che di solito scegliamo la meta dei nostri viaggi all’ultimo minuto spulciando un po’ dalla lista delle 100 cose da fare prima di morire).

Scambio casa in Provenza: come è andata

Siamo arrivati a casa di Odile che non credevamo ai nostri occhi, una vera casa provenzale al di là di ogni più rosea aspettativa. Una casina in muratura immersa nel verde, barbecue ed una bici rossa piena di fiori a far da sentinella all’entrata.

scambio casa in provenza

Un piccolo appartamentino di appena 26 metri quadrati ma attrezzato di tutto ciò che serve e una piscina all’aperto che sembra messa lì apposta per rinfrescarci dalla calura di questo caldo luglio provenzale.

Il paesino non è nella guida ma merita davvero una sosta. Di guide ne troviamo una nell’appartamento fatta a mano da Odile e da tutti gli ospiti che ci hanno preceduto colma di suggerimenti su dove andare e cosa fare, con un nome che è tutto un programma: l’altra guida.

Alle pareti cartine del mondo e dell’Europa con segnati tutti gli scambi che da quindici anni a questa parte la famiglia di Odile fa nel mondo.

Le nostre giornate passano felici alla scoperta dei campi di lavanda in fiore, delle crete di Roussillon e del verde dei vigneti delle vicinanze che producono ottimo vino.

campi di lavanda in Provenza

In questo periodo una vacanza qui ci sarebbe costata tantissimo a patto che fossimo riusciti a trovare alloggio visto che non solo è il periodo giusto per vedere la lavanda in fiore, ma anche il momento per partecipare al festival delle arti di Avignone e a quello di fotografia di Arles.

E’ stata una settimana intensa e bellissima, non potevamo cominciare la nostra avventura con lo scambio casa in maniera migliore!

Scambio casa: seconda parte in Belgio

Più di mille chilometri attraverso l’Europa che dall’Italia ci hanno portato fino in Belgio. Mentre scriviamo stiamo per arrivare a Kontich dopo aver fatto tappa in Alto Adige nei masi del Gallo Rosso e in Germania a Heidelberg.

Al contrario dello scambio in Provenza che era non-simultaneo questo sarà uno scambio simultaneo, domenica, il giorno della nostra partenza per questo on the road in Europa, Erik e Sandra sono arrivati a casa nostra. E’ stato molto bello e divertente preparare la nostra casa per loro e lasciare un piccolo kit di benvenuto composto da un po’ di cibo tipico emiliano e un quaderno con qualche dritta su cosa visitare nei dintorni.

scambio casa welcome kit

Staremo qui a casa di Sandra per quasi una settimana poi ripartiremo alla volta di Bruge e Mons. Essendo amanti della birra artigianale per noi il Belgio è un vero paradiso, nel frattempo a voi spetta indovinare dove ci porterà lo scambio casa del prossimo agosto. Volete un indizio? Ok ve ne diamo tre: si trova in un continente scoperto credendo fosse un altro, si trova al centro ed è molto poco turistico per un europeo, un po’ meno per un americano. Chi indovina?

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

  • Rispondi agosto 9, 2015

    Mahée Ferlini

    Molto interessante lo scambio casa, ci sono dei siti dove ci si puo’ iscrivere?

    • Rispondi agosto 17, 2015

      Elisa e Luca

      Ciao Mahée certo ce ne sono vari. Noi ne abbiamo provati due ma con uno non abbiamo avuto nessun contatto in sei mesi mentre con l’altro homelink.it abbiamo ottenuto tre contatti in tre mesi quindi ci sentiamo di consigliartelo vivamente!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.