Vico del Gargano

C’è un paese in Gargano che non si affaccia sul mare ma che merita indubbiamente una visita durante una vacanza sulle coste pugliesi, non fosse altro perché è consacrato a San Valentino e per approfittare di un indimenticabile aperitivo.

Questo paese è Vico del Gargano.

Siamo stati a Vico due volte durante la nostra vacanza, al tramonto e di sera. Assolutamente preferibile la prima scelta quando le case in pietra biancastra del suo cuore antico si tingono di rosa e i vicoletti assumono un aria pittoresca e decadente al tempo stesso. Di notte questo fascino diventa, a nostro avviso, più angusto.

Annoverato fra i Borghi più belli d’Italia Vico ha uno splendido centro storico in cui è possibile seguire diversi percorsi tematici, un vero e proprio presepe a cielo aperto in cui troverete anche il vicolo del Bacio che collega S. Giuseppe al Rione Terra, lungo una trentina di metri e non più largo di 50 centimetri.

Leggenda vuole che questo Vicolo fosse una sorte di “luogo benedetto” per coppie d’innamorati, uomini in cerca d’amore e donne in attesa di compagnia. I fidanzatini si davano appuntamento nel vicolo che attraversavano, più volte, da direzioni opposte per potersi toccare ad ogni passaggio. Chiunque può donare un arancio, preso dall’addobbo del Santo alla persona cara con la consapevolezza che il frutto si trasformerà, secondo tradizione, in uno speciale filtro d’amore.

Dopo la passeggiata nel suo centro storico dirigetevi verso la parte nuova alla ricerca del Bar Pizzicato e chiedete di Giuseppe, affidatevi alla sua sapienza di barman navigato e il vostro palato vi ringrazierà! Aspettate qualche minuto e potrete assaggiare mojito corretto a birra, caipiroska di gelsi neri, zenzero e vodka solo per gradire, il tutto accompagnato da un tripudio di tartine e canapes. Non ve ne pentirete ve lo assicuriamo!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.