Io viaggio da solo

Buongiorno a tutti cari viaggiatori. Tempo di ferie, tempo di vacanze, tempo di staccare dal lavoro. Oggi ospitiamo il racconto di un business man (che vuole rimanere nell’anonimato) che ci parla della sua vacanza in solitaria nel sud Sardegna, una meta tutta ancora da scoprire. E voi per dove state per salpare?

Devo ammettere che rientrare a Milano dopo essere stato in Sardegna non è stato semplice…Milano è così caotica durante l’anno e così triste d’estate…solo poche anime camminano per le strade.

viaggio da solo

La prima cosa che ho detto al lavoro, dopo essere rientrato è stato: andate in vacanza da soli, staccate la spina! Loro hanno iniziato a fare battute scherzose, come si è soliti fare tra amici dicendo e ipotizzando le mie conquiste e le mie avventure estive, in realtà l’unica conquista è stata ritrovare me stesso. Eppure posso dire che, dopo un anno di lavoro intenso e abbastanza critico dovuto alla crisi, una settimana in Sardegna mi ha permesso di recuperare  finalmente le forze e non mi sono affatto pentito di aver anticipato le ferie.

viaggio da solo

Ho sempre avuto il desiderio di fare un viaggio da solo ero stanco di sentire gente attorno a me che parlava solo ed esclusivamente di lavoro ed ero stanco di lavorare duramente tutto il giorno, essendo il responsabile di un’importante azienda. Sono partito senza pensarci due volte e ho optato subito, dopo una brevissima ricerca su internet, per il Sud Sardegna dove ero mai stato, e per il Chia laguna Resort.

La prima cosa che ho fatto è stato buttarmi nella piscina centrale, e bere un cocktail a bordo piscina, dopo aver scambiato due chiacchiere con una comitiva di amici sardi seduti accanto a me, con i quali ho passato delle belle serate nei giorni successivi, in particolare non dimenticherò le nostre cene all’insegna del divertimento.

viaggio da solo

Ciò che più mi ha colpito è stato il silenzio, ma non un silenzio di noia, bensì un silenzio di pace: non i soliti clacson e gli ingorghi che trovo quando mi sposto per raggiungere la mia azienda in città. Questo perché il Chia Resort è immerso nella natura ed è per questo che  ho apprezzato finalmente il valore del silenzio. E finalmente ho respirato aria pulita, non il solito smog e l’inquinamento.

Sono stato colpito dalla libertà che potevo assaggiare, non solo sdraiato sulla spiaggia, ma dal rapporto  che si viene a creare con il mare, dalla sensazione che ti regala il vento quando sei su tavola da surf. Ho praticamente provato  tutti gli sport di acqua dal kite al wind surf…

viaggio da solo

Mi sono finalmente goduto ogni minimo istante e finalmente non ho sentito, forse per la prima volta da quando ho iniziato a ricoprire un incarico così importante, quel senso di responsabilità. Milano non ti fa godere pienamente delle cose, tutti fanno sempre tutto di fretta, non si soffermano sui particolari, perché impegnati a correre da un posto all’altro, senza guardare in faccia niente e nessuno. Io, invece,  mi sono soffermato anche ad analizzare i fiori e i diversi tipi di piante della macchia mediterranea. Sicuramente sono stati giorni in cui la parola stress è scomparsa dal mio dizionario.

Ho fatto amicizia e cenato con sconosciuti, superando il mio imbarazzo iniziale…e soprattutto, essendomi immerso in tutte le attività che mi venivano offerte, ho dimenticato cosa fosse un cellulare e un pc, nonostante potessi collegarmi ogni qual volta volessi, ma sarebbe stato un peccato non godermi quelle giornate di sole e le mie nuove amicizie.

viaggio da solo

Se potessi, ripartirei oggi stesso…e, in effetti, sono molto tentato, perché per me è stata davvero un’esperienza in grado di farmi apprezzare di nuovo la vita.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.