Visitare Colonia in un giorno con uno smartphone in mano

Visitare Colonia in un giorno: la special guest di questo mercoledì è Barbara che ci parla di cosa visitare a Colonia in una sola giornata. Buona lettura!

Come annunciato la settimana scorsa siamo stati invitati a Colonia dal 27 al 28 marzo per le celebrazioni dell’inaugurazione dell’Hotel Marriott n° 1000. L’invito conteneva un’allettante proposta per un istantwalk, in compagnia dei migliori instagramers europei.

palazzi colonia

Dove alloggiare a Colonia

Per raccontare questa esperienza, voglio iniziare proprio dal Marriott di Colonia, che è stata la mia base logistica, punto di partenza e di ritrovo con gli altri instagrammers invitati, e teatro di un simpatico party, che ci ha visti coinvolti.
Il brand Marriott è conosciuto dai viaggiatori di tutto il mondo. Eleganza, accoglienza e professionalità caratterizzano i suoi hotel in stile continentale. Quello di Colonia, limitrofo al centro sorge sulla ex fabbrica della afri cola, un cult delle bibite non alcoliche tedesche, che veniva imbottigliata qui già nel 1931.

Visitare Colonia in un giorno

Partiti dall’hotel abbiamo raggiunto il lungo fiume Reno, da dove è iniziato ufficialmente l’istantwalk. Dato che per me era la prima esperienza di questo genere, ho realizzato foto, ma anche cercato di capire il valore di questo tipo di esperienza.

crociera colonia
Camminare facendo lo stesso tratto di strada con gente che, come te, vuole leggere uno spazio e coglierlo con uno scatto, ha come valore aggiunto quello di porti come spettatore e attore, un po’ a specchio. Quando scatti sei concentrata a provare a riconsegnare attraverso un’immagine ferma una sensazione o un’idea; come spettatore vedi la stessa azione ripetuta da altri su cose che magari non leggi come oggetto di possibili foto.
Questo mi ha ricordato, se ce ne fosse necessità, la molteplicità dei punti di vista su un medesimo oggetto e la ricchezza dell’interpretazione soggettiva.

Detto ciò, in quelle due ore eravamo io, Colonia e lo smartphone.

Ciò che, al mio arrivo di mattina, mi aveva colpito di questa città era stata la gente. Ovviamente non costumi e trucchi alla moda occidentale tedesca, quanto il modo sereno, vivace ma allo stesso tempo calmo che traspariva da chi ho incontrato.

Ho così provato a guardare il paesaggio, la natura urbana di Colonia, ma anche la gente che passeggiando, riposandosi, tornando dal lavoro vive dentro la cornice di questa cittá.

Mentre camminavo ho percepito la sensazione che in essa, così moderna, ponti e strutture di acciaio, alberi, natura e persone sono felicemente in relazione e, di riflesso, vestiti, azioni e colori io li ho trovati in armonia.

camminare per colonia

Le persone che ho incontrato sono simili e diverse da quelle che vedo ogni giorno. Anche loro fanno più meno le stesse cose di chi incrocio nella mia quotidianità, ma l’atmosfera del nord li rende diversi. Sono i colori cupi e romantici del Nord Europa, che evidenziano e rendono così una bambina bionda con il monopattino ed un bizzarro vestito, perfettamente intonata nella cornice del lungo fiume, il cielo grigio e l’acciaio del ponte.

Gli alberi che ho fotografato, apparentemente spogli e lontani dalla fioritura primaverile, mi hanno offerto un filtro alla vista, frapponendosi fra me e i palazzi di acciaio grigio mitigando l’impatto visivo delle loro forme.

visitare colonia

Le sbarre dei ponti verdi con puntini di ruggine sono diventate per i miei scatti il confine di scene di affetto e un modo differente di vedere come la gente vive il suo fiume. Colonia mi ha ricordato quanto sia più emozionante scorgere un gesto emotivo rubandolo dai colori per molti poco appaganti, piuttosto che dal blu e dal rosa.

Il treno, bianco o rosso, che vedi di continuo passare puntando il tuo sguardo verso il duomo, l’ho interpretato come un perimetro mobile di una cornice, fisica e mentale che catalizza l’attenzione di chi ammira il paesaggio indicandoti l’approssimarsi del cuore storico e commerciale.

scoprire colonia

Il lungo fiume la scenografia per coppie che in modo diverso camminano e tengono incrociate le loro vite, qualcuno da molto tempo, qualcun altro da molto meno.

I graffiti dei writers mi hanno reso più movimentato e mosso il punto di vista, con i loro colori disordinati dal segno a volte eccessivo, gli scatti del paesaggio urbano, gli scorci, il cemento armato e le sue forme.

colonia

Colonia poi è anche arte, duomo, e quartieri tipicamente nord Europa, ma a me, al di là di ciò che si dice e si scrive, in poco tempo e con uno smarthphone in mano ha passato soprattutto equilibrio fra i tanti pezzetti che la compongono: gente, architettura e natura.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.