Sono incinta, posso volare?

Buongiorno a tutti carissimi viaggiatori e lettori di miprendoemiportovia. Oggi pubblichiamo un’ intervista su un argomento che ci riguarda da vicino. Come sapete Elisa, la metà del blog a Dicembre ha scoperto di essere incinta e ovviamente la prima cosa ha cui ha pensato è stata: “oddio e adesso come faccio a viaggiare?” Poi da vera amante dei blog quale è si è messa in viaggio nel mondo del web e ha trovato tante mamme che per lavoro e/o per passione si occupano di travel. A dir la verità alcune le aveva già conosciute e parte di esse le avevano dato la “spinta” per come si dice in gergo (anche se a me il termine non piace molto) “aprire i cantieri” (e questo è il post con cui dichiarava la cosa ve lo ricordate?). Dal web è arrivata la voce, il sostegno, la testimonianza di una mamma viaggiatrice, lei si chiama Valentina Gattei e il suo blog è nesundorme.  Ne è nata così una intervista/testimonianza sul volare in gravidanza che oggi condividiamo con voi.

Volare in gravidanza

Volare in Gravidanza si può?

Ciao Valentina, allora raccontaci un po’ che ne pensi del viaggiare in gravidanza?

Per un’assidua viaggiatrice, la scoperta di essere incinta può provocare stress e paure infondate. Prima tra tutte “Potrò ancora viaggiare? Prendere un aereo? O no?” Prima che vi preoccupiate troppo, vi anticipo già la risposta: , potrete ancora viaggiare in lungo e in largo e soprattutto , potrete ancora prendere un volo.

Ci puoi dare qualche informazione pratica per chi vuole volare in gravidanza?

Ecco alcune informazioni pratiche che dovreste conoscere se pensate di volare in gravidanza:

  • per volare in gravidanza è necessario farsi rilasciare un certificato di buona salute da parte del vostro ginecologo. E’ una pura formalità. Se non avete particolari problemi qualunque medico vi rilascerà questa dichiarazione che sarà il vostro lasciapassare per il tanto desiderato viaggio;
  • solo in casi estremi, in cui accusiate un malessere al momento dell’imbarco, il comandante del volo potrebbe rifiutarsi di farvi salire a bordo. State tranquille però perchè è veramente un caso molto raro, se siete in forma e con il certificato medico di buona salute potrete prendere il vostro volo senza problemi;
  • dopo i 7 mesi non è consigliato volare in gravidanza. E’ un suggerimento sensato se pensate che dal settimo mese in avanti potreste partorire. In realtà non è un divieto quindi se avete in programma di partire nell’ultimo periodo di gravidanza consultate le condizioni specifiche della compagnia aerea con la quale intendete volare;
  • scegliete una meta per il vostro viaggio che abbia delle buone strutture ospedaliere. Non succederà niente, ma se ne doveste aver bisogno sarete certe di avere tutta l’assistenza di cui necessitate.
Possiamo dire quindi che sono regole che valgono per tutte le compagnie aeree?

Queste regole sono valide in linea generale, ma è indispensabile consultare le condizioni della compagnia aerea specifica con la quale decidete di volare in gravidanza. Di seguito alcuni link utili ai diversi vettori aerei che danno indicazioni precise sulle donne incinta che desiderano volare:

Questi link sono solo alcuni di quelli che troverete disponibili online. Una volta scelta la vostra meta e la vostra compagnia aerea, controllate nello specifico i dettagli delle condizioni che vi interessano.

E mentre si vola quali sono i consigli che puoi darci?

Altri piccoli accorgimenti pratici sono:

  • indossare abiti comodi durante il viaggio;
  • evitare pasti abbondanti;
  • non bere alcolici o altre bevande eccitanti (tipo caffè);
  • cercare di rilassarsi non facendosi prendere da inutili paure o ansie.

Insomma godetevi il viaggio e ricordatevi che la gravidanza non è una malattia! Potrete fare tutto e di più (e ve lo dice una donna-mamma che è andata in piscina e in bicicletta fino al giorno prima di partorire 🙂 )

Perfetto Valentina ci hai convinto, del resto non ci voleva molto con noi! Bene allora il biglietto è nella mano destra e la valigia nella sinistra, domattina si parte, il nostro volo decolla alle 8.00 da Bologna direzione Portogallo. Se vi va seguiteci sui nostri social, vi aggiorneremo sulla nostra Luna di miele col pancione!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

3 commenti

  • Che dire Valentina è stata davvero brava nel dare tutte le info utili.
    Per quanto riguarda questo post sono molto felice che tu l’abbia scritto.
    C’è ancora tanto “terrorismo” psicologico sulle mamme che vogliono viaggiare in gravidanza e dopo! Qualche tempo fa ho scritto un post chiedendomi (provocatoriamente) se essere mamma viaggiatrice significasse essere degenere.
    Nella rete ho trovato tante conferme e tanti consigli!
    Quindi viva i viaggi e viva il tam tam!:)
    Buon viaggio!
    Fra

  • Rispondi luglio 4, 2013

    Simona

    Anche io ho viaggiato in aereo fino alla fine del settimo mese, tutti a preoccuparsi ma se ci si sente bene si può fare tranquillamente… E anche dopo, basta organizzarsi e avere tanta voglia di non fermarsi!!
    Brava Valentina!

    • Rispondi luglio 4, 2013

      miprendoemiportovia

      Ciao Simona! dai che bello raccontaci un po’ di come ti sei organizzata sul dopo col bimbo. Noi stiamo pensando di organizzare un piccolo viaggio nelle Fiandre quando Manina avrà 2 mesi, come la vedi? esagerata?

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.