Dormire in aeroporto: Sheraton Hotel Malpensa

Ve lo ricordate The Terminal, il film con Tom Hanks datato 2004? ecco qui il trailer per rinfrescarvi la memoria.

Prendete quell’esperienza, dimenticatela ed ora fate spazio al nostro racconto.

hotel-sheraton-malpensa

Logo dell’Hotel

Grazie all’evento #xtuttiigusti (di cui vi abbiamo parlato qui) abbiamo avuto il vero piacere di dormire dentro ad un aeroporto anzi più precisamente allo Sheraton Hotel di Malpensa da cui se vorrete potrete fare direttamente il chec k-in per il vostro volo senza uscire all’aria aperta.

Ed effettivamente visto che abbiamo passato qui due notti quando siamo usciti siamo stati assaliti da una sensazione strana, ci sembrava di aver vissuto in un buco spazio temporale per un po’.

Gli spazi sono immensi e ricordano in tutto e per tutto quelli degli aereoporti, confortevoli ma anche impersonali.

hotel-sheraton-malpensa

corridoi che portano agli ascensori

hotel-sheraton-malpensa

corridoi che portano alle stanze

Le camere sono accoglienti e spaziose, alcune come la nostra, dotate di vasca rigenerante.

Molte le facilities come la zona fiteness e spa in cui potrete godere di un persocorso sauna e bagno turco e di una piscina oltre che ovviamente di una palestra.

Le colazioni sono abbondanti e preparate dallo staff del Ristorante il Canneto.

hotel-sheraton-malpensa

Ristorante Il Canneto

Ci teniamo a sottolineare che questo non è un post sponsorizzato ma ci piaceva condividere con voi questa strana esperienza che ci è capitata. Dormire qui ha avuto il suo fascino, sarà stato forse perchè eravamo a due passi dalla pista di decollo e sognavamo di poter prendere il primo volo e andarcene lontani? E a voi è mai capitato di dormire in un aeroporto, Tom Hanks ha detto la sua ma voi che ne pensate?

 

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.