Instagram: primi passi

Come detto nel post di presentazione, Instagram è un’applicazione fotografica ideale per raccontare un viaggio mentre lo si vive. Scopriamo meglio cos’è.

La (breve) storia di Instagram.

Instagram: primi passi

Instagram è un applicazione mobile (inizialmente solo per iOS, poi anche per Android e Windows Phone) lanciata nell’ottobre del 2010 che in pochi anni ha raggiunto più di 300 milioni di utenti attivi mensili. La caratteristica principale è rappresentata dalle le sue foto in rapporto 1:1 in omaggio alle Polaroid e dalla serie di filtri pre-impostati che ha reso possibile modificare una foto con pochi “tap” sullo schermo dei nostri smartphone.

La prima volta su Instagram.

Dopo aver eseguito il download dell’app dallo store del nostro smartphone, occorre registrarsi scegliendo un nome utente, una password e fornendo una mail e autenticare il proprio profilo e possiamo  quindi compiere i primi passi.

Il profilo Instagram.

Alla scoperta di Instagram: primi passi.

Il profilo Instagram

Come per gli altri social network anche su Instagram abbiamo un profilo da “compilare”;
dovremo inserire:

  • una foto che ci rappresenti;
  • un nome completo;
  • una breve biografia di 160 caratteri;
  • un link web (attenzione: al momento è l’unico link cliccabile all’interno di Instagram);
  • gli altri profili social di cui disponiamo: profilo o pagina Facebook, account Twitter, profilo Flickr, Tumbrl, Foursquare e altri social network meno usati in Italia; questo passaggio è importante per condividere rapidamente le foto anche su altri social network con un unico gesto.

Meglio un profilo pubblico.

Le impostazioni di Instragram: privacy e account collegati

Le impostazioni di Instagram: privacy e account collegati

Un’ultima importante impostazione è quella che riguarda la privacy: possiamo scegliere se rendere il nostro profilo privato o pubblico. Nel primo caso dovremo autorizzare di volta in volta i follower a seguirci e le foto saranno visibili solo a loro; nel secondo tutti possono seguirci (abbiamo comunque a facoltà di bloccare qualcuno) e le foto sono visibili anche a chi non ci segue.

Il mio consiglio è quello di tenere il profilo pubblico.

Lo scatto.

Ecco che siamo dunque pronti a scattare e condividere la nostra prima foto.

Instagram ci permette sia di scattare una foto con l’applicazione stessa, sia di condividere una fotografia precedentemente scattata con la fotocamera nativa dello smartphone o un’altra applicazione più performante (opzione che consiglio; in seguito spiegherò perché).

Applicazione filtri.

Una volta scelta  la foto, ecco che entra in gioco la forza di Instagram: la possibilità di editing attraverso pochi tap sullo schermo. Inizialmente la possibilità offerta riguardava solo quella di applicare qualche filtro, oggi le possibilità di ritocco sono molto più ampie:

  • sono aumentati il numero di filtri applicabili;
  • c’è la possibilità di dosare l’applicazione di tali filtri;
  • c’è la possibilità di modificare altre impostazioni quali la luminosità, il contrasto, la saturazione, e quasi (si badi, ho detto QUASI) tutte le caratteristiche dei più quotati programmi di fotoritocco.
i filtri di Instagram

Tre diversi filtri Instagram applicati alla stessa foto

Descrizione e condivisione.

Aggiungere la descrizione e condividere una foto di Instagram

Instagram: aggiugere descrizione, tag e geotag e condividerla su altri social network

Completato l’editing della foto siamo quasi pronti a condividerla con i nostri follower, manca ancora qualche passaggio:

  • possiamo, anzi direi DOBBIAMO inserire una descrizione (abbiamo a disposizione circa 2000 caratteri, ma vi consiglio di essere molto più brevi);
  • se all’interno della foto è presente un altro utente Instagram possiamo “taggarlo” come avviene su Facebook;
  • possiamo inserire una “posizione”, il cosidetto “geo-tag”: opzione utilissima per raccontare il nostro viaggio; approfondirò l’argomento in seguito.

Ed ecco che finalmente possiamo condividerla con tutti i nostri follower e inserendo gli hashtag corretti daremo alla nostra foto una portata molto più ampia.

Sul mio profilo Instagram (il mio username è @morantedavide) puoi vedere il risultato finale della foto delle Alpi Apuane ottenuto non con l’applicazione di un filtro, bensì agendo sulle regolazioni della luminosità, del contrasto, saturazione e altre; e anche il corretto uso della descrizione, degli hashtag e della geo-localizzazione.

Vi invito a provarci quanto prima, vi assicuro che è molto semplice. Molto più semplice a farlo che a…leggerlo o a scriverlo.

Conclusione

Abbiamo visto i passi iniziali di Instagram che andrò ad approfondire e a spiegare più ampiamente in altri articoli successivi. Se intanto avete delle domande non esitate a farle nei commenti qui sotto.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Sono Davide, the Blogger With The Hat. Blogger, ma soprattutto social media strategist e community manager. Da qualche anno ho scoperto la fotografia mobile innamorandomene follemente: sono il gestore della community di instagramers di Parma e contributor per il sito www.instagramersitalia.it. Giro per Parma, la Lunigiana e l’Italia, con uno smartphone in mano, un leoncino (di peluche) in tasca e il #cappellodellarroganza in testa baciando sul collo #labiondina davanti ai monumenti più belli.