Saint Laurent, il fiume di Québec e i sogni di un bambino

Ci sono quelle cose che da bambino leggi sui libri o vedi sullo schermo del cinema e pensi “Magari!”.

quebec city in inverno Ho sempre avuto un’attrazione morbosa verso le barche. A volte penso che in una vita precedente non potessi essere altro che un marinaio.

quebec city in inverno Probabilmente è tutta colpa dei miei genitori che da quando ero praticamente in fasce mi hanno portato ogni anno fino alla maggiore età sul traghetto (quelli mitici delle FS) direzione l’amata Sardegna.

quebec city in inverno Beh, dicevamo…ah, ecco “Magari!”. Una di quelle cose che ho sempre desiderato era navigare con una nave attraverso i ghiacci, sentire la prua che infrange una moltitudine di piccoli iceberg e il suono che viene amplificato da tutta la chiglia.

quebec city in inverno E ora dopo 35 anni posso dire di averla fatta. L’occasione si è presentata qui a Québec. Come ormai ben saprete la parola Marzo qui non è sinonimo di primavera. La temperatura non ne vuole sapere di avvicinarsi allo zero, ma il sole questa mattina ha deciso di brillare con tutta la sua potenza, e il paesaggio innevato non fa altro che moltiplicare la luminosità. Il cielo che io mi ricordi non è mai stato così azzurro.

quebec city in inverno Insomma oggi è la giornata ideale per attraversare il Saint-Laurent, il fiume di Québec, tra i più lunghi di tutto il Nord America. L’acqua non è sempre visibile perché a ricoprirla c’è un tappeto di ghiaccio e neve che si estende a perdita d’occhio.

quebec city in inverno Ci avviciniamo alla banchina da dove dovrà salpare il ferry boat che collega le due sponde tutto il giorno, dalla mattina alla sera. Acquistiamo due biglietti andata/ritorno. Siamo i primi a salire. Veniamo seguiti da poche decine di altre persone. Le auto che vengono parcheggiate nella “pancia” del traghetto si possono contare sulle dita di una mano.

quebec city in inverno È ora.

quebec city in inverno La passerella viene innalzata.

quebec city in inverno Si salpa.

quebec city in inverno E come vittima di un incantesimo torno bambino. Con il naso rivolto all’ingiù ad ammirare a bocca aperta lastre di ghiaccio finire in frantumi dopo essere entrate in contatto con le lamiere dell’imbarcazione. Lo so può sembrare un’esagerazione, persino una sciocchezza. Ma il fascino è reale credetemi. Il rumore dell’incedere della barca, il freddo pungente che ti fa mancare il fiato, il cielo di un colore da Cappella Sistina e questo fiume che a volte non capisci se è acqua oppure se è terraferma.

quebec city in inverno Tutto è perfetto. Tutto è come me lo sono sempre sognato.

Ma stavolta non è un sogno. Io sono qui, adesso.

Capitano, avanti tutta!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

  • Ho letto con gli occhi felici.. immagino la bellezza.. Sembra di essere in un sogno, forse il tuo! Non vorrei essere sempre banale dicendo “bravissimo”, ma devo ammettere che è l’unica parola. Stai emozionando con questi articoli, si “sente” che lo stai vivendo con tutto te stesso.

    • Rispondi marzo 20, 2014

      Elisa

      Ciao Lucia, scusa il ritardo nel risponderti! Beh, devo ammettere che è stato proprio facile parlarne, perché la bellezza del Québec è davvero travolgente!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.