St. Stephens Green, il polmone verde di Dublino

Ritorna l’appuntamento del mercoledì con gli special guest, oggi Francesco che sta studiando l’inglese a Dublino ci accompagnerà in uno dei polmoni verdi di questa città, quegli splendidi parchi in cui rilassarsi è meraviglioso.

Sono a Dublino da soli tre giorni, e tra il viaggio di andata, la sistemazione in appartamento e l’inizio del corso di preparazione inglese, il tempo a mia disposizione per vedere bene la città è stato poco.

Ho deciso però di raccontarvi di questo luogo, nel quale sono stato per la prima volta domenica, provando a perdermi per qualche ora per le vie della città. Si tratta di St. Stephens Green. E’ un parco di nove ettari, situato nel centro della città, a due passi dal famoso quartiere di Temple Bar e dall’altrettanto noto Trinity College. Aiuole verdi proprio come il colore simbolo dell’Isola di Smeraldo; il tutto è molto curato, prati con erba tagliata in maniera impeccabile, fontane, panchine situate nei vari camminamenti che si intersecano all’interno del parco.

Ci sono due stagni, dalle cui sponde bambini e non solo, lanciano cibo a bellissimi cigni bianchi e ai loro piccoli.

Gli alberi presenti all’interno non si riescono quasi a contare, così come le persone che lo affollano tutti i giorni. Dagli studenti distesi sui prati, ad impiegati in giacca e cravatta che passano in fretta o consumano uno spuntino veloce, passando per podisti, turisti (tantissimi) e semplici famiglie che escono per una passeggiata.

E’ proprio questa peculiarità che mi ha colpito sin da subito, perché la moltitudine di individui non scalfisce per nulla la pace e la quiete che vi si possono trovare.

Si raggiunge un vero momento di tranquillità, seduti su una panchina, magari fumando una sigaretta, ma senza iPod nelle orecchie, altrimenti ci si perde il silenzio delle persone…
Se al tutto si aggiunge che al tuo fianco si possa sedere una graziosa ragazza di Dublino con la quale inizi una conversazione, allora si, voglio eleggerlo come luogo in cui verrò quando sentirò il bisogno di rilassarmi e contemplare la città di Dublino e l’Irlanda.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

3 commenti

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.