Tra kitsch e corazon questa è la Boca di Baires

Colorato, animato, falso.

Questo è il Quartiere la Boca di Buenos Aires.
No perdon, questo è il Caminito.
Tutto qui ha un sapore kitch: dalle ballerine di tango con le scarpe consumate, il rimmel approssimato sul viso e un buco nel pizzo del vestito fino ai negozi di souvenir che potresti trovarli qui come a Roma. Troppe le bandiere, troppi i menù a cinque lingue, troppi i procacciatori di affari.
Il tassista che ci porta qui ci dice di non uscire dal recinto del caminito perché sì non c’è problema ma non si sa mai.
E in quel non si sa mai prendono forma le catapecchie coi panni stesi alle ringhiere, i bambini che vivono per strada e i materassi pronti per il prossimo ospite della notte.
Restiamo al Caminito solo il tempo di un giro fugace tanto per capire che questo non è il posto che fa per noi e ci facciamo portare a El Usina del Arte, il quartier generale di TangoBA festival y mundial, la kermesse tanghera più importante dell’Argentina.
Qui si respira il tango vero non quello per turisti, le ragazze sono truccate perfettamente, l’attenzione ai dettagli nei vestiti come nella danza sono ai massimi livelli.
Dalle dieci del mattino ininterrottamente si alternano le coppie di ballerini provenienti da tutto il mondo. Una curiosità: il Giappone è uno degli stati dove il tango è più sviluppato e popolare.
Assistiamo a prove differenti per qualità, quella che più ci rimane nel cuore è quella di una signora ottantenne che esce commossa dalla scena tra gli applausi del pubblico. Dal primo pomeriggio è possibile assistere anche a concerti (tutti gratuiti) di tango dalle più svariate influenze, rimaniamo incantati dalla fusion progressive dei Pampa Trash.
A un certo punto tanta cultura ci mette fame e a pochi passi da qui sempre nel quartiere la Boca di Buenos Aires troviamo uno dei ristoranti più ruspanti mai provati: El Obrero (Augustin R. Caffarena, 64). Sembra che qui abbiamo cenato personaggi super famosi come gli U2 e Manu Chao. Certamente le pareti parlano da sole, cimeli del Boca Juniors ovunque, decine di foto di Diego Armando Maradona come fossero santini, sciarpe e gagliardetti di squadre da tutto i mondo, insomma difficile non mangiare col naso all’insù.
Le porzioni sono abbondanti e la milanesa con queso y jamon (cotoletta con formaggio e prosciutto) non lascia scampo.
Ecco adesso sì che ci siamo, adesso sì che la Boca ci conquista.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

6 commenti

  • Rispondi agosto 22, 2014

    Michela

    Che spettacolo. Non perdo mai un appuntamento con questa rubrica, e prendo mentalmente appunti, mi immagino già lì in quei posti aspettando il giorno in cui riuscirò a mettere i piedi in quella terra che da anni è il mio chiodo fisso, il mio più grande sogno nel cassetto. Prima o poi ce la farò, ma nel frattempo posso sognare ed immedesimarmi con le vostro foto ed i vostri racconti e non è affatto male 🙂
    Buona Argentina!!!

    • Rispondi agosto 22, 2014

      Elisa e Luca

      Ciao Michela!

      che spettacolo tu che ci scrive questo bel commento 🙂 allora ne vale la pena scrivere da qui tu ce ne dai la conferma, grazie!!!!!

  • Rispondi agosto 22, 2014

    Beatrice Casoni

    Toc..toc..permesso?
    Chiedo scusa se mi intrometto, da tanguera mi permetto di aggiungere una piccolissima cosa al tuo bell’articolo.
    Nonostante i menù a 5 lingue, il finto logoro e tutta la cornice turistica, il tango è sempre tango.
    Danza complessa e non facile, necessita di tanto studio e dedizione ed infine nonostante tanto studio la cosa che lo rende speciale è il cuore.
    Ti posso assicurare che chi lo balla, anche per lavoro, lo balla in primis per se stesso e per il proprio ballerino/a. Quando balli ti estranei completamente e vivi un momento unico, ogni ballo è un momento unico!
    E’ questo che rende il tango una danza speciale che incanta chi non lo conosce da vicino
    Enrique Santos Discépolo, paroliere di Carlos Gardel lo definì «un pensiero triste che si balla» e non ne rende comunque, la ricchezza di senso.

    • Rispondi agosto 22, 2014

      Elisa e Luca

      Ciao Beatrice certo che ti puoi intromettere!

      Che bello leggere le tue parole sul tango che esprimono benissimo ciò che abbiamo visto non solo durante il mondiale ma anche per esempio alla milonga la Catedral.

      Al Caminito invece la sensazione che abbiamo avuto era tutt’altra. Sembrava di stare un po’ a Gardaland a dirla tutta…

      Ma questo succede qui a Buneos Aires come in ogni parte turistica del mondo, questo è quello che volevamo dire nel post.

  • Rispondi agosto 23, 2014

    licia mazzoli

    Ehiiiiii,ciaoooo!!Ho praticamente finito ora di leggere tutti i vostri articoli “Argentini” e anche io come voi quest’anno toccherò quella terra, esattamente a Novembre!Sono già carichissima e voi non avete fatto altro che incrementare la mia voglia di partire!!
    Grazie per le info,
    Buona serata
    Licia – travelmood Italy Modena

    • Rispondi agosto 25, 2014

      Elisa e Luca

      Ehiii ciao a te e piacere di conoscerti! Noi siamo di base a Reggio Emilia quindi abitiamo super vicini 🙂 che bello che vieni in Argentina! Hai già deciso che giro fare?

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.