Ciaspolando sotto le stelle

L’aria è fredda e tagliente, la temperatura è sotto lo zero.
Le luci dei lampioni a basso consumo si accendono, sta calando il sole.
La guida fa indossare a ciascuno di noi ciaspole e racchette.
Non ho mai ciaspolato di notte.

Mi trovo nel parco naturale del Queyras in Francia ospite dell’ente del turismo.
Ho fatto un lungo viaggio per arrivare qui.
La mia prima volta alla stazione mediopadana di Reggio Emilia quella dell’alta velocità. Milano poi Torino poi un regionale che mi ha portata ai confini con la Francia ed infine due ore di macchina.
Alla stazione un regalo inaspettato, un dialogo rubato a due bambine che camminavano vicino alla linea gialla: “quando faccio un incubo sogno di addormentarmi così poi mi sveglio nella realtà” quanta dolcezza, quanta infanzia, quanta innocenza in questa frase?

Comunque a me sembra di stare in mezzo ad un sogno mentre ciaspolo nel buio immersa in un paesaggio bianco.
Piano piano gli occhi si abituano all’assenza di luce, piano piano anche le stelle fanno capolino dietro alle nuvole. Ogni tanto un lampo, dicono che domani nevicherà.

Mi volto indietro le luci a basso consumo di Ceillac, uno degli otto villaggi di queste quattro valli che formano il Queyras sono lontane. La neve ovatta tutto tanto che anche la gente intorno a me sembra ancora più lontana.

Sento la natura che mi sovrasta e sono felice.
Sono felice perché sono di nuovo in viaggio, sono felice perché sto conoscendo un posto nuovo di cui prima quasi non conoscevo l’esistenza, sono felice perché mi sento davvero tanto fortunata.
E questa neve fresca, l’aria pungente, il corpo in movimento amplificano la mia felicità.

p.s mentre ciaspolavo ho fatto un video con la go pro e spero di farvelo vedere presto…

ciaspolata

Foto di Corinna Agostoni

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

6 commenti

  • Rispondi gennaio 22, 2015

    La Cri - OMINOUOVO

    Che bello dev’essere! Nemmeno io ho mai ciaspolato di notte. A dire il vero non ho proprio MAI CIASPOLATO. Arranco sulla neve in qualsiasi modo ma ancora mi mancano le CIASPOLE.

    (BELLO COME SEMPRE LEGGERVI.
    DEVO RECUPERARE GLI ALTRI POST)

    • Rispondi gennaio 22, 2015

      Elisa e Luca

      e noi dobbiamo recuperare i tuoi 🙂

  • Ma che bellissima esperienza!
    Adoro ciaspolare ma non l’ho mai fatto in notturna 🙁 Davvero un peccato non essere stata lì con te!

    • Rispondi gennaio 26, 2015

      Elisa e Luca

      Cara Sara non ne parliamo, mi sei mancata un casino, soprattutto la tua risata 🙂

  • Rispondi gennaio 26, 2015

    goodnightandtravelwell

    Ciaspolare sotto le stelle, in montagna, sulla neve. Ciaone, io sono in brodo di giuggiole senza esserci stata.
    Spero nel video 🙂

    • Rispondi gennaio 26, 2015

      Elisa e Luca

      al video ci stiamo lavorando 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.