Dakhla, dove il Sahara bacia l’oceano Atlantico

“Rimango volentieri nel deserto, il posto più capace di ricoprire un corpo con il vento.”

Erri De Luca

Domani si ritorna in viaggio.

Ritirerò l’auto dal meccanico che-non-ha-capito-che-problema-ha-dopo-una-settimana, Malpensa, cena e pernottamento a Parigi e poi finalmente… Marocco!

L’Ente Nazionale per il Turismo del Marocco ci ha invitato per scoprire una zona finora non molto conosciuta situata nelle provincie del Sud, ovvero nela parte sud atlantica: la baia di Dakha.

Potete immaginare le bianche dune del Sahara scivolare nel blu dell’Oceano Atlantico? Beh, questa è Dakhla.

dakhla-kite-camp

photo by www.kitecamppro.com

Sarà la mia prima volta in Marocco, e dalle immagini che ho potuto vedere navigando sul web non avrei potuto iniziare la mia conoscenza di questo paese in maniera migliore. Questa baia rappresenta un vero e proprio paradiso naturale, luogo di migrazione di numerose specie di uccelli, come fenicotteri, e casa delle foche monache più grandi al mondo. Oltre a loro c’è un’altra specie di mammiferi che ha scelto Dakhla come luogo preferito dove trascorrere parecchi mesi all’anno: i surfisti.

Vi racconterò esperienze da sogno, come fare un escursione in mountain bike sulle dune, prendere il tè nel deserto e guardare il cielo stellato mentre un poeta recita i suoi versi illuminato da un falò e tanto altro. Ma non voglio rovinare l’effetto a sorpresa, quindi se vorrete saperne di più mi dovrete seguire dal 4 al 6 marzo sul blog e sui nostri social, per scoprire la magia di una terra che ha ancora tanto da offrire.

cartina dakhla marocco

E poi l’idea di chi come me è cresciuto a romanzi e film d’avventura (Lawrence d’Arabia in primis) ambientati nel deserto l’idea di essere lì con il mio blocco di disegno sulle gambe per cercare di immortalare ciò che i miei occhi vedono con il mio diario di viaggio a fumetti mi elettrizza.

Ciao, ci vediamo là.

Luca

P.s.

Purtroppo per impegni lavorativi sarò solo in questa avventura, e quindi vi lascio il compito di tenere compagnia ad Elisa!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

1 commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.