Vacanze a Santorini: la nostra esperienza

Riprendere in mano la guida di un luogo mi dà sempre una sensazione strana. E anche oggi è capitato. Prendo in mano la Lonely di Santorini e un brivido mi corre lungo la schiena e i ricordi affiorano.

A Santorini siamo stati solo il tempo di un week end rubato a fine estate ma è bastato per saggiare la sua atmosfera magica e per innamorarcene.

Santorini di sera

panorama di notte da Firostefani

Tre giorni in cui abbiamo percorso l’isola in lungo e in largo a bordo della nostra Micra decapottabile. Dato il poco tempo a disposizione abbiamo tralasciato le spiagge per lo più poco interessanti e ci siamo dedicati alle aziende vinicole e ai paesini dell’interno.

Santorini

Le Chiese così fotografate

Diario di viaggio

Il primo giorno abbiamo visitato i paesini tipici di Magalochori e Pyrogos soffermandoci in qualche azienda vinicola incontrata sulla strada. A pranzo non ci siamo fatti sfuggire il ristorante Raki e sulla via del ritorno ci siamo fermati qualche ora a Fira che è il luogo più trafficato visto che è qui che attraccano le navi. Questi due paesini dell’interno sono molto diversi da quelli sulla costa come Fira. All’interno il tempo sembra esservi fermato, l’aria è intrisa dell’odore dei fiori e mille scorci diversi ti permettono di vedere l’isola nella sua bellezza. Qui è più facile incontrare gli autoctoni, qualche signore che vende prodotti tipici, crocchi di donne che vanno a fare la spesa. Mentre i paesi sulla costa sono pieni di ristorantini turistici e l’atmosfera è più ovattata.

Pyrogos

Pyrogos

Aziende vinicole Santorini

Particolare di Santo wines

Santorini

i vigneti

Santorini

interno di aziende vinicole

Il secondo giorno abbiamo approfondito la visita del Sud facendo tappa alla Red Beach da cui siamo scappati quasi subito a causa dell’eccessivo sovraffollamento, direzione Vlyhada beach anch’essa ugualmente molto particolare grazie alle formazioni rocciose bianco-ocra che in qualche tratto assumono le sembianze di volti umani. Vi consigliamo di spingervi fino al punto più estremo dove potrete vedere tutta l’isola dall’alto salendo fino al Faro a Thira.

Santorini

Punta a Sud

Red Beach

Red Beach

Il terzo e ultimo giorno lo abbiamo dedicato ad Oia e ai suoi dintorni Paradise, Katharos e Pori beach, piccole spiagge di sabbia nera. Oia sembra una favola, un gioiellino da cui è difficile staccarsi. In particolare il ricordo va alla baia di Ammoudi dove vi consigliamo di pranzare in uno dei tre ristorantini di pesce situati direttamente sul mare. Durante il tramonto tutte le persone si inerpicano sulle sue stradine nei pressi del famoso mulino e cercano il loro pezzettino di muretto per gustarsi questo rosso spettacolo della natura. Noi ne abbiamo approfittato per trovare un posticino appartato e ci siamo attrezzati con una bottiglia di vino comprata in un’azienda vinicola e con musica dall’i-pod, rimarrà per sempre uno dei nostri più bei ricordi di viaggio. 

Oia Santorni

Oìa

Santorini

nei vicoletti di Oìa

Santorini

Baia di Amoudi

Qualche indirizzo da mettere in agenda

Blue Dolphins Hotel and suites: albergo ricavato in una tipica abitazione greca tradizionale con vista sulla caldera. 

Firostefani – 84700, Santorini
Phone : +30 22860 23173

Santorini Brewing Company: Santorni pullula di cantine vinicole è vero ma se amate la birra di qualità non perdetevi questo micro-birrificio.

Meso Gonia  – Santorini
+30 2286 030268

Katharos Lounge: che domina la piccola spiaggia di Katharos poco più in là della baia di Ammoudi

Katharos Beach, Oia

Raki restaurant situato all’ingresso di Megalochori, un’autentica taverna greca, potrete mangiare all’aperto sotto il pergolato giusto di fronte ad una Chiesetta tradizionale. Autentiche ricette greche innaffiate ovviamente dal Raki la bevanda tradizionale.

Megalochori

Imerovigli Tavern: una tipica taverna greca in cui mangiare bene guardando il tramonto sulla caldera del vulcano.

Caldera, Imerovigli 84700

E voi avete qualche altro indirizzo interessante da indicarci a Santorini? Ci servirà perché avendola amata così tanto non ci resta che tornarci presto!

Se cerchi materiale su Santorini leggi anche:

Oia la perla di Santorini

Vacanze a Santorini i tramonti che ti rimangono nel cuore 

Santorini mon amour 

In partenza per Santorini

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

6 commenti

  • Rispondi aprile 17, 2013

    Daniele

    Cade giusto a puntino questo post: ho in programma 3 giorni sull’isola, in luglio.

    • Rispondi aprile 18, 2013

      miprendoemiportovia

      vai vai non te ne pentirai :)))

  • Rispondi luglio 18, 2013

    Greta

    Bellissime foto. A settembre siamo indecisi su quale isola greca. Anche Kos…

    • Rispondi luglio 19, 2013

      miprendoemiportovia

      Non abbiamo visitato le altre isole della grecia quindi se vai a Kos passa a dirci come ti è sembrata 🙂

  • Rispondi giugno 21, 2016

    Giulia

    Per me la Grecia può essere solo Santorini… ci sono andata per caso ormai 10 anni fa e mi sono innamorata! Da quella volta ci sono tornata altre due volte e che dire… non mi basta mai!
    Poi le aziende vinicole mi mancano… quindi ho la scusa per prenotare di nuovo!
    Ciao ragazzi!

    • Rispondi giugno 21, 2016

      Elisa e Luca

      Noi avremmo molta voglia di conoscere anche altre isole, cosa consigli? Abbiamo visto solo Creta oltre che a Santorini

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.