Taranto tu mi fai girar

Taranto.

Un po’ Genova, un po’ Panama City.

Decadente.

Secca.

Affascinante.

Merita davvero di essere vista se siete, come noi, viaggiatori alla ricerca dell’anima delle cose e non vi fermate alle prime apparenze. E se ci leggete sappiamo che siete così e sicuramente molto più bravi di noi.

L’abbiamo visitata in un venerdì assolato di inizio Giugno coi lavoratori dell’Ilva che manifestavano l’ennesimo disappunto dietro ad un piccolo banchetto. Ci siamo addentrati nella città vecchia, risucchiati dentro ai vicoli intorno a Corso Duomo fra lenzuola stese al sole ad asciugare, scooter che sfrecciavano incuranti di chi era per strada e mamme in ciabatte e capelli arruffati affacciate alle finestre.

Ci siamo fermati a bocca aperta in certi angoli dipinti da street artist e divertiti innanzi ad improbabili negozi. Il centro storico di Taranto è un vortice che ti incatena alla vita. A tratti fa arrabbiare perché di alcuni palazzi signorili rimane solo un vago ricordo persi nelle morse della trascuratezza.

Ad un certo punto senti che è ora di uscire, che da tanta vibrante energia è bene anche allontanarsi un po’.

E allora arrivi sul bel lungomare pieno di gente a tutte le ore e ricominci a respirare.

Eccola qui negli scatti di Luca. Ogni viaggio è soggettivo, è la somma della nostra personalità e del qui ed ora in cui la viviamo e questa è la nostra Taranto. Buona visione.

città vecchia Taranto

taranto

vicoli taranto città vecchia

street art

pub taranto

scarpe

centro città

persone alla finestra

taranto

taranto

taranto

taranto

cozze

taranto

taranto

p.s per cenare a Taranto c’è un ristorante (di pesce) assolutamente da non perdere che si affaccia sul lungomare della città vecchia: La Paranza in via Cariati, 68.Per maggiori informazioni visitate il loro sito web: laparanzataranto.it

p.p.s abbiamo conosciuto Taranto grazie al blog tour #staccolapinainpuglia organizzato da Nova Yardinia Resort se ti interessa puoi leggere il post su questa magica struttura a questo link: ho staccato la spina in Puglia al Nova Yardinia.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.