Dolomiti Ski Jazz: Musica e Montagna che matrimonio!

Immaginatevi un pomeriggio in odor di primavera sulle piste ancora innevate baciati dal sole e magari sdraiati su una chiase lounge ascoltando buona musica jazz. Un sogno vero?

Questo sogno in Trentino ogni anno diventa realtà. Domenica 18 marzo in Val di Fiemme si è conclusa la 15esima edizione del Dolomiti Ski Jazz Festival.

Una settimana di concerti jazz, swing, con influenza bossa nova nella cornice idilliaca delle Dolomiti. Catene montuose innevate allietate dalle note di musicisti internazionali.

Durante il giorno i concerti si svolgono per lo più presso rifugi raggiungibili con impianti sciistici. Sedersi, ordinare un Hugo (il concorrente trentino dello spritz, a base di prosecco, sciroppo di fiori di Sambuco e una spruzzata di soda il tutto condito da foglie di menta) e gustarsi un concerto gratuito. Poi approffitarne per assaggiare un piatto tipico da rifugio: padellata di primi piatti contente di tutto un pò dagli spatzle ai canederli oppure uno plendido tagliere di formaggi e salumi in cui regna lo speck.

Di ritorno a valle le possibilità di svago sono numerose, passeggiate di nordic walking nei boschi, un pomeriggio di relax nella spa, un’oretta di pattinaggio su ghiaccio o semplicemente una visita in paese magari a Cavalese così denso di storia.

Alla sera invece i concerti si svolgono presso sale e teatri comunali oppure gli artisti si esibiscono in jam session in locali d’atmosfera.

Qualche indirizzo interessante:

Da Tito Maso dello Speck a Daiano, splendida Baita in pure stile trentino in cui assaporare uno dei prodotti tipici più sensazionali che la Regione possa vantare.

Wine Bar Bellavista a Cavalese, locale d’atmosfera sottostante all’omonimo hotel, luogo ideale per bere qualcosa nel centro di Cavalese.

Hotel Lagorai a Cavalese, hotel 4 stelle con la possibilità di rilassarsi nella splendida zona spa anche per chi non vi soggiorna.

Park Hotel Azalea a Cavalese, hotel appartenente alla catena dei world biohotel con un’attenzione particolare alla cura degli ambienti e del cibo.

Agritur Fior di Bosco a Valfroriana, ottimo ristorante su prenotazione a base di cibi rigorosamente bio e a km zero.

Ski center Latemar, km di piste e ampia scelta fra stupendi rifugi, spazi babi, slittovie.

Associazione RespirArt che crea, dà vita e gestisce opere di land art sul massiccio del Latemar.

Least but not last, un ringraziamento particolare a visit trentino e visit fiemme che hanno reso possibile questa esperienza.

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi?

5 commenti

  • Rispondi marzo 25, 2012

    Sara Pasquini

    Bella la nuova uscita del cofanetto di Riz Ortolani con ben 4 Cd con i quali festeggia 3 eventi: 50 anni di brillante carriera,50 anni di MONDO CANE con il tema “MORE” e IL SORPASSO.Da non perdere!

  • Rispondi marzo 26, 2012

    Anna Righeblu

    Che meraviglia!!! Una bellissima esperienza… Anch’io ho riscoperto da qualche anno la montagna in estate e sto già programmando le vacanze… tranne che per il jazz, le giornate sono scandite dagli stessi, piacevolissimi riti: passeggiate, sentieri, malghe, piatti tipici, serate con gli amici.
    A presto e complimenti per il tuo bellissimo blog.

    • Rispondi marzo 27, 2012

      miprendoemiportovia

      Cara Anna

      grazie dei compliementi, che ricambiamo.
      Adesso non ti resta che provare il jazz sulle Dolomiti!

      Elisa e Luca

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.