Un viaggio tra i castelli della Loira

Uno spettacolo formato da un congiunto di trecento bellissimi castelli nel cuore più profondo della Francia. Gli stili che sfoggiano e le personalità di ognuno degli edifici sono estremamente diverse giacché queste perle architettoniche hanno cominciato a sorgere a partire dal x secolo d.C.

Nel nostro itinerario ai castelli della Loira possiamo trovare tanto fortezze tardo-romaniche come edifici più goticheggianti e svelti, ma tutti spettacolari e affascinanti. Uno degli itinerari più interessanti, taglia la bella nazione francese giusto per la metà, partendo dall’Alsazia e arrivando a Orleans passando per Nantes, Angers e Tours.

castelli della loira

Photo Credits PaPisc

Potrebbe essere l’occasione per un fine settimana speciale o un viaggio romantico e indimenticabile alla scoperta di una Francia bellissima, immersa nel verde delle valli e nel verde. Proprio là, nella frangia di terra che divide la nazione francese, giusto nel cuore più profondo di questa terra ricca di storia, arte e di una delle capitali più importanti d’Europa, si trova  questo insieme di 300 castelli chiamati castelli della Loira.

Diversi tra loro per epoca e stile, riescono a dare personalità agli oltre 800 km in ogni angolo. Si può scegliere tra diversi tours per poter vedere vari tra i castelli della Loira in un tempo relativamente breve; purtuttavia, non si dovrebbero tralasciare alcuni tra i più interessanti ed è consigliabile ritagliarsi un po’ di tempo in più per poter assaporare meglio la deliziosa vista e lo spettacolo architettonico e naturale che questa zona offre. In un viaggio nella regione della Loira non può mancare la visita a uno dei castelli più antichi dell’area: il castello di Langeais, a pochi chilometri da Tours e che risale, più o meno, al X secolo.

castelli della Loira

Photo Credits PaPisc

Non è solo un edificio particolarmente bello; è anche il simbolo di un momento cruciale nella storia del Regno di Francia. Difatti, nonostante fosse stata costruita da Folco il Nero, signore della zona, fu successivamente preso e ampliato dagli inglesi, sotto il mandato di Riccardo I d’Inghilterra. Con Filippo II ritornò in mani nazionali. Fu parzialmente distrutto durante la Guerra dei Cento Anni e solo nel 1886 fu cominciata una ristrutturazione.

Langeais è un luogo magico: i suoi tre piani sono pieni di opere d’arte e tesori nascosti; nell’ultimo piano v’è un corridoio-belvedere che permette al visitante di ammirare tutto ciò che circonda l’antico edificio signorile. Un’altra tappa quasi obbligatoria è l’antico castello feudale di Azay-le-Rideau, vicino Tours, costruito in stile rinascimentale con una facciata posteriore sull’acqua, che le da un aspetto romantico e ci trasporta in un’epoca passata, sfarzosa e cortigiana. Da vedere sono anche i bellissimi giardini e l’intorno naturale in cui è immerso il castello.

castelli della loira

Photo credits PaPisc

Simile nello stile è il castello di Chambord, un esempio di grande equilibrio nell’armonia e nella maestuosità  dei suoi volumi e le sue decorazioni. Dall’alto del maschio si può vedere la varietà paesaggistica che la valle brinda ai visitatori oltre alla vista della amplia tenuta. Una curiosità su uno dei castelli, quello di Chenonceau: un castello tutto al femminile. Fu costruito da Katherine Briçonnet nel XVI secolo. Successivamente Diana di Poitiers e Caterina de’ Medici lo adattarono al proprio gusto e alle proprie esigenze, regalandogli una bellezza eterea e quasi trascendentale. E grazie a Madame Dupin sopravvisse a svariati conflitti, tra cui la stessa Rivoluzione Francese. Iospita, nel suo interno, una pinacoteca con una grande collezione di quadri di grandi maestri. Enumerare e descrivere tutti I castelli è una impresa ardua: scegliere quali visitare è ancora più complicato giacché sono tutti stupefacenti e meritano almeno una visita.

Prendetevela con calma, la valle della Loira è un luogo dove ritornare più volte durante la propria vita; ma non fatevi scappare l’occasione di organizzare al più presto un viaggio qui.   La buona cucina, le bellezze naturali e l’accoglienza della gente di questa terra vi farà amare la Francia ancora di più.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

1 commento

  • Rispondi luglio 16, 2015

    Silvia

    Anche i Castelli sono meta delle prossime vacanze.. contavo di fare una selezione e non visitarli tutti, per aver modo di vedere anche altre cose della zona.. ma non so scegliere! Mi hanno parlato bene anche di Chambord, Chenonceau e Amboise.. aiuto! forse sono più turistici e più affollati.. Mi servirebbero più vacanze! 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.