Cosa visitare a Lanzarote: la Geria e le sue cantine di nero e di verde

Di vigneti intorno al mondo ne abbiamo visti tanti. In Sud Africa, a Santorini, in Argentina. Quelli di Lanzarote però ci hanno colpito in maniera unica.

Il perché è facile da spiegare, chiudete gli occhi.

Immaginate una terra nera come la pece. Pardon, nera come la lava.

Cosa visitare a Lanzarote

Immaginate dei vitigni non più alti di trenta centimetri.

Immaginate pietre che formano muretti semicircolari a difesa di queste apparentemente esili piantine.

Cosa visitare a Lanzarote

Sogno? No amici cari, realtà.

State immaginando la valle della Gerìa.

Appena fuori San Bartolomè direzione Uga la vista spazia in una valle mozzafiato dove è possibile visitare alcune cantine vinicole interessanti ed assaggiare il malvasia, il vino bianco tipico di Lanzarote.

Cosa visitare a Lanzarote

Parlando con l’anziano signore della Bodega el Campesino ci è tutto più chiaro. La cantina non è niente di che e nemmeno il vino ma poter scambiare qualche parola nella mia lingua preferita con quest’uomo vale assolutamente la pena. Ci spiega che il merito degli agricoltori locali è aver sfruttato al meglio sia le condizioni climatiche dell’isola, sia le proprietà fertilizzanti dei depositi vulcanici e la loro capacità di rilasciare gradualmente nel terreno l’umidità assorbita durante la giornata.

E’ per questo che i vitigni hanno “un’architettura” davvero singolare: ciascuna pianta della vite viene collocata all’interno di una buca profonda che viene ricoperta da uno strato di finissima lava vulcanica, e successivamente circondata da un muretto perimetrale di pietre laviche che ha la funzione di proteggere la pianta dal forte vento che soffia incessantemente sull’isola.

Cosa visitare a Lanzarote

Cosa visitare a Lanzarote: la top 3 delle cantine vincole

Bodegas Rubicon: degustazioni ad un euro, possibilità di visitare in autonomia la barricaia e la vecchia cantina.

Il nostro vino preferito: Malvasia semi dolce

Contatti: bodegasrubicon.com

Bodegas Rubicon: degustazioni ad un euro, possibilità di visitare in autonomia la barricaia e la vecchia cantina.   Il nostro vino preferito: Malvasia semi dolce  Contatti: bodegasrubicon.com

Bodega Geria: da quando è stata comprata nel 1990 dai nuovi proprietari ha sperimentato una profonda innovazione tecnologica che unite alla tradizione artigianale ha permesso di produrre vini di gamma molto alta. Le degustazioni costano 1 euro e 50 centesimi e vengono fatte nello spazio commerciale con pavimento vulcanico e grandi botti cheespongono la spiegazione di come avviene la vendemmia e la coltivazione dei vigneti.

Il nostro vino preferito: Malvasia secco

Contatti: www.lageria.com

Bodegas Rubicon: degustazioni ad un euro, possibilità di visitare in autonomia la barricaia e la vecchia cantina.   Il nostro vino preferito: Malvasia semi dolce  Contatti: bodegasrubicon.com

Bodega El Grifo: è la cantina vinicola più antica delle Canarie. Vincitrice di vari premi crea vini di prestigio nazionale. Propone varie possibilità di degustazione, la nostra preferita quella di sei vini a scelta con stuzzichini e possibilità di visitare l’annesso Museo del vino. C’è anche una galleria d’arte e si può camminare fra i vigneti, decisamente da non perdere!

Contatti: www.elgrifo.com

Avete ancora gli occhi chiusi? Apriteli, comprate un biglietto per Lanzarote, il sogno è lì ad aspettarvi!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

4 commenti

  • spettacolo! Finché non le vedi quelle distese nere, non ci credi. E concordo anche sulla scelta del vino: sono rientrata in Italia con 2 bottiglie di semi dulce in valigia! 🙂
    Un abbraccio ragazzi e benvenuti nel club degli innamorati di Lanzarote <3

    • Rispondi gennaio 20, 2015

      Elisa e Luca

      grazie carissima, un bacio a te!

  • Rispondi gennaio 22, 2015

    La Cri - OMINOUOVO

    Particolarissimi! Una mia amica è originaria di Lanzarote e mi racconta sempre del vento che c’è!

    • Rispondi gennaio 22, 2015

      Elisa e Luca

      sì ma l’isola è talmente bella che il vento lo si prende come una caratteristica da accettare senza problemi 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.