Au Lapin Agile: un viaggio nella Parigi d’altri tempi

La nostra ultima sera a Parigi decidiamo di passarla nei dintorni di Montmartre per dare un ultimo saluto a questo quartiere di Parigi che ci ha così tanto colpito, da qui abbiamo iniziato una settimana fa e qui terminiamo il nostro viaggio. Mando una mail la sera prima e con sorpresa apprendo che mi hanno risposto subito riservandomi due posti. Lo spettacolo inizia alle 21.00 e dura ben quattro ore alternando cantanti, cantautori, suonatori e cabarettisti. Il posto è magico già da fuori col suo bel affresco sulle pareti rosa esterne che raffigura appunto un lepre agile. Si entra in un locale con luci basse e soffuse e si viene scortati dentro ad una piccola stanza in cui si è tutti intorno al piano e ai suonatori. Molte delle canzoni sono tradizionali e conosciute da tutti (noi eravamo vicino a quattro vecchietti che hanno cantato tutto il tempo), la Lonley Planet lo apostrofava come locale molto turistico ma a noi non è sembrato per nulla tale anzi abbiamo passato qui una bellissima serata!

ti è piaciuto quello che hai letto?

Condividilo

Ricevi i nostri racconti via email

* = campo richiesto!

Cosa ne pensi? Lascia un commento

Moglie e marito, lei viaggia da sempre e lui non quanto avrebbe voluto, lei fotografava prima e lui lo fa adesso, lei scrive e lui disegna fumetti, lei recita e lui suona la chitarra, lei è laureata e lui autodidatta, lei ama le lingue e lui ascoltarla, a lei piace il design e a lui il R’n’R, lei ha gli occhi azzurri e lui due basettoni, lei ha detto di sì quando lui le ha chiesto di sposarlo dopo tre mesi in un ristorante turco a Berlino. Ah, dimenticavo, da due anni lei è mamma e lui papà.