Salento tra Otranto e le sue baie

Buon mercoledì a tutti cari viaggiatori oggi, grazie a Manuela del blog pensieri in viaggio, vi parliamo di una meta che adoriamo e alla quale torniamo sempre volentieri. Abbiamo conosciuto Manuela tramite twitter, di lei ci piace l’entusiasmo e la socialità che mette nelle relazioni.. anche on line.  Buona lettura!

Amo talmente tanto il Salento che quando parlo di questa terra vengo presa da un turbine di emozioni contrastanti tra loro. Un amore che nutro sin dall’infanzia, ancor prima che diventasse una delle mete più blasonate per le vacanze estive.

Manuela e la sua Puglia

Manuela e la sua Puglia

Quando si parla di Salento, non tutti hanno bene in mente quanto sia grande questa terra e quanto sia difficile scoprire in pochi giorni i luoghi più belli senza una guida locale.

Una tra le tante località salentine da visitare è Otranto, la città italiana situata più ad est.

Otranto

Otranto

A differenza di altre località turistiche in cui si può godere eslusivamente del mare, Otranto presenta un centro storico molto frequentato e particolarmente suggestivo, soprattutto se visitato di sera passeggiando tra i vicoli stretti e oltrepassando gli archi in stile barocco. Vien naturale lasciarsi avvolgere dall’atmosfera locale tra i tamburi salentini, le creazioni in pietra leccese e il profumo dei rustici e delle pucce.

pizzica

tamburi di pizzica salentina

Ad Otranto, come in qualunque zona del Salento, è obbligatorio fare colazione con un pasticciotto leccese ripieno alla crema. Anche se l’avete già mangiato altrove – fidatevi – solo qui è così buono!

La gente del posto dice che anche chi si reca abitualmente ad Otranto non conosce ancora tutti i suoi posti più belli. E come dar loro torto! Ad Otranto ci sono talmente tante spiagge e calette nascoste che sarebbe impossibile elencarle tutte.

Baia dei turchi

Baia dei turchi

Sicuramente una da non perdere è Baia Dei Turchi, una lunga striscia di spiaggia sabbiosa con acqua cristallina completamente nascosta dalla fitta vegetazione. Per arrivarci bisogna camminare un pò, attraversando una sorta di boschetto che permette di godere di uno splendido panorama nei punti in cui la vetetazione diventa più rada.

cosa vedere in salento

baia dei turchi

Agli amanti delle spiagge scogliose consiglio invece Baia dell’Orte, raggiungibile per mezzo del bus navetta che parte dal porto o anche qui camminando a piedi per un lungo tratto di strada. Ovviamente laddove sia possibile, è preferibile  arrivarci a piedi, così da ammirare il tripudio dei colori che compongono il paesaggio: dal giallo del fieno, al verde della vegetazione, per finire al blu intenso del mare. Poco frequentato, a mio avviso questo è il posto ideale per i ragazzi e per le coppie.

Infine, segnalo i Laghi Alimini, il luogo ideale per chi è in cerca di divertimento. Le spiagge dei Laghi Alimini sono tante (consiglio il lido BalneArea) e propongono gli attesissimi happy hour che hanno inizio all’incirca alle quattro del pomeriggio. Inoltre qui è anche possibile dilettarsi con gli sport e i giochi d’acqua.

viaggio in Salento

cava di abuxite

Nei pressi della Baia dell’Orte, vi è la belissima Cava di Bauxite, imperdibile per tutti coloro che sono appassionati di fotografia o semplicemente amanti della natura. Ciò che più attrae di questo posto è il colore rosso vivo delle rocce, dovuto all’abbondante presenza di ferro, in netto contrasto col verde smeraldo del laghetto da cui si sentono gracidare le rane. La cava si è formata in seguito all’abbandono del giacimento nel 1976 ed è incredibile che un posto così meraviglioso e allo stesso tempo tranquillo si sia realizzato naturalmente grazie alla inconsapevole collaborazione della mano dell’uomo!

bauxite

bauxite

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

6 commenti

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.