Cinque motivi e un trucco per visitare Monaco di Baviera

In realtà di motivi per visitare Monaco di Baviera ce ne sono mille, ma qui proverò a elencare quelli che puntualmente – quasi ogni anno – mi spingono a varcare le Alpi e ad approdare sulle sponde dell’Isar. Avvertenza: le motivazioni sono in ordine sparso!

visitare Monaco di Baviera

Primo motivo per visitare Monaco di Baviera: l’atmosfera

Che si tratti di gente che si reca al lavoro in metro o di ragazzi che vanno su e giù per le vie del centro sbirciando le vetrine, tutti sembrano rilassati e a proprio agio. Frenesia zero e benessere.

E questa rilassatezza è ancora più evidente quando spuntano i primi raggi di sole e tutti corrono al più vicino Biergarten disponibile!
Per godersi quest’aspetto della vita in città, un giretto al Viktualienmarkt può essere rivelatore: ai tavolini sorseggiando una birra o tra le bancarelle facendo la spesa, si respira ovunque  voglia di vivere, ma senza fretta. Già che siete lì, approfittatene per fare un salto al banchetto delle spezie: offre fantastici preparati per salse aromatiche che è anche possibile assaggiare sul pane!

visitare Monaco di Baviera

Secondo motivo per visitare Monaco di Baviera: l’arte

Per gli appassionati d’arte, la capitale bavarese mette a disposizione un patrimonio ricchissimo: dai castelli cittadini alle gallerie cittadine, ce n’è davvero per tutti i gusti. Gli amanti di Kandinsky e del Blaue Reiter non possono davvero farsi scappare la Lenbach Haus [Luisenstraße 33, raggiungibile con la metro U2/U8 fermata Königsplatz]: recentemente ristrutturata dall’archistar Norman Foster, propone una collezione indimenticabile.

visitare Monaco di Baviera

Terzo motivo per visitare Monaco di Baviera: lo shopping

Confesso: ho un certo debole per lo shopping. Sarà che dalle mie parti non c’è molta scelta, ma quando sono in una grande città mi scateno e mi concedo sempre una sessione di acquisti pazzi. A Monaco, oltre alle classiche catene internazionali come H&M, Zara, Mango, ecc…, che si susseguono lungo Kaufingerstraße e Nuehauserstraße, ho trovato Kauf Dich Glücklich [Reichenbachstraße, 14], punto vendita di una catena tedesca che propone non solo abbigliamento di giovani designer scandinavi e tedeschi a prezzi più che ragionevoli, ma anche accessori e oggetti per la casa davvero originali.

visitare Monaco di Baviera

Quarto motivo per visitare Monaco di Baviera: cibo&locali

Sfatiamo subito un falso mito: in Germania non si mangia male! Certo, magari la cucina non è tra le più leggere, ma è davvero gustosa. Senza contare che ci sono tantissime alternative: non solo ristoranti che propongono cucina di ogni tipo, ma anche chioschi e bar che offrono pasti leggeri, buoni ed economici, in ambienti accoglienti e – a volte – molto particolari. Per esempio, se vi trovate dalle parti dell’Haus der Kunst [Prinzregentenstraße, 1], entrate e prendetevi una pausa al Golden Bar: il nome è giustificato dalle pareti interamente ricoperte d’oro, che riproducono  antiche carte geografiche dell’Europa. L’atmosfera è tra il rilassato e l’intellettuale, l’arredamento un mix di vintage e pezzi industriali riadattati, la torta all’albicocca una favola!

visitare Monaco di Baviera

Quinto motivo per visitare Monaco di Baviera: la birra

Potevo parlare di Baviera e non menzionare la birra? Tutti conoscono le birre di Monaco: HB, Augustiner, Paulaner… Meno nota in Italia è quella prodotta dal monastero di Andechs a circa 45 km dalla città. Si tratta di un vero e proprio luogo di pellegrinaggio, conosciuto anche come il Monte Sacro della Baviera, ma tanti “pellegrini” ci arrivano soprattutto per la birra che si produce ancora oggi secondo l’antica ricetta benedettina: Weissbier, Weissbier Dunkel o la classica Helles scorrono a fiumi nei classici boccali in vetro! Durante l’Oktoberfest, parecchi abitanti di Monaco vengono qui a godersi la loro birra e lasciano i tendoni affollati ai turisti.

visitare Monaco di Baviera

E per finire l’ultimo consiglio: per raggiungere Monaco dall’Italia, il treno è senz’altro un’ottima alternativa. La stazione è in centro città e per muoversi ci si può affidare poi all’organizzatissima rete di trasporti urbani. Ma occhio quando prenotate: la tratta è coperta dalle ferrovie tedesche (www.de.de) e da quelle austriache (www.oebb.at) e, spesso, da un sito all’altro il prezzo può cambiare! Acquistando sul sito austriaco mi è spesso capitato di risparmiare 10€ a tratta – oppure di viaggiare in prima classe con lo stesso prezzo della seconda “tedesca”.

PS: per vedere le altre tappe del mio viaggio a Monaco, c’è la bacheca su Pinterest: pinterest.com/timovale/valelovesmunich

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

3 commenti

  • Decisamente Ottimi Motivi!
    Anche se il quinto li vale tutti 😀

  • Rispondi novembre 9, 2014

    goodnightandtravelwell

    Cinque ottimi motivi (mettiamoci dentro la birra anche se io non la amo ^_^)

  • Rispondi dicembre 13, 2014

    roberta

    Ah lo shopping a Monaco !!!
    la città bavarese è quasi diventata una tappa obbligatoria nel periodo di saldi invernali per il mio ragazzo…se amate lo scii e i brand che creano ottimi prodotti per affrontare la montagna Monaco è l ideale perchè i saldi sono assai migliori rispetto ai nostri..così ogni anno si torna..io non sono una shopping addicted così seguo il mio ragazzo non solo per il piacere di stare con lui (che già basterebbe!) ma anche per la birra ottima birra e per il mangiare che è anche molto buono!

Ho iniziato a viaggiare in poltrona, prima che con la valigia: non a caso la protagonista della mia tesi era una delle prime scrittrici di viaggio di lingua tedesca. Poi mi sono lasciata andare e ho scoperto che là fuori c’è sempre qualcosa che val la pena di conoscere, vedere, sentire o assaggiare. Ho lasciato parte di me in Canada e il resto cerca di barcamenarsi tra il lavoro sulle sponde del lago di Garda (che mi piace un sacco!), i mille hobby alternanti e il desiderio costante di partire. Meta ricorrente è la Germania – in particolare Monaco - dove semplicemente sto davvero bene. Mi trovi come local expert su viaggiolibera.it