Pisa: I vostri scatti sono banali? Allora chiudete gli occhi e fate un profondo respiro

Ciao cari lettori è così bello quando arriva il mercoledì. E’ bello perché i protagonisti diventate voi. Chi ha fatto un viaggio e vuole condividerlo con noi. E così miprendoemiportovia si arricchisce e cresce grazie a chi gli vuole un po’ bene. Come Laura che ha un blog bellissimo che ha chiamato gypsies on the road che vi consigliamo di leggere anche se forse conoscete già. Lei a volte di mercoledì passa di qua e ci lascia un pezzettino di sè sempre ricco, sempre diverso. Oggi crediamo si sia superata. Questo pezzo è speciale, buona lettura.

Oggi vi voglio dare un consiglio. Un consiglio non da fotografa (cosa che non sono e non sarò mai), ma da appassionata viaggiatrice a cui piace fare foto. Spesso, quasi sempre, non sono soddisfatta degli scatti che faccio. Penso siano “banali”. Vi faccio un esempio.

Durante il blogtour #cmaxtour ho avuto modo di vedere per la prima volta Pisa e la sua famosissima Piazza dei Miracoli.

Purtroppo a causa dei tempi stretti non ho avuto modo di vedere molto del resto di Pisa e mi spiace perché dalle vie che ho attraversato per arrivare alla Piazza ho avuto la sensazione che ci fosse molto altro di bello da vedere oltre che all’ormai nota Piazza.

Se non ci siete mai stati comunque non potete perdervi Piazza dei Miracoli. Sono arrivata alla piazza da via Cardinale Maffi Pietro, proprio una delle vie principali che portano alla piazza. Una volta arrivata a quest’ultima sono rimasta sbalordita, non solo dalla Torre (ovviamente), ma anche dalla grandezza della piazza, che immaginavo molto più piccola.

Oltre alla famosissima torre troverete a fianco il Duomo e il Mausoleo, quest’ultimo il mio preferito. Prendetevi un paio di ore per visitare tutte e tre le strutture al loro interno, fatelo per me, dato che non ce l’ho fatta.

Una delle cose che porterò con me come ricordo è il contrasto tra il cielo azzurro di quel giorno e il verde sgargiante e perfetto che accoglie le tre architetture.

Piazza dei Miracoli è tra le piazze più famose del mondo: per questo è assediata costatemente dai turisti. Molti di voi, non ve lo nascondo, potrebbero rimanere delusi, aspettandosi forse di più da questa tanto chiacchierata bellezza italiana. Non voglio mettermi nel gruppo perché, ripeto, ho avuto davvero poco tempo per assaporare questa città, ma è indubbio che quantomeno la zona intorno alla piazza sia molto turistica, nella concezione purtroppo negativa del termine (souvenir kitch, prezzi esorbitanti, e tutto il resto del che ben conoscete).

pisa

pisa

pisa

pisa

pisa

pisa

pisa

Ora viene il mio spassionato consiglio, che mi piacerebbe aver ricevuto prima di partire e che è diretto soprattutto a chi piace fare foto: concentratevi sulle architetture ma poi passate ai TURISTI! Io me ne sono accorta purtroppo tardi che la vera scoperta è stata fotografare i turisti, piuttosto che fare la solita foto alla torre di Pisa. Fotografare gli stranieri nella piazza è divertentissimo! I giapponesi sono i migliori perché si fanno fotografare volentieri, e sono sempre in gruppo, allegri, festosi e sorridenti (sappiamo bene tutti quanto i giapponesi amino il nostro Paese), ma ci sono anche americani, francesi, tedeschi e chi ne ha più ne metta. Anche le scolaresche sono divertenti, perché chiassose e colorate. Beccherete ad ogni angolo gente che si fa fotografare cercando di trattenere tra pollice e indice la Torre, quindi state all’erta con la vostra fidata macchina fotografica e fate click al momento giusto!

Credo che sia un modo diverso di vedere una meta magari per noi italiani banale e un buon modo per esercitarsi nella fotografia. Chiudo dicendovi, per convincervi definitivamente, che io ero talmente presa a scattare che l’organizzatrice del blogtour mi è letteralmente venuta a riprendere (chissà, fosse per me probabilmente sarei ancora là)!

Insomma, se non siete soddisfatti dei vostri scatti, semplicemente: smettete per un attimo di fare click, chiudete gli occhi, fate un respiro profondo e pensate a cosa potrebbe divertirvi. Una volta riaperti gli occhi fidatevi che vedrete tutto un altro spettacolo: lì, pronto per essere immortalato. 😉

 

Sullo stesso argomento potrebbe anche interessarti: 

Cosa vedere a Pisa in due giorni

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

4 commenti

  • Rispondi maggio 29, 2013

    Trips Tips

    Bellissimo articolo! Sinceramente? Mi sono emozionata nel leggere quanto scritto! I miei complimenti vanno a Laura, ma anche a miprendoemiportovia.it!!!

    • Rispondi maggio 29, 2013

      miprendoemiportovia

      il merito in questo caso è tutto di Laura, noi siamo stati molto fortunati ad incontrarla 🙂
      grazie per essere passati

    • WOW, grazie! E grazie anche a Elisa per aver linkato il nostro sito! 🙂

  • Rispondi ottobre 22, 2015

    Nicola

    Grazie mille per questo articolo!!! E’ vero, abitando a pochi km da Pisa, diamo per scontata la bellezza di questa piazza…concordo che in una giornata di sole i colori e i contrasti sono davvero stupendi. E che la città regali anche altri piccoli scorci da vivere e fotografare. Mi avete dato spunto per vedere la piazza in modo e la prossima volta che ci andrò via di foto ai turisti! 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.