Dove andare a Siena la sera

Siena è una città in cui torniamo sempre volentieri. Diverse e conosciutissime sono le sue attrattive come quelle elencate da Cristina mercoledì nel suo special guest post.

Oggi però vorremmo darvi qualche dritta su dove passare la serata.

La prima cosa da fare se avete la fortuna di trovarvi a Siena di sera innanzitutto dirigetevi verso piazza del Campo, sedetevi in terra dove d’estate c’è il palio e gustatevi un bicchiere di Chianti osservando la gente che passa o che stanzia in piazza come voi.

Poi quando vi sarà venuta un po’ di fame potete scegliere fra due locali storici: l’osteria Nonna Gina di Lella e Dado nei pressi del Duomo oppure l’Osteria di via de Rossi (poco più in là della scala mobile di San Francesco dove tra l’altro vi consigliamo di parcheggiare).

Entrambi i locali offrono cucina toscana tradizionale dai pici alle tagliate di cinta passando per la pappa al pomodoro, le fiorentine e  la tagliata il tutto, ovviamente, annaffiato da un buon bicchiere di rosso toscano.

Vale la pena andarci solo per i proprietari che di per sé sono delle vere e proprie macchiette. Si respira un’aria di tradizione e gli stessi senesi vengono qui a cena. I tavoli sono di legno e le tovaglie di carta, la gente ride, parla a voce alta e si diverte.

Ma la vera chicca della serata è il Tea Room a porta Giustizia 11 nei pressi di piazza del Mercato.

Si entra e si intravedono già sulle scale le prime teiere, a lato dell’entrata uno specchio e qualche poltrona. Dentro un grande bancone su cui si trovano i contenitori delle nonne per le torte, sì proprio quelli di plexiglass dove la torta sembra quasi un quadro. La scelta è varia e particolare e l’abile proprietario ve ne canterà le lodi e voi non saprete dire di no.

 

 

 

Sul menu la scelta dei thè è infinita da quelli indiani ai cinesi,  qui preparano più di 70 tipi di the serviti in teiere dallo stile antico, accompagnati da una selezione di torte da far girare la testa. Ma non credete che questa sia la classica sala da thè per signorine di mezza età. Il luogo, che ormai è un’istituzione per i senesi è frequentato dai giovani e la coda è d’obbligo, le luci sono basse e le teiere da tutto il mondo sono ovunque. Vi piacerà ne siamo sicuri.

All’esterno poi è possibile ammirare la città attraverso un telescopio. Un angolo di Siena inaspettato e affascinante.

p.s le foto lasciano un po’ a desiderare lo sappiamo ma perdonateci, sono scattate con lo smartphone, eravamo troppo presi dal goderci la serata e abbiamo lasciato la reflex in albergo!

A proposito se avete altri locali o osterie che amate a Siena scriveteceli nei commenti qui sotto, come abbiamo detto a Siena torniamo sempre volentieri e la prossima volta li testeremo.

 

Dello stesso argomento potrebbe anche interessarti:

Un weekend alle terme nelle terre di Siena

Weekend a Siena tra i suoi colori e profumi

Un weekend nelle terre di Siena

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

4 commenti

  • Rispondi novembre 17, 2012

    Amisaba

    Un posto da testare è il locale unTUBO di recente apertura a Siena. “Un centro benessere dell’anima; un luogo sacro per il vino, attenzione per la musica e l’arte” recita il loro sito. Gli ambienti sono sicuramenti molto suggestivi. Bisogna solo capire come funziona per poter partecipare alle serate 🙂

    • Rispondi novembre 21, 2012

      miprendoemiportovia

      Wow un locale come piace a noi! Aggiudicato per la prossima volta in cui verremo a Siena 🙂

  • Rispondi gennaio 29, 2016

    P.Rosso

    Siena offre un buon numero di piccoli locali dove passare delle belle serate. (La Diana, Cacio e Pere, Maudit…), con musica o solo per fare sue chiacchiere.

    • Rispondi gennaio 30, 2016

      Elisa e Luca

      Sì hai ragione, non vediamo l’ora di ritornare per provarne degli altri 🙂

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.