La magia del Rio Amarillo in Argentina

Una sensazione strana. Non so se chiamarlo sesto senso o cos’altro. So solo che durante una delle nottate che io ed Elisa abbiamo trascorso a casa durante la pianificazione del nostro itinerario in Argentina mi sono imbattuto nella pagina web di un posto dal nome decisamente affascinante Cabanas Rio Amarillo, e sapevo che sarebbe stato uno dei luoghi magici del nostro viaggio. Lo sapevo e basta. E così è stato.

A un paio d’ore dal Parque Nacional de Talampaya sulla Ruta Provincial 14, una diramazione della mitica Ruta Nacional 40, e a 5 km dal centro del paesino di Chilecito una strada sterrata si inerpica sulle pendici di un monte. Seguendo le indicazioni dipinte su segnali di legno si giunge finalmente Rio Amarillo. Il nostro arrivo è di notte, e sarà il giardino illuminato e reso magico e misterioso dalla selvaggia vegetazione o le sculture e opere d’arte costruite con materiali di recupero che spuntano qua e là, ma la certezza di essere in un posto speciale ci travolge letteralmente (e io già lo sapevo prima di partire figuratevi voi).

rio amarillo chilecito argentina

rio amarillo chilecito argentina

rio amarillo chilecito argentina

Ad accoglierci il sorriso di Franco, il giovane proprietario, seguito dal suo fedele e scodinzolante cane. Durante le reciproche presentazioni mi accorgo che a fianco del cancello d’entrata illuminata da un paio di faretti è presente una bancarella in cui sono esposti i prodotti di artigianati che Franco e Dominique, la sua compagna, realizzano ora per la vendita agli ospiti di Rio Amarillo, ma che in precedenza prima di decidere di costruire le cabanas rappresentava la loro attività principale nel loro viaggiare il mondo di mercatino in mercatino (fare los artesiano è un modo economico che tanti ragazzi argentini usano per viaggiare e che ha sempre affascinato tantissimo Elisa).

Dominique arriva e ci accompagna alla nostra sistemazione. Tutte le quattro “capanne” sono costruite con i materiali della zona e sono arredate con gli oggetti che Franco e Dominique hanno raccolto durante i loro viaggi. Ecco quindi nascere Afrik in stile africano, Buena Vista cubano, Mexico e Fiji già lo immaginate. L’ultima è quella che è stata destinata a noi.

rio amarillo chilecito argentina

rio amarillo chilecito argentina

Avete presente quei posti che vi fanno dire sospirando “Ma io da qui non me ne vorrei mai andare”? Beh, questo è uno di quelli. Per rendere ancora più caratteristico l’ambiente alle pareti coloratissimi quadri realizzati da Dominique stessa, alla quale facciamo un sfilza di complimenti che la fanno arrossire. La cabana è enorme e fornita di tutto il necessario, cucina compresa. La sola mancanza è quella del wifi, ed è una scelta decisamente condivisibile, in linea con la filosofia del luogo.

Al mattino seguente Dominique, dopo averci raccontato come e quando è nata l’idea di abbandonare i ritmi della vita frenetica (lei è originaria di Cordoba) e di accogliere gente di tutte le nazionalità rifugiandosi qui tra le cime delle montagne in cui gli unici rumori che interrompono la quiete assoluta sono il cinguettio degli uccelli e lo scorrere del fiume, ci consiglia di oltrepassare il cancello sul retro del giardino e scoprire da dove viene il nome Rio Amarillo. 

rio amarillo chilecito argentina

Ed ecco la grande sorpresa. Tra bianchi sassi, sotto lo sguardo di un trio di asini che passeggiano poco distante scorre lui il fiume gialloE quando dico giallo, intendo veramente giallo. Questa colorazione è dovuta all’ocra che sgorga dalle viscere dalla montagna e che accompagna l’acqua durante tutto il suo corso a valle.

rio amarillo chilecito argentina

Cabanas Rio Amarillo è un luogo ideale per chi vuole compiere escursioni nei dintorni e scoprire paesaggi davvero suggestivi.

Guardando Franco, Dominique e ciò che hanno costruito con le loro mani non possiamo non provare grande ammirazione, per questa coppia di giovani ragazzi che hanno deciso di abbandonare ciò che ritenevano superfluo per dedicarsi veramente a quello che credono sia importante nella vita: la natura e l’uomo.

Io, Elisa e Manina su quel letto di fiume giallo come l’oro ci abbiamo lasciato un pezzetto di cuore.

rio amarillo chilecito argentina

Argentina del nord cosa vedere: info utili

Las Cabanas si trovano a pochi chilometri dal paesino di Chilecito che viene utilizzato come tappa intermedia per viaggiare tra il magnifico Parque de Talampaya e la Provincia di Salta.

Rio Amarillo si trova a Santa Florentina, Ruta Provincial N 14 Km 9, 5360 Chilecito, La Rioja. Vi consigliamo di arrivarci di giorno sia per godervi lo spettacolo all’arrivo sia perché di notte le strade non sono per nulla illuminate.

sito web: cabanas-rio-amarillo

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

4 commenti

  • Rispondi ottobre 13, 2014

    Ezio

    L’idea che qualcuno possa lasciare tutto e cambiare ritmi e modi e posti dove vivere, mi fa pensare e riflettere. Che voglia di Argentina, di un posto così diverso e nuovo… Con mille scenari. Adoro.. TOP le foto con il piccolo MANINA..

    • Rispondi ottobre 13, 2014

      Elisa e Luca

      è un’idea che a noi affascina tantissimo|

  • Rispondi ottobre 13, 2014

    Ernesto de Matteis

    Poi dicono a me che ho fatto una scelta forte…
    Franco e Dominique sono eroi.
    Anzi Super-eroi.
    Colla differenza che sono in carne ed ossa, e non di cellulosa o di carta.
    Grazie ragazzi per avermici portato.
    Siate felici…

    • Rispondi ottobre 13, 2014

      Elisa e Luca

      ciao caro Ernesto, sicuramente a te Rio Amarillo piacerebbe tanto così come siamo sicuri che staresti ore a parlare Franco e Dominique che sono davvero gente speciale…come te del resto. Un abbracciatona 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.