Polinesia Francese arrivare dall’altra parte del mondo

Vi scrivo dall’aereo, in bocca ancora il sapore del salmone.
La Polinesia mi ha già conquistata. Quando siamo salite sull’aereo ci hanno dato il benvenuto un’hostess e uno steward vestiti di sorrisi dolci nella tradizionale divisa blu oceano (in effetti non poteva essere di altro colore no, questa divisa?) con in mano un vassoio pieno di fiori bianchi di tiare da mettere dietro all’orecchio.
Avete mai ricevuto un’accoglienza così in aereo? Io sinceramente mai nella vita.

Polinesia come arrivare
All’entrata una foto tradizionale della Polinesia, quella che avrete visto milioni di volte nelle agenzie turistiche, mare cristallino con casine su palafitte per intenderci.
Qui il personale di bordo è davvero gentile, non ti lasciano mai col bicchiere vuoto e cercano in tutti i modi di rispondere ai tuoi bisogni.
Anche il cibo è generoso con quel sapore di esotico che ti ricorda dove stai andando. Pesce o pollo intinti in salsine agrodolci.

Polinesia come arrivare Il cambio d’abito del personale per servire la cena è d’obbligo, vestiti floreali,  camice di frangipani, abiti con balze.
E poi sorridono, ma quanto sorridono? Sembra lo facciano apposta per farti dimenticare che hai due voli da affrontare per arrivare nella loro terra, quasi ventuno ore di dormiveglia, film in barattolo, pause drink. Senza contare il tempo del volo che dall’Italia ti porta a Parigi, un’altra ora e mezza, tanto per gradire.

Polinesia Francese Come arrivare a Tahiti: l’aeroporto Faa’a a Tahiti è l’unico scalo internazionale della Polinesia Francese. Qui arrivano varie compagnie aeree, noi abbiamo volato con la compagnia Air Tahiti Nui che parte da Parigi con scalo tecnico a Los Angeles (e per questo motivo è necessario fare l’Esta, documento di accesso e di transito negli Stati Uniti). Dallo stesso aereoporto partono anche i voli interni per le diverse isole, la compagnia è Air Tahiti da non confondersi con la precedente Air Tahiti Tui.

La chicca: L’arrivo all’aeroporto di Papeete è anch’esso tutto un programma. C’è un piccolo comitato di benvenuto composto da due musicisti e una ballerina che danzano per te la loro danza tradizionale. Lo fanno per tutti a tutte le ore. Appena recuperati i bagagli se c’è qualcuno ad attenderti quel qualcuno proprio come nei film che raccontano di questa terra lontana avrà in mano per te la la tradizionale collana di fiori di tiare.

Ed eccomi qui su suolo Polinesiano dall’altra parte del mondo rispetto a casa, a Luca e a Manina che già mi mancano tantissimo. Seguitemi in questi giorni cercherò di raccontarvi tutto quello che ci succede.

Ia Orana (buongiorno nella lingua tradizionale polinesiana)

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

10 commenti

  • Rispondi maggio 13, 2014

    Fabio Nodari

    Spettacolo!!!
    Buon viaggio…

    • Rispondi maggio 28, 2014

      Elisa e Luca

      grazie!

  • Rispondi maggio 13, 2014

    Greta

    Buon viaggio Elisa. Ore di viaggio a parte, direi che promette già molto bene!

    • Rispondi maggio 28, 2014

      Elisa e Luca

      Sì Greta è stato un crescendo! e il tuo Perù – Bolivia come va?

  • Rispondi maggio 13, 2014

    La Ste

    Che bello, beati voi! Buona continuazione

    • Rispondi maggio 28, 2014

      Elisa e Luca

      peccato sia finita! sai che se chiudo gli occhi rivedo l’azzurro del mare

  • Rispondi maggio 13, 2014

    alessio

    che meraviglia per gli occhi ..bellissimo
    http://www.gomypass.com

    • Rispondi maggio 28, 2014

      Elisa e Luca

      grazie

  • Rispondi maggio 13, 2014

    Marta e Sara

    Mitica! vi seguiamo con piacere e affetto!
    Non deve essere facile né per te, né per Chiara..ma siete forti e ce la farete. Lasciate una traccia scritta ai vostri pargoli che potranno leggere da grandi, per far capire loro quanto li pensavate anche se dall’altra parte del mondo!
    a presto!
    mammechefatica.it

    • Rispondi maggio 28, 2014

      Elisa e Luca

      Sì a tratti non è stato per nulla facile 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.