Cartoline dall’Argentina – guidando da Cordoba a Mendoza

Un’altra settimana di viaggio se ne è andata, nuove avventure, nuove esperienze.

Sempre qui in Argentina, sempre noi tre: io che scrivo, Luca che disegna, Manina che sta dimostrando di essere un piccolo grande viaggiatore.

E’ iniziato un nuovo capitolo del nostro viaggio che per comodità dividiamo in due parti: la prima, che vi raccontiamo oggi, parla del viaggio tra Cordoba e Mendoza, la seconda, che vi racconteremo più avanti, parla del viaggio da Mendoza a Salta. Il nuovo capitolo ha come protagonista il viaggio on the road a bordo di una piccola utilitaria bianca nel cuore dell’Argentina fino alle Ande.

Dopo aver passato una settimana a Buenos Aires siamo atterrati a Cordoba dove siamo rimasti due giorni e da lì siamo ripartiti attraversando la Pampa Grande direzione Mendoza. Chilometri e chilometri di strada asfaltata, spesso dritta verso l’orizzonte. Più di seicento chilometri per sette ore di viaggio che abbiamo diviso in due parti, il primo giorno siamo arrivati a Nono e il secondo via verso Mendoza. A Mendoza abbiamo visitato splendide cantine vincile e alcune meraviglie naturali e poi siamo ripartiti verso Salta.

Itinerario di viaggio da Cordoba a Mendoza:

Questo itinerario è il seguito della nostra prima settimana di viaggio a Buenos Aires di cui potete leggere il resoconto in questo post: cartoline dall’Argentina – Buenos Aires.

Sabato: primo giorno a Cordoba che a dire il vero non è come ce l’eravamo immaginata. Qui potete leggere il post in cui ne parliamo: cosa ci siamo venuti a fare a Cordoba in Argentina?

Domenica: abbiamo passato la giornata all’estancia de Santa Catalina che si raggiunge in un’oretta circa da Cordoba arrivando a Jesus Maria un paesino assonnato che vanta anch’esso una bella estancia gesuitica. Queste due estancias gesuitiche sono molte belle e davvero ben conservate.

Lunedì: a bordo del nostro nuovo bolide siamo arrivati ad Alta Gracia il paese dove il Che ha passato la sua adolescenza, dopo qualche piccolo inghippo che potete leggere nel post “e che il viaggio on the road abbia inizio” la notte siamo arrivati a Nono a pochi chilometri da Mina Clavero ma a nostro dire un paesino molto più carino in cui fermarsi.

Martedì: abbiamo macinato chilometri su chilometri, cinque e più ore di viaggio dove Manina si è comportato in maniera super. La sera siamo arrivati a Mendoza (il racconto del nostro arrivo puoi leggerlo su “un bienvenido a Mendoza dal sapore lila come il vino“)

Mercoledì: abbiamo iniziato a scoprire le aziende vinicole di Mendoza, siamo partiti dalla zona di Maipu affittando una bicicletta, che fatica!

Giovedì:  abbiamo visitato le aziende di Lujan de Cuyo che si differenziano da quelle di Maipu e che abbiamo apprezzato maggiormente. Qui puoi leggere la classifica delle cinque aziende vinicole che ci sono piaciute di più “Viva la vida ovvero cinque aziende vinicole a Mendoza da non perdere

Venerdì: ci siamo riposati nelle terme di Cacheuta ai bordi del Rio Mendoza e attorniate dalle Ande.

Sabato: siamo arrivati a quota duemilaesette a Puente del Inca, una formazione rocciosa che forma un ponte naturale sopra il Fiume de las cuevas.

Domenica: tempo di ripartire direzione Salta ma questo ve lo raccontiamo la prossima settimana.

Come sempre Luca ha disegnato un fumetto per ognuno di questi giorni, volto a sottolineare alcuni aspetti della cultura argentina o del nostro viaggio in particolare.

Diario di viaggio da Cordoba a Mendoza a fumetti

diario di viaggio a fumetti da Cordoba a Mendoza

Programmare un viaggio senza esserci stati è difficile ed impone delle scelte. Noi abbiamo scelto di atterrare a Cordoba ed eliminare le Cascate di Iguazù. E a me la scelta non è piaciuta molto, si nota?

diario di viaggio a fumetti da Cordoba a Mendoza

La seconda sera a Cordoba siamo rimasti piacevolmente colpiti da un incontro inaspettato. Siamo passati davanti ad un pub da cui proveniva musica, siamo entrati e ci siamo ritrovati tra i tifosi del Boca che guardavano la partita tifando al suono dei tamburi. Super!

diario di viaggio a fumetti da Cordoba a Mendoza

A  Mina Clavero ci si è presentata davanti una delle scelte tipiche di un viaggio on the road, superare il guado di un fiume col rischio di rompere la macchina?

diario di viaggio a fumetti da Cordoba a Mendoza

Quando si inizia un on the road è impossibile non essere alle stelle, non vi è mai capitato?

diario di viaggio a fumetti da Cordoba a Mendoza

Girando di azienda vinicola in azienda vinicola abbiamo fatto il nostro primo incontro coi lama!

diario di viaggio a fumetti da Cordoba a Mendoza

Questo è un fumetto molto maschile ma sapete quante volte Luca, durante questo viaggio, mi ha detto: “guarda una r12“?

diario di viaggio da Cordoba a Mendoza

Alle terme abbiamo incontrato una signora che ci ha spiegato ancor meglio com’è la situazione in Argentina. Da un annetto per chi viaggia all’estero c’è una tassazione del trentacinque percento che viene applicata sul costo dei voli e sugli acquisti con carta di credito. Questo fa sì che viaggiare fuori dal paese per gli argentini sia diventato quasi impossibile. A questo si aggiunge lo strano fenomeno del cambio blu. In pratica per gli argentini è quasi impossibile comprare dollari nel mercato ufficiale e questo li costringe a ricorrere a metodi alternativi. C’è quindi un doppio cambio del dollaro quello ufficiale nelle banche e quello clandestino per la strada dove il dollaro viene acquistato al cinquanta per cento in più.

Nuovo post dall'  venite con noi a bere il miglior Malbec di Mendoza? 5 aziende vinicole da non perdere   http://www.miprendoemiportovia.it/2014/09/cantine-vinicole-di-mendoza/

Per noi italiani è una bevanda datata che bevono i “vecchi” per passarsi il pomeriggio al bar, qui in Argentina invece è una bevanda “cool” che viene servita con la Coca Cola.

Ci vediamo la settimana prossima per l’ultima tappa del nostro on the road da Mendoza a Salta, intanto però ci piacerebbe sapere cosa ne pensate del nostro viaggio qui sotto nei commenti,  “y suerte”come dicono qui!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

  • Rispondi settembre 5, 2014

    Milena

    Bravi ragazzi, mi sto divertendo un casino a seguirvi! Bravo Luca sei davvero geniale!!
    Buon proseguimento! 🙂

    • Rispondi settembre 5, 2014

      Elisa e Luca

      Ciao Milly grazie mille! Allora dai ne vale la pena prendersi del tempo ogni giorno per disegnare e scrivere 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.