Tatuare la propria casa con gli stickers di viaggio

Nel nostro on the road in Corsica dello scorso mese ho incontrato il tatuaggio della mia vita.

Sì avete capito bene. Ho già un tatuaggio sulla caviglia interna di sinistra che sta lì a ricordarmi che in ogni crisi c’è sempre un’opportunità. L’ho fatto il primo luglio del 2011 quando questo blog non aveva nemmeno sei mesi di vita così come la mia storia d’amore con Luca.

Finalmente la vita iniziava a prendere il verso giusto dopo (soli) trentacinque anni di fatica. Fino ad allora non avevo imbroccato una storia d’amore che fosse una e facevo davvero fatica ad accettare la mia anima nomade ed indipendente che gridava al mondo di voler essere un lavoratore autonomo e senza vincoli. I tre anni precedenti erano stati il culmine delle mie difficoltà personali. Avevo attraversato una grossa crisi ma ero riuscita a vederci un’opportunità di crescita, mi ero rimboccata le maniche intraprendendo un percorso di cambiamento che mi ha portato tra le braccia di Luca e del blog.

Volevo sancire tutto questo e lo feci con un tatuaggio che ormai sta lì vicino al mio piede da quasi quattro anni calpestando insieme a me tutte le terre e le strade del mondo.

Il tatuaggio che invece vorrei fare oggi è quello che ho visto sul braccio di una ragazza che lavora in una delle cantine vinicole di Patrimonio. Manina se ne è perdutamente innamorato tanto che voleva rimanere là con lei a vender vini. Io invece non riesco a non pensare al suo tatuaggio: la cartina del mondo delineata con colori arcobaleno. Purtroppo non l’ho fotografata ma ne ho trovata una online simile, eccola qui, solo per farvi capire di cosa sto parlando.

tatuaggio per chi ama viaggiare

Siccome allatto ancora non posso tatuarmi. Devo aspettare. Poco male, crisi – opportunità, l’ho imparato e ora lo applico a qualsiasi cosa, quindi nell’attesa ho pensato di tatuare le pareti di casa mia.

Forse non ve l’ho  ancora detto ma una delle mie grandi passioni oltre al viaggio è il design e la settimana scorsa, navigando in internet, ho scoperto gli adesivi viaggi di Tenstickers che permettono di creare lavagne adesive da parete a forma di mondo come quella che vedete in questa foto.

 

Stickers di viaggio per portare il mondo a casa mia

Gli stickers che in assoluto mi piacciono di più sono le lavagne adesive da parete su cui si possono annotare le località visitate con un gesso.

stickers di viaggio

In realtà ci riempirei la casa con questi stickers, peccato non avere abbastanza pareti.

Inoltre visto che Luca è un creativo mi piacerebbe far sbizzarrire la sua fantasia e chiedergli di disegnare un fumetto del mondo (magari raffigurante anche noi), ho scoperto infatti che questo sito fornisce il servizio di personalizzazione dell’adesivo murario, basta inviare l’immagine desiderata e loro realizzano il tuo stickers.

stickers di viaggio

Continuando a navigare sul loro sito ho poi scoperto un’ultima possibilità molto interessante è quella di trasformare una propria fotografia in un adesivo murale. Questa è un’idea che mi piace tantissimo e che ho realizzato con una delle fotografie del nostro matrimonio a cui sono più affezionata. Con le nostre foto di viaggio l’impresa è ancora più ardua perché è molto difficile scegliere tra i milioni di foto che abbiamo, anche se al momento la mia preferenza cadrebbe su una fotografia delle strade infinite dell’Argentina.

Per chi non riesce a scegliere tra le mille foto dei propri viaggi Tenstickers mette a disposizione la possibilità di scegliere tra 498 stickers di località già in catalogo.

stickers

Insomma c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ora tocca a voi, avete tatuato il mondo da qualche parte? In casa, sul corpo o chissà dove? Se non lo avverte ancora fatto, vi piace l’idea?

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

8 commenti

  • Rispondi giugno 18, 2015

    Monica

    Il tatuaggio è meraviglioso, anche per me che non sono proprio d’accordo con il principio del tatuaggio. Quello piacerebbe anche a me.
    Gli stickers piacciono un muccchio anche a me… e sono sempre eternamente indecisa su quali prendere perché anche io ho praticamente solo vetri in casa… Ce la posso fare anche perché quelli che hai postato sono davvero belli

    • Rispondi giugno 19, 2015

      Elisa e Luca

      magari uno stickers sui vetri Monica?

  • Rispondi giugno 18, 2015

    Ilaria

    Totalmente innamorata sia del tatuaggio, sia degli stickers. Soprattutto il secondo, con i nomi degli Stati che delineano le forme del mondo, mi piace un sacco. 🙂
    Bellissima idea per arredare casa.

    • Rispondi giugno 19, 2015

      Elisa e Luca

      grazie Ilaria!

  • Rispondi giugno 18, 2015

    Elisabetta

    Idee meravigliose
    Qualche mese fa abbiamo ristrutturato delle case per trasformarle in case vacanza e il tema scelto è stato Gli Artisti. Così navigando ho trovato della carta da parati personalizzabile.. Di conseguenza le pareti sono diventato quadri
    Ho puntato anche una carta da parati con il planisfero e spero di realizzarla presto ☺️

    P.s. Bel blog!! Vi seguo sempre

    • Rispondi giugno 19, 2015

      Elisa e Luca

      Che bel mestiere deve essere quello di colui che ristruttura e porta a nuova vita Elisabetta ci piacerebbe vedere le foto delle case!

  • Rispondi gennaio 12, 2017

    Chiara

    Ma questi stickers sono fantastici! Sto traslocando e al momento ho più oggetti a tema mondo che mobili, ma almeno porto il mondo a casa mia 😉 Bellissimo anche il tattoo!
    Un abbraccio cara :*

    • Rispondi gennaio 23, 2017

      Elisa e Luca

      grazie Chiara benvenuta!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.