Aruba, Happy Island ma non troppo per noi

Avete presente il detto “non dire gatto fin che non ce l’hai nel sacco?”

Ecco la nostra storia con Aruba ha a che fare con questo detto. Allora andiamo con calma che altrimenti ci ingarbugliamo!

Dunque al TBDI di Rimini a meet your blogger conosciamo Valentina.

Ciao sono Valentina dell’Aruba Tourism Board, stiamo organizzando un press tour per promuovere Aruba, la conoscete vero l’isola dei Caraibi di fronte al Venezuela?” Ci guardiamo un attimo un po’ increduli e ci presentiamo anche noi. Valentina se ne va e noi speriamo intensamente di essere tra i fortunati che potranno conoscere quella che viene chiamata l’Happy Island, trenta chilometri di lunghezza per dieci di larghezza, l’isola appartenente alle Antille Olandesi dove non piove quasi mai.

Poi, emozione e soddisfazione per il lavoro fatto in questi due anni col blog si fondano insieme quando Valentina mi chiama per chiedermi se dal venti al ventisette di Novembre saremmo stati disponibili a partire con loro, ospiti ad Aruba del Tourism Board. Luca non sta più nella pelle e accetta subito sognandosi sulle bianche spiagge di Aruba a guardare l’Oceano.

aruba

Ferie concordate aspettiamo il programma. Che però non arriva. Ciò che arriva è una telefonata che ci dice che il viaggio è in forse a causa di alcuni problemi con la compagnia aerea e ci chiedono di aspettare fino a lunedì (cioè ieri) per avere la conferma definitiva che arriva finalmente alla sera verso le sette.

Bene, Luca inizia a preparare la valigia, io aggiorno i social creando attesa nei nostri lettori e dicendo loro che tutte le attività di routine del blog sarebbero state sospese nella prossima settimana perché al loro posto avremmo avuto aggiornamenti in diretta da Aruba. Le reazioni giungono immediate, chi ci fa i complimenti, chi ci augura buon viaggio.

L’epilogo, ahimè, non è per niente happy.

Un’ora fa ci richiamano dal Tourism Board molto dispiaciuti dicendoci che due dei tre voli che avrebbero dovuto partire l’indomani mattina sono stati annullati e tra questi uno dei due nominativi è quello di Luca.

Sono mortificati, si scusano e ci promettono solennemente che l’anno prossimo vedremo Aruba tutti e tre insieme, io, Luca e manina.

Chissà.. gli anziani dicono che “si chiude una porta piccola per aprirne una grande” speriamo quindi che la promessa venga mantenuta e che l’anno prossimo potremo raccontarvi Aruba digitando a tre mani sulla tastiera.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

21 commenti

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Kinzica Sorrenti

    :(((((((( madò… che batosta. Meno male c’è manina e i suoi sorrisi innocenti!

  • Rispondi novembre 19, 2013

    keyodhoo

    RT @miportovia: #Aruba, Happy Island ma non troppo per noi http://t.co/ocZABpfZJq

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Cristiano Guidetti

    Si però Eli l’anno prossimo quando voi spaccherete ancora di più 😀 e loro torneranno alla carica io li manderei a quel paese. Ok essere mortificati, ma questa è disorganizzazione! Mi dispiace tantissimo 🙁

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Gianoteca Ristoro

    Gianoteca Ristoro liked this on Facebook.

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Liliana Monticone

    Son partiti proprio proprio bene! Complimentoni alla professionalità. Il giorno che avrò bisogno, so con certezza a chi non rivolgermi!!! 🙁

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Elisa Paterlini

    eh ragazzi che dire… noi che siamo eterni sognatori e crediamo nelle persone crediamo che siano in buona fede e che sia davvero stato un brutto disguido… e che sapranno farsi perdonare…

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Luana Cervi

    Eh. Speriamo. >:-/

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Andrea Petroni

    noooo assurdo, non ci posso credere….. 🙁

  • Concordo con Cristiano, immagino la delusione! Tu continua così Eli, se non è Aruba sarà qualcosa di meglio, io la vedo così!

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Francesca Campigli

    santa paletta che sfiga! 🙁

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Roberta Longo

    No vabbè -_- Mi dispiace tanto Eli

  • Rispondi novembre 19, 2013

    La Ste

    Che brutto, sono delusa io per voi. Anche queste esperienze insegnano… Ogni giorno sento lamentele di gente che spende soldi per viaggi che vengono cancellati, magari la vacanza che aspettavano da tempo. So che non è la stessa cosa ma almeno chi ha il blog può far sentire la sua voce!

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Francesca Campigli

    Francesca Campigli liked this on Facebook.

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Emanuela Barbano

    Emanuela Barbano liked this on Facebook.

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Sara Boccolini

    Senza parole -.-‘

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Francesca Fraintesa Barbieri

    noooo porcavacca che batosta! 🙁 mi dispiace

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Michela Mazzotti

    I tour operator sono in grossa crisi…per quello succedono ste cose (credo)

  • Rispondi novembre 19, 2013

    Mary Franzoni

    Peccato ma sai quanti altri ne farete.. E, come dici tu, se sono in buona fede sapranno farsi perdonare altrimenti meglio perderli che trovarli. Al nostro caffè!

  • Rispondi novembre 20, 2013

    IsolaDiAruba

    @miportovia siamo molto dispiaciuti e faremo del nostro meglio per farci perdonare e portarvi a scoprire l’isola al più presto!

  • Rispondi novembre 20, 2013

    Ernesto de Matteis

    Mannaggia li pescetti!!!
    Dai, vedrete che ci andrete insieme, ad Aruba!!!
    Intanto godetevi 1 settimana di vicinanza reciproca, che un po’ invidio per via del nuovo lavoro di mia moglie che me la porta via 6 giorni alla settimana…
    Siate felici!!!

    • Rispondi novembre 20, 2013

      miprendoemiportovia

      no che brutto che deve essere stare così lontani… speriamo sia per poco!

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.