Dove dormire a Barcellona, noi scegliamo l’appartamento

Spesso ci vengono chiesti consigli su dove dormire a Barcellona, noi abbiamo scelto l’appartamento, ecco il nostro racconto.

Arriviamo a Barcellona verso le tre del pomeriggio. Il taxista mi è subito simpatico. Mi chiede da che parte della Spagna provengo e ovviamente mi ha già conquistata! Del resto mi succede sempre quando le persone apprezzano il mio spagnolo che per me è la lingua più bella del mondo. Ecco l’ho confessato.

Siamo un po’ intimoriti perché la proprietaria del nostro appartamento a Barcellona non ha risposto alla mail di contatto che le abbiamo inviato.

Il taxi si ferma davanti all’edificio in stile granadino che appunto si chiama Alhambra e la proprietaria ci riconosce immediatamente. Dove fosse nascosta non lo so, ma mi colpisce la sua efficienza e tiro un sospiro di sollievo!

L’edificio è rosa e la porta lascia solo vagamente immaginare il suo interno.

dove dormire a barcellona Lo stile moresco regna sovrano in tutto l’ingresso e Fina ci spiega che è frutto di un regalo che il proprietario ha fatto alla propria moglie che era originaria di Granada per renderle più lieve la nostalgia della propria terra. Non è super romantico? Sono contenta di poter stare una settimana in un edificio con questa storia.

dove dormire a barcellona E’ un edificio antico riconosciuto Patrimonio locale e per questo i nuovi proprietari (ci saranno circa una trentina di appartamenti) non possono portare nessun tipo di modifiche.

dove alloggiare a barcellona Saliamo insieme al terzo piano ed entriamo in quella che sarà la nostra casa a Barcellona per una settimana. Quando viaggiamo nelle grandi città ci piace molto affittare un appartamento, ci fa sentire come se veramente vivessimo lì. Ci piace conoscere il quartiere in cui sta l’appartamento, comprare il pane al panificio, acquistare qualcosa da mangiare la sera dopo aver passato tutto il giorno in giro. Adoriamo metterci sul divano, stappare una bottiglia di vino e “illuderci” per un momento di vivere veramente in quella città.

dove alloggiare a barcellona E’ la quarta volta che la visito ma le precedenti sono sempre stata in Pensioni o Hostal di bassa lega. Questa volta ci siamo trattati davvero bene. Con un bimbo poi l’appartamento ci ha permesso di prendere tutto con più calma e di seguire maggiormente i suoi tempi non avendo nessuno orario da rispettare.

dove alloggiare a barcellona L’appartamento appartiene al figlio di Fina che ora vive in Cina. E’ arredato con estremo gusto e già delle foto che abbiamo postato su facebook durante #inviaggioconmanina abbiamo capito che anche a voi è piaciuto tanto quanto a noi!

dove alloggiare a barcellona Fina si è occupata del restauro lasciando tutto a vista, eliminando completamente i muri e utilizzando muri mobili in cartongesso o in vetro scorrevoli per aprire e chiudere i diversi ambienti. Ha poi arredato l’appartamento con grande attenzione ai particolari per un risultato veramente accogliente e di classe, giudicate voi!

dove dormire a barcellona

dove dormire a barcellona dove dormire a barcellona

dove dormire a barcellona dove dormire a barcellona

Abbiamo affittato questo appartamento tramite il sito www.soloaffittivacanze.it

Buon viaggio!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

2 commenti

  • Avevo già apprezzato le foto su fb durante il viaggio, e lo ribadisco.. ma questo appartamento è un gioiellino!!! 😉 L’appartamento rimane poi, in alcune situazioni, la scelta migliore per il viaggio! Belli e bravi!! :*

    • Rispondi gennaio 15, 2014

      miprendoemiportovia

      Bella e brava tu!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.